Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

frasi fatte.

Esse vengono richiamate nel testo usando: "&" + entity-name + ";".

L'entity-value possono essere gli stessi delle attribute-type più %Text.

4. ATTRIBUTI:

<!ATTLIST element-name attribute-name attribute-type attribute-value>

Dove element-name è il nome dell'elemento che possiede tale attributo

denominato attribute-name.

L'attribute-type può essere un tag tra CDATA, ID/IDREF/IDREFS,

ENTITY/ENTITIES, NMTOKEN/NMTOKENS oppure NOTATION.

L'attribute-type può essere un valore enumerated (en1|en2) seguito da un

default-value tra virgolette come attribute-value.

Altri attribute-value possono essere #REQUIRED, #IMPLIED o #FIXED.

## XML

1. Cos'è l'XLM:

Un documento .xml è costituito da un prologo contenente la dichiarazione

XML <?xml version="1.0"?> ed una DTD o un riferimento ad essa tramite il tag <!

DOCTYPE note SYSTEM "note.dtd">.

L'XML definisce un'istanza di documento che contiene: testo libero,

commenti, sezioni CDATA, istruzione di processamento e le istanze di elementi,

entità ed attributi definiti nel DTD.

2. Formato dell'XML:

Le istanze di elementi, entità ed attributi sono dei tag <nome></nome>

che possono essere opportunamente annidati tra loro, possono essere vuoti

<nome/> o avere degli attributi <nome="Roberto"></nome> o <nome="Roberto"/>.

4. CDATA:

Le sezioni CDATA iniziano con <![CDATA[ e finiscono con ]]>, e consentono

di inserire testo libero anche contenente caratteri riservati; per inserire

commenti si usano i tag <!-- --> e non è necessario annidarli in sezioni CDATA

per l'utilizzo di caratteri riservati.

</esercizio>

<esercizio="Esercizio 4">

## XSL e XSLT

XSL rappresenta un insieme di linguaggi per operare sull'XML: XSLT (per

trasformare l'XML), XPath (per navigare), XSL-FO (per formattare) e XQuery (per

realizzare delle query).

XSLT (eXtensible Stylesheet Language Transformations) è il raccomandato

linguaggio di stile per l'XML come lo è il CSS per l'HTML, anche se è molto

più sofisticato di quest'ultimo: si può utilizzare per aggiungere o rimuovere

elementi ed attributi su o da un determinato file di output, può spostare ed

ordinare elementi, eseguire dei test, prendere decisioni su quali elementi

mostrare o nascondere e molto altro ancora.

XSLT utilizza XPath per cercare informazioni all'interno di un documento

XML.

1. Il documento XSLT ha il seguento formato:

<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?>

<xsl:stylesheet xmlns:xsl="http://www.w3.org/1999/XSL/Transform"

version="1.0">

+

<xsl:output method="xml"/> se deve solo essere modificato un file XML

o

<xsl:output method="html"/> se deve essere generato un file HTML a partire

da un file XML

+

corpo dell'XSLT

+

</xsl:stylesheet>

Nel documento XML invece deve essere aggiunto il collegamento <?xml-

stylesheet type="text/xsl" href="link.xsl"?> se il foglio di stile XSLT deve

essere importato da un file esterno.

2. Il corpo è costituito da istruzioni template:

<xsl:template match="/"> è utilizzato per costruire un template,

l'attributo match è usato per associare un template ad un elemento dell'XML.

Con match="/" si definisce l'intero documento, con match="text()" tutte le parti

testuali del documento, con match="*" tutti gli elementi che non sono stati

precedentemente definiti, con match="/*" la radice, con match="/*/*" i figli

della radice e così via. Se si vuole definire soltanto un certo figlio "a" si

può fare un match="/*/a" su di esso, mentre per un certo nipote si potrà fare

match="/*/*/a".

</xsl:template>

<xsl:apply-templates/> applica ricorsivamente il template, se

richiesto va inserito dentro l'element name per copiare ricorsivamente il

contenuto del template oppure prima della chiusura del template per far salire

di livello il template.

<xsl:element name="{name()}"> crea in output un elemento "nome" nel

livello gerarchico indivudato dal template match. Si può usare name="{name()}"

per mantenere il nome del documento di input copiandolo nel documento in output.

</xsl:element>

<xsl:attribute name="nomeAttributo"> crea per un elemento un

attributo di nome nomeAttributo e di valore da attribuire con value-of

</xsl:attribute>

<xsl:value-of select="name()"/> copia il valore di un nodo del

documento in input nel documento in output, ad esempio se si vuole dare un

valore ad un attribute copiando il nome dal file di input si può usare

select="name()".

3. Utilizzo delle istruzioni per modificare l'XML:

a. Per ignorare completamente un certo elemento è sufficiente realizzare

un template match vuoto su di esso.

b. Per copiare un elemento ma ignorarne il contenuto si può fare un

template match con un element name="{name()}" al suo interno.

c. Per copiare un elemento e copiare ricorsivamente anche il suo contenuto

si può fare un template match, con all'interno un element name="{name()}" e

ancora al suo interno un apply-templates.

d. Per far diventare figlio della radice un elemento che ne è

inizialmente nipote, occorre fare come al punto c ma mettere l'apply-templates

fuori dall'element name, quindi subito prima della chiusura del template.

</esercizio>

<esercizio="Esercizio 5">

## AJAX

1. Cos'è l'AJAX:

E' una tecnologia basata su JavaScript che consente l'interazione

asincrona tra web client e web server: il primo (browser) fa una richiesta al

server ma, a differenza delle altre forme di interazione previste, non si

interrompe fino all'arrivo della risposta. XMLHttpRequest (o XHR) è l'oggetto

che permette la comunicazione asincrona, per attivare tale tipo di comunicazione

il client deve creare un nuovo oggetto di questo tipo ed usare gli attributi ed

i metodi di quest'ultimo.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

5

PESO

11.23 KB

AUTORE

Falkons

PUBBLICATO

5 mesi fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Ciao a tutti! Con questi appunti, credo che riuscirete a superare senza problemi gli esercizi 4, 5 e 6 dell'arduo esame di Linguaggi e Tecnologie per il Web di Riccardo Rosati. Purtroppo non ho scritto appunti per gli esercizi 1, 2 e 3 in quanto fui esonerato portando il progetto, pertanto vendo questi appunti a metà del solito prezzo con cui propongo appunti (molto apprezzati su Skuola.net).
Spero che vi siano di aiuto come lo sono stati con me, in bocca al lupo!


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria informatica e automatica
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Falkons di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguaggi e Tecnologie per il Web e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Rosati Riccardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in ingegneria informatica e automatica

Sistemi di Calcolo parte 2 - Tutta la teoria
Appunto
Basi di dati
Appunto
Algoritmi e Strutture Dati - Tutta la teoria e tutti i codici che servono
Appunto
Basi di Dati - Come fare gli esercizi e tutta la teoria
Appunto