Simulazioni maturità 26 marzo, prima prova: tracce e soluzioni

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri

simulazioni prima prova 2019

A poco più di un mese di distanza dalla prima simulazione nazionale di prima prova, svolta lo scorso 19 febbraio, martedì 26 marzo il Miur ha pubblicato sul proprio sito - nella sezione ‘Esami di Stato’ - le tracce della seconda (e ultima) simulazione ufficiale dello scritto d'italiano, in vista della Maturità 2019. Alle ore 8:30, inoltre, il ministero dell'Istruzione ha inviato alle scuole le stesse tracce, per agevolare il compito di quegli istituti che vorranno far esercitare i propri maturandi sfruttando l'effetto sorpresa (anche se non sono obbligati a farlo). Come se fosse il 19 giugno, giorno della prima prova scritta della Maturità 2019. Noi di Skuola.net, per aiutare i ragazzi interessati, seguiremo tutta la giornata e aggiorneremo il sito con tutte le informazioni utili: tracce, soluzioni, commenti, notizie della simulazione maturità 2019. In questa pagina potrete trovare tutti i collegamenti necessari per approfondire i temi proposti dal Miur e per farvi un'idea di come andavano sviluppati.

Clicca su questa pagina per conoscere le principali novità della Maturità 2019


Maturità 2019: simulazione prima prova del 26 marzo


Simulazione prima prova maturità 2019 del 26 marzo: le tracce scelte dal miur

Ecco, dunque, gli argomenti scelti dal Miur per questa seconda simulazione di prima prova. Per quanto riguarda l'analisi del testo, per la prosa è stato proposto un brano tratto dal Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello mentre per la poesia il protagonista è Eugenio Montale con L’agave sullo scoglio (tratto dalla raccolta Ossi di Seppia). Per il testo argomentativo, invece, i maturandi si potranno cimentare con una traccia sul Made in italy (partendo da un brano tratto da un libro di Selena Pellegrnini) oppure sulla diffusione dell'Intelligenza Artificiale nella vita quotidiana (lo spunto è un articolo di Guido Castellani e Marco Morello, dal titolo "Vita domotica. Basta la parola") o, ancora, sul centenario della vittoria italiana nella I Guerra Mondiale e, in particolare, sulla questione del Friuli Venezia Giulia (partendo un articolo di Paolo Rumiz dal titolo L'eredità del 4 novembre. Cosa resta all'Italia un secolo dopo la vittoria). Infine il tema d'attualità: la prima traccia è sul Viaggio e sulla fuga dalla routine di tutti i giorni, la seconda è invece sulla Nostalgia. I nostri tutor sono già al lavoro per indicare la possibile soluzione delle tracce, che sarà pubblicata il prima possibile. Tenete d'occhio questa pagina: è in costante aggiornamento.

Tracce Simulazioni Prima Prova Maturità 2019 del 26 marzo

- Tipologia A - Analisi del testo 1 - Eugenio Montale: L'agave sullo scoglio (traccia)
- Tipologia A - Analisi del testo 2 - Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (traccia)
- Tipologia B - Testo argomentativo 1 - Il marketing del Made in Italy (traccia)
- Tipologia B - Testo argomentativo 2 - Intelligenza Artificiale e domotica (traccia)
- Tipologia B - Testo argomentativo 3 - L'eredità del 4 novembre 1918: Trieste (traccia)
- Tipologia C - Tema d'attualità 1 - Il Racconto e il Viaggio (traccia)
- Tipologia C - Tema d'attualità 2 - La Nostalgia (traccia)

Soluzioni Simulazioni Prima Prova Maturità 2019 del 26 marzo

- Tipologia A - Analisi del testo 1 - Eugenio Montale: L'agave sullo scoglio (soluzione)
- Tipologia A - Analisi del testo 2 - Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (soluzione)
- Tipologia B - Testo argomentativo 1 - Il marketing del Made in Italy (soluzione)
- Tipologia B - Testo argomentativo 2 - Intelligenza Artificiale e domotica (soluzione)
- Tipologia B - Testo argomentativo 3 - L'eredità del 4 novembre 1918: Trieste (soluzione)
- Tipologia C - Tema d'attualità 1 - Il Racconto e il Viaggio (soluzione)
- Tipologia C - Tema d'attualità 2 - La Nostalgia (soluzione)

Prima prova Maturità 2019: come si svolgono le simulazioni

Proprio per permettere agli studenti di svolgere un’esercitazione il più possibile aderente alla prova d’esame vera e propria su cui dovranno cimentare a giugno, il tempo a disposizione dei maturandi sarà pari a 6 ore; per ciò che riguarda la valutazione , invece, è stata lasciata autonomia alle scuole, ognuna delle quali deciderà se assegnare un voto che faccia media o meno. Lo stesso discorso sarà esteso anche alla seconda simulazione di seconda prova che avrà luogo il prossimo 2 aprile, anche qui ricalcando le stesse modalità previste per la seconda prova d’esame.


