Che materia stai cercando?

Valutazione di azienda - Brembo Appunti scolastici Premium

Lavoro di valutazione di azienda con metodo dei multipli, DCF e regressione per la società Brembo basato su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Villa dell’università degli Studi Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt. Scarica il file in formato PDF!
Valutazione 30L.

Esame di Finanza aziendale docente Prof. G. Villa

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Anno  Scolastico  2014/2015  

 

 

 

 

Descrizione  Azienda  

Brembo   nasce   nel   1961   da   Emilio   Bombassei,   padre   dell’attuale   Presidente,   a   pochi   chilometri   da  

Bergamo   come   officina   sotto   il   controllo   della   Breda   (il   nome   Brembo   è   l’acronimo   di  

Breda  Emilio  Bombassei).  Grazie  a  qualità,  innovazione  e  competenza,  il  gruppo  è  oggi  leader  mondiale  

nella   tecnologia   degli   impianti   frenanti   a   disco   per   veicoli   e   il   suo   core   business   si   sostanzia   nella  

progettazione,   produzione,   montaggio   e   vendita   di   sistemi   frenanti   al   servizio   dei   più   prestigiosi  

costruttori  mondiali  presenti  nel  settore  automobilistico,  motociclistico  e  dei  veicoli  commerciali.    

 

Industry  Overview  

Brembo  è  una  società  multinazionale  operante  in  Europa,  America,  e  Asia  e  con  siti  produttivi  di  varie  

dimensioni   distribuiti   in   sedici   nazioni.   La   produzione   è   situata   in   Italia,   presso   il   Parco   Scientifico  

Tecnologico   Kilometro   Rosso   vicino   a   Brescia,   ed   anche   in   Polonia,   Regno   Unito,   Repubblica   Ceca,  

Repubblica  Slovacca,  Germania,  USA,  Messico,  Brasile,  Argentina,  Cina  e  India.  Le  attività  di  distribuzione  

e  vendita  avvengono  tramite  società  ubicate  in  Spagna,  Svezia,  Francia,  Germania,  Cina  e  Giappone.  

La  strategia  seguita  dalla  società  è  quella  di  farsi  largo  nel  mercato  internazionale  attraverso  acquisizioni  

strategiche,   rapporti   di   collaborazione   con   le   case   automobilistiche/motociclistiche.   Pone   particolare  

attenzione  a  quei  Paesi  che  ospitano  i  siti  produttivi  dei  suoi  principali  clienti,  allo  scopo  di  massimizzare  

la   rapidità   e   l’efficienza   delle   forniture   dei   suoi   prodotti,   con   particolare   attenzione   ai   Paesi   in   via   di  

sviluppo.          

Analizzando   il   mercato   in   cui   opera   Brembo,   possiamo   suddividerlo   in   Original   Equipment   (OE),  

costituito   dai   costruttori   di   veicoli,   e   After   Market   (AM),   rappresentato   dal   mercato   del   ricambio   post  

vendita.  Brembo  è  molto  attiva  in  entrambi  i  settori:  da  un  lato   progetta,  produce  e  fornisce  in  esclusiva  

i  sistemi  frenanti  per  i  suoi  clienti  costruttori,  dall’altro  realizza  e  commercializza  i  ricambi  per  i  veicoli  di  

cui   non   ha   l’esclusiva   sul   primo   equipaggiamento,   raggiungendo   in   questo   modo   una   copertura   quasi  

totale  del  parco  circolante  automobilistico.    

La  gamma  di  prodotti  offerti  non  si  limita  ai  sistemi  frenanti  ad  alte  prestazioni  di  autovetture,  motocicli  

e  veicoli  commerciali,  ma  include  anche  frizioni,  sedili,  cinture  di  sicurezza  e  altre  componenti  per  il  solo  

settore   delle   competizioni.  

Le  aree  prodotto  sono  così  ripartite:    

Brembo  è  proprietaria  dei  marchi  Brembo,  Breco,  ByBre,  Marchesini,  Sabelt  e  opera  anche  attraverso  il  

marchio  AP  Racing.  