Maturità 2019: la prima prova scritta

Le simulazioni di prima e seconda prova del 26 marzo e del 2 aprile, precedute da quelle del 19 febbraio e del 28 febbraio, concludono il ciclo di simulazioni stabilito dal Miur, propedeutico alla preparazione dei maturandi che il 19 giugno si troveranno alle prese con la prima prova d’esame ufficiale e il 20 giugno con la seconda prova scritta. Rimanendo allo scritto d'italiano, ricordiamo che gli studenti potranno scegliere tra ben 7 tracce, divise in 3 tipologie:

- 2 tracce di analisi del testo (Tipologia A);
- 3 tracce di testo argomentativo (Tipologia B);
- 2 tracce di tema di attualità (Tipologia C).

Prima prova maturità 2019: la Tipologia A - Analisi del testo

Per questa Maturità 2019 ci sono importanti novità riguardanti l’analisi del testo - la Tipologia A - che mira a verificare la pertinenza e la profondità di comprensione di un determinato brano da parte dello studente. Una delle grandi novità introdotte dalla riforma riguarda il numero di testi proposti: da quest’anno, infatti, sarà possibile scegliere fra due tracce della tipologia A che, per questo, potranno presentarsi una in veste di poesia e l’altra di prosa, attinte entrambe dal programma d'italiano, come è puntualmente accaduto ad esempio nella simulazione dello scorso 19 febbraio. Altra novità riguarda il periodo storico a cui i brani o gli autori appartengono: sarà possibile infatti trovare brani distribuiti in un arco di tempo compreso fra l’Unità d’Italia e i nostri giorni. Molto probabile che il Ministero opti per un autore di fine Ottocento o inizio Novecento e un'altro più vicino ai nostri giorni (dal secondo dopoguerra in poi).

Passando ad analizzare la struttura vera e propria della traccia, la Tipologia A si dividerà in due parti: la prima di ‘Comprensione e analisi’ è divisa in 4-5 domande a risposta aperta finalizzate a verificare sia l’acquisizione dei contenuti sia quella più minuziosa che prevede l’individuazione e la spiegazione delle parti più significative del testo. Le modalità di risposta (se punto per punto oppure in un unico discorso esteso che deve seguire lo stesso determinato ordine di successione delle domande stesse) sono chiarite dalla traccia.
La seconda parte, invece, è costituita dall’‘Interpretazione’ che rappresenta uno spazio di esposizione meno analitico e più incline al commento interdisciplinare, che a volte è possibile arricchire con la citazione delle proprie “letture ed esperienze”, purché attinenti al tema cardine della traccia.

Prima prova maturità 2019: la Tipologia B - Testo argomentativo

Da quest’anno il numero maggiore di tracce è assegnato al testo argomentativo, la Tipologia B, che soppianta e sostituisce con alcune variazioni il tradizionale saggio breve. Qui la grande novità è senza dubbio quella che elimina la prerogativa della conoscenza del testo e dell’argomento in questione (necessaria invece nell’approccio al vecchio saggio breve) poiché i brani proposti saranno difficilmente conosciuti dagli studenti, in quanto appartenenti a diversi ambiti (possono essere ad esempio tratti da articoli di giornale, editoriali, saggi, trattati, ecc) di molteplici settori (storico, scientifico, sociale, artistico ecc). Altra differenza di peso rispetto al saggio breve è la precisa intenzione di stimolare e premiare il ragionamento e il pensiero di ogni studente, chiamato ad articolare e argomentare le proprie riflessioni sul tema trattato.

Anche questa tipologia si divide in due parti: nella prima di ‘Comprensione e analisi’ il candidato è chiamato a rispondere a 4-5 quesiti a risposta aperta che riguardano per lo più la verifica dei contenuti principali riportati nel testo e per questo spesso rimandano all’individuazione della tesi dell’autore e dell’eventuale antitesi. La seconda parte di ‘Produzione’ richiede invece allo studente di argomentare le proprie riflessioni e considerazioni in un discorso coerente nei contenuti e coeso nella forma, dove è possibile estendere i propri pensieri anche sul piano di alcuni fatti di attualità, di conoscenze personali e/o maturate in tutto l’arco del percorso formativo.

Prima prova maturità 2019: la Tipologia C - Tema di attualità

Due sono le tracce tra cui è possibile scegliere per il tema di attualità, rappresentato dalla Tipologia C, in cui è richiesta una riflessione critica di tipo espositivo-argomentativo.
È questa forse la traccia dove è lasciata più libertà di espressione e di pensiero agli studenti in quanto si vuole stimolare una riflessione omogenea sull’argomento, a partire dal testo proposto, sulla base delle proprie ‘esperienze, conoscenze e letture personali’. È possibile inoltre dividere il proprio tema in paragrafi ed inserire un titolo principale e significativo che abbracci tutto il discorso svolto.

Skuola | TV
Maturità 2019: il totoesame del conduttore di Piazzapulita

Chiederemo a Corrado Formigli, giornalista e conduttore della trasmissione Piazzapulita, quali sono i principali fatti di attualità che i maturandi come te dovrebbero tenere sottocchio, ma anche come scrivere un buon testo argomentativo.

16 aprile 2019 ore 15:30

Segui la diretta