Analizzando  i  ricavi  secondo  una  suddivisione  geografica,  vediamo  come  questi  siano  generati  per  il  60%  

in   Europa,   dove   la   Germania   rappresenta   il   primo   mercato,   con   un   24%   a   testimonianza   del   grande  

interesse   di   Brembo   verso   i   marchi   premium   tedeschi.   In   realtà   si   tratta   di   un   trend   decrescente,   dal  

momento  che  nel  2006  rappresentava  circa  l’80%  del  fatturato.  

Il  secondo  mercato,  sempre  più  in  crescita,  passando  da  un  25.5%  nel  2010  al  30.1%  del  2014,  è  quello  

americano.  

Infine   un   ruolo   particolare   è   ricoperto   dagli   emerging   markets,   come   India,   Cina,   Polonia   e   Brasile,   dove  

Brembo  sta  consolidando  la  sua  presenza  industriale  con  nuovi  investimenti.    

 

Per  il  raggiungimento  di  questi  obiettivi,  Brembo  ha  dato  avvio  ad  un  notevole  processo  d’investimenti  

affiancato  da  una  continua  attività  di  ricerca  e  sviluppo.  Negli  ultimi  5  anni  sono  stati  fatti  investimenti  

per  642  milioni  di  euro  distribuiti  come  segue.    

 

Struttura  del  Gruppo  

Dal  1995  Brembo  è  una  società  quotata  in  Borsa.  Attualmente  fa  parte  del  segmento  di  mercato  STAR,  il  

segmento  riservato  ai  titoli  ad  alti  requisiti.    

Sotto  il  profilo  dell’azionariato,  la  famiglia  Bombassei,  attraverso  la  propria  finanziaria  Nuova  Fourb  Srl  è  

il  socio  di  maggioranza  del  gruppo  Brembo  con  il  54%  del  capitale  sociale.    

 

Come  citato  gli  stabilimenti  del  Gruppo,  si  distribuiscono  su  tre  continenti  pertanto  la  gestione  avviene  

tramite  società  controllate  con  lo  scopo  di  operare  direttamente  nei  singoli  Paesi.    

Qui  di  seguito  la  struttura  del  Gruppo  con  le  varie  controllate:  

 

Analisi  Storica  

Brembo   si   è   affermata   nei   suoi   50   anni   di   storia   grazie   alla   continua   innovazione   perseguita   dal   Gruppo,  

che   ha   permesso   alla   società   di   diventare   l’unico   fornitore   di   case   automobilistiche   premium,   a   livello   di  

Ferrari,   Lamborghini   e   Maserati,   diventando   leader   nelle   corse   equipaggiando   numerosi   top   team   di  

Formula  1  tra  cui  Ferrari,  Red  Bull  e  Mercedes.    

Qui  di  seguito  i  principali  eventi  storici  del  Gruppo:  

•  1961:  Brembo  viene  fondata  da  Emilio  Bombassei    

•  1964:  avviata  la  produzione  dei  primi  dischi  freno  descnac  al  mercato  del  ricambio  

1960   •  1972:  fornitura  per  Moto  Guzzi,  il  marchio  Brembo  compare  sulle  migliori  motociclede  europee  

  •  1975:Enzo  Ferrari  affida  all'azienda  bergamasca  la  monoposto  più  prescgiosa  della  Formula  1  

1970   •  1983:  concordato  l'ingresso  nel  capitale  sociale  della  Kelsey-­‐Hayes,  gruppo  mulcnazionale  

statunitense      

•  1885:sceglie  di  competere  anche  nel  segmento  dei  veicoli  industriali  diventando  fornitore  per  Iveco,  

1980   Renault  Veicoli  Industriali  e  Mercedes.    

•  1995  viene  quotata  alla  Borsa  Valori  di  Milano  

•  mercato  brasiliano:  l’acquisto  della  società  brasiliana  Alfa  Real  Minas  per  la  lavorazione  di  dischi  

1990   freno  per  auto    da  inizio  a  un  processo  di  espansione  sul  mercato  internazionale  

•  acquisizione  società  inglese  AP  Racing  Limited,  specializzata  nell  sedore  delle  compeczioni  ,e  del  

70%  di  Marchesini,  specializzata  nella  realizzazione  di  ruote  in  magnesio.  

•  2003:  nasce  la  Brembo  Ceramic  Brake  Systems  SpA:  si  trada  di  una  joint  venture  tra  Brembo  e  

2000   Daimler  Chrysler  AG  per  lo  sviluppo  e  la  realizzazione  di  dischi  freno  in  carbonio  ceramico.    

•  mercato  cinese:  Brembo  acquisita  una  fonderia  di  ghisa  da  Donghua  Automocve  Industral  Co.  Ltd,  il  

primo  produdore  cinese  di  auto  e  veicoli  commerciali.  

•  incrementata  la  penetrazione    nel  mercato  cinese  grazie  alla  joint  venture  siglata  con  Yuejin  Motor  

2003   Group    

•  mercato  indiano:  nel  2005  nasce  KBX  Motorbike  Products  Private  Ltd  

•  mercato  europeo:    Brembo  investe  sulla  Polonia,  dove  nel  2006  viene  inaugurata  a  Dabrowa  

2005   Gornicza  la  terza  fonderia  del  Gruppo  

• 2  007:Brembo  inaugura  il  nuovo  Centro  Ricerche  e  Sviluppo  all’interno  del  Parco  Sciencfico  

Tecnologico  Kilometro  Rosso  

•  Repubblica  Ceca:  invescmento  di  35  milioni  di  euro  per  un  nuovo  stabilimento  .L’azienda  entra  in  un  

2007   segmento  denominato  mid  premium  (berline  di  media  e  alta  gamma)  

•  L'aovità  el  Gruppo  si  estende  alla  progedazione  e  produzione  di  sistemi  di  sicurezza  passiva,  grazie  

all'acquisizione  del  marchio  Sabelt  

•  Brembo  inaugura  lo  stabilimento  in  India  per  la  produzione  di  sistemi  frenanc  per  motocicli  e  

2009   scooter  e  lancia  il  nuovo  marchio  Bybre,  acronimo  di  “By  Brembo”.    

Prendendo  in  esame  gli  ultimi  5  anni,  la  società  ha  attraversato  una  fase  di  crescita  importante  con  un  

aumento   notevole   dei   ricavi   passando   da   1.1   mln   €   a   1.8   mln   €   e   un   incremento   del   Risultato   Operativo  

che  nel  2014  ha  fatto  registrare  un  EBITDA  Margin  del  15,5%.      

L’espansione  internazionale  verso  i  mercati  emergenti  è  stata  un  elemento  rilevante  che  ha  permesso  di  

aumentare   le   vendite   anche   in   queste   aree,   andando   incontro   ad   nuova   domanda   di   mercato   che   ha  

consentito   di   innalzare   ulteriormente   il   fatturato.   Per   quanto   riguarda   l’equilibrio   finanziario,   la  

situazione   è   ottimale   ed   è   dimostrato   dall’   indice   d’   indebitamento   netto   su   EBITDA   che   si   attesta  

costantemente  sotto  l’unità.  

La  posizione  di  leader  del  mercato  insieme  alla  qualità  del  tessuto  societario  e  la  struttura  finanziaria  del  

Gruppo  (caratterizzata  da  un  livello  di  equity  prossimo  al  90%),  permette  di  avere  un  costo  debito  pari  a  

2,62%  e  bassi  oneri  finanziari.    Gli  oneri  finanziari  su  ricavi  si  attestano  tra  lo  0,5%  e  lo  0,8%  ad  eccezione  

del   2011   dove   abbiamo   un   1,5%.   A   livello   di   redditività   invece,   il   R.O.I.   cresce   in   modo   consistente   a  

testimonianza   dell’incremento   costante   del   reddito   prodotto   dalla   gestione   caratteristica.    

Anche  il  R.O.E.  raddoppia  nell’orizzonte  temporale  considerato  e  arriva  a  toccare  un  livello  del  24%.  Si  

può   inoltre   osservare   che   la   posizione   finanziaria   netta   (PFN),   dopo   un   primo   incremento   nell’ultimo  

anno   considerato,   si   è   ridotta   poi   di   un   importo   rilevante   a   conseguenza   di   una   liquidità   raddoppiata  

rispetto  all’anno  precedente.    

Considerando   gli   Indici   di   Rotazione   si   può   osservare   un’ottimizzazione   nel   corso   degli   anni   della  

gestione  del  magazzino,  che  si  rinnova  più  rapidamente  rispetto  al  passato  permettendo  così  il  recupero  

delle   risorse   finanziarie   investite   in   un   numero   minore   di   giorni   (genera   cassa).   Anche   la   dilazione  

concessa   ai   clienti   è   migliorata   arrivando   a   48gg,   circa   la   metà   di   quelli   concessi   dai   fornitori   sugli  

acquisti.      

Si  evince  quindi  una  situazione  di  vantaggio  per  la  società  rispetto  all’equilibrio  che  vedrebbe  la  parità  

tra   le   due   dilazioni:   il   Gruppo   riesce   a   finanziarsi   dilazionando   il   pagamento   verso   fornitori.  

Dinamica  è  confermata  dal  fatto  che  all’interno  del  passivo  corrente  il  peso  dei  debiti  commerciali  risulta  

costantemente  superiore  a  quello  dei  debiti  v/banche.  

In   tal   senso   si   sottolinea   che   le   controparti   con   le   quali   Brembo   ha   rapporti   commerciali   sono  

principalmente  primarie  case  automobilistiche  e  motociclistiche  con  standing  creditizio  elevato.  

 

 

Previsione  sui  Ricavi  

 

Per   la   previsione   del   tasso   di   crescita   dei   ricavi   di   Brembo   abbiamo   assunto   un   mercato   globale   in  

crescita.   Infatti   nonostante   l’andamento   negativo   del   mercato   locale   brasiliano,   l’andamento   delle   varie  

aree  geografiche  in  cui  Brembo  opera  è  in  grado  ampiamente  di  compensare  questo  singolo  mercato.  

Dal   punto   di   vista   macroeconomico   è   stata   manifestata   la   volontà   da   parte   del   management   di   voler  

arrivare  entro  il  2020  ad  avere  un  equilibrio  perfetto  del  business  tra  le  tre  aree  del  mondo,  con  un  peso  

rispettivamente  di  un  terzo  ciascuna.  

La   situazione   di   variazione   dei   tassi   di   cambio   può   essere   considerata   ininfluente   poiché   Brembo  

produce   e   commercializza   direttamente   nei   mercati   stranieri   in   cui   opera   e   riesce   così   a   godere   di   un  

hedging  naturale  tra  l’esposizione  creditorie  e  debitorie  verso  il  rischio  di  cambio.  

Abbiamo  basato  la  nostra  stima  previsionale  su  tre  principali  studi  e  ulteriori  considerazioni:  

 

1)   Regredendo   l’andamento   percentuale   dei   ricavi   storici   conseguiti   da   Brembo   negli   anni   1994-­‐2014  

sull’andamento   del   Pil   globale   (reale   o   nominale),   abbiamo   ottenuto   una   correlazione   significativa   al  

95%,  con  un  beta  di  4,07.  Abbiamo  in  un  primo  momento  provato  la  regressione  sia  con  i  dati  trimestrali  

dei   periodi   sopraccitati,   sia   per   singole   aree   geografiche,   per   avere   la   possibilità   di   utilizzare   una   serie  

storica   di   dati   maggiore   e   più   specifica.   Tuttavia   non   abbiamo   ottenuto   stime   significative,   quindi  

abbiano   optato   per   un’assunzione   più   generale   e   ci   siamo   basati   sul   Pil   mondiale  year   on   year   storico  

effettivo  e  previsto.  

In  particolare  abbiamo  considerato  lo  scarto  storico  delle  variazioni  dei  rendimenti  di  Brembo  rispetto  

alle   variazioni   del   Pil   mondiale   negli   anni.   Una   volta   estrapolata   la   media   di   questi   scarti,   abbiamo  

previsto   i   ricavi   futuri   di   Brembo   prendendo   in   considerazione   le   stime   future   di   Pil   moltiplicate   per   il  

Beta   trovato,   a   cui   poi   abbiamo   sottratto   lo   scarto   storico   medio.   Considerando   il   campione   intero   o  

escludendo  gli  anni  del  break    dovuti  alla  crisi,  2009  e  2010,  la  media  degli  scarti  è  pressoché  invariata.    

 

 

Segue  il  calcolo  effettuato  e  il  risultato  della  regressione:    

  40,00%  

20,00%  

0,00%   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21  

-­‐20,00%  

-­‐40,00%   Brembo  sales   delta  pil      

   

OLS, usando le osservazioni 1994-2014

Variabile dipendente: BREMBO

Coefficiente Errore Std. rapporto t p-value

PIL mondiale 4.06894 0.595524 6.8325 <0.0001 ***

R-quadro 0.700076 SQM var. dipendente 0.121625

Log-verosimiglianza 17.28458 P-value(F) 1.22e-06

2)   Rendendoci   conto   che   la   stima,   usando   una   regressione   basata   sul   Pil   era   di   carattere   troppo  

generale,   abbiamo   preso   in   considerazione   le   previsioni   dei   ricavi   dei   principali   clienti   Brembo   previsti  

dal  mercato  (fonte  Bloomberg),  suddivisi  per  i  rispettivi  segmenti.  Per  la  stima,  abbiamo  verificato  che  la  

media  dei  tassi  di  crescita  dei  principali  clienti  Brembo  risulta  sempre  inferiore  alla  crescita  delle  sales  

del   Gruppo,   quindi   abbiamo   preso   lo   scostamento   medio   applicandolo   ai   tassi   previsionali   di   crescita  

delle   sales   dei   clienti   Brembo.   La   previsione   dei   ricavi   sottostante   considera   anche   il   peso   nei   diversi  

settori  che  abbiamo  ipotizzato  rimanere  costanti  nel  futuro.    

3)   Analizzando   infine   i   tassi   di   variazione   storici   e   previsionali   delle   vendite   mondiali   di   auto   e   veicoli  

commerciali,   vediamo   come   ci   sia   stata   una   diminuzione   dei   tassi   di   crescita   negli   ultimi   5   anni    

Ora   sembra   esserci   un   inversione   di   trend,   che   mostra   una   crescita   progressiva   ma   con   un   tasso  

decisamente  più  modesto.    

Infine  dal  punto  di  vista  degli  investimenti,  Brembo  ha  voluto  andare  controcorrente  negli  anni  della  crisi  

investendo   notevolmente   e   il   management   conta   di   conseguire   nei   prossimi   anni   una   forte  

accelerazione  della  crescita  dei  ricavi  nei  paesi  in  via  di  sviluppo,  puntando  dapprima  al  Nord  America  e  

successivamente  all’India,  Cina  e  paesi  emergenti  Europei,  al  fine  di  essere  presente  con  lo  stesso  peso  

nei   diversi   mercati.   A   questo   proposito   sono   da   sottolineare   gli   investimenti   fatti   negli   USA:   la   società  

nel   mese   di   Maggio   ha   inaugurato   il   nuovo   stabilimento   di   Homer,   in   Michigan,   che   produce   sistemi  

frenanti  per  i  principali  clienti  dell’  automotive  nel  mercato  nordamericano.  E’  stato  inoltre  annunciato  

l’avvio  della  costruzione  di  una  fonderia  di  ghisa  in  un’area  adiacente,  al  fine  di  integrare  verticalmente  

la   capacità   produttiva   anche   in   questo   sito,   garantendo   una   migliore   efficienza   del   processo.   I   lavori  

inizieranno  nel  2015  e  si  concluderanno  nel  2017,  con  un  investimento  di  74  milioni  di  euro.  Nello  stesso  

triennio,   con   un   investimento   di   32   milioni   di   euro,   verranno   realizzati   in   Messico   una   fonderia   e   un  

nuovo  stabilimento  per  la  produzione  di  pinze  in  alluminio,  che  inizierà  la  produzione  già  nel  2016.      

Compariamo  quindi  il  tasso  di  crescita  delle  prime  due  analisi,  con  la  variazione  percentuale  stimata  nel  

settore   automotive,  che  è  comunque  in  crescita  ma  con  un  ritmo  inferiore.  


PAGINE

20

PESO

2.07 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in economia dei mercati e degli intermediari finanziari
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher lorenzomanzini di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Finanza aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Villa Gabriele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Finanza aziendale

Valutazione Piaggio
Esercitazione
Informativa Finanziaria e Principi Contabili Internazionali (parte teorica), prof. Andrea Lionzo
Appunto
Appunti completi corporate governance
Appunto
Valutazione Piaggio
Esercitazione