Tutor 42251 punti

gli eventi legati al lancio della bomba nucleare di Hiroshima


La decisione di lanciare le bombe nucleari


Il lancio delle bombe nucleari verso Hiroshima e Nagasaki in Giappone fu senz’altro uno degli eventi che segnarono le sorti del mondo nel corso della Seconda Guerra mondiale. Quest’evento ebbe segnato anche la fine delle ostilità, causando però tantissimi morti. Le forze alleate la mattina del 6 agosto 1945 lanciarono una bomba nucleare devastante nella città giapponese di Hiroshima, precisamente alle 8:15 del mattino. Tre giorni decisero di lanciare la seconda bomba invece nella cittadina di Nagasaki. I morti furono per la maggior parte civili innocenti ed inermi e gli effetti furono talmente devastanti che le vittime furono tantissime.

Descrizione generale degli eventi


La decisione di lanciare le due bombe nucleari fu portata avanti dagli Stati Uniti quando si accorsero che la guerra stava diventando un evento logorante, lungo e che stava provocando morti sia tra i civili sia tra le forze alleate. L’obiettivo quindi era quello di accorciare i tempi di durata del conflitto in atto, portando avanti un vero e proprio attacco nucleare al Giappone alleato della Germania e dell’Italia in guerra, come già era stato previsto. Il perché del lancio delle due bombe nucleari fu anche oggetto di grandi discussioni: alcuni sostenevano che le due bombe nucleari furono lanciate dagli Stati Uniti per una dimostrazione di forza verso l’Unione Sovietica; altri invece pensavano che per gli Stati Uniti il lancio della bomba nucleare sarebbe servito per testare la sua potenza e il suo impatto nel corso di un conflitto.
Gli eventi di quegli anni che interessarono il Giappone e la sua conquista causarono centinaia di migliaia di vittime sia tra i civili sia tra i militari giapponesi, pertanto gli eventi stavano andando a favore degli americani che però sotto ordine del loro Presidente dovettero procedere al lancio di queste due potenti bombe nucleari. L’obiettivo dell’America quindi era chiaro: ridurre i tempi della guerra ottenendo - come sancito anche nella Dichiarazione di Potsdam - la resa dell’impero giapponese.

La scelta di Hiroshima e Nagasaki quali obiettivi da colpire


Dopo intense riunioni e colloqui si decise di colpire due centri molto importanti per il lancio delle due bombe: Hiroshima e Nagasaki.

L’importanza di Hiroshima


Nel 1945 la città di Hiroshima rappresentava un centro militare molto importante per l'approvvigionamento militare dell’esercito giapponese. La cittadina era un centro infatti molto importante soprattutto per le comunicazioni e perché rappresentava anche un importante punto per lo smistamento delle truppe giapponesi. E’ proprio per questi motivi che la città fu scelta per il lancio di una delle due bombe. Inoltre gli alleati pensarono fosse il centro ideale soprattutto perché non presentava campi di prigionieri e perché molte abitazioni ed edifici presenti erano in legno e facilmente preda di un incendio di vastissima portata. La città contava in quell’anno circa 250.000 abitanti.

L’importanza di Nagasaki


Nagasaki invece era un’importante città portuale, la quale serviva tantissimo per il rifornimento e l'approvvigionamento di munizioni, equipaggiamenti militari, navi che erano di vitale importanza per l’esercito giapponese. Anche qua tantissimi edifici erano costruiti in legno e quindi erano facilmente infiammabili in vista di un lancio nucleare.

Il lancio della bomba di Hiroshima


I giorni precedenti al 6 agosto 1945, data di lancio della bomba a Hiroshima, l’operazione militare era stata studiata nel dettaglio dalle forze alleate, che fece tutti gli accertamenti e le valutazioni del caso.
Tutto avvenne come era stato stabilito a tavolino. Un’ora prima del lancio da parte delle forze alleate, la linea radar giapponese diede un allarme che preannunciava alla città il bombardamento. Gli effetti dell’esplosione furono subito devastanti provocando subito circa 70.000-80.000 morti. Il 90 % circa degli edifici furono colpiti e rasi al suolo, così come furono presi in pieni anche molti templi presenti. Quando l’esercito giapponese ebbe modo di entrare nella città la scena che si trovò davanti fu di enorme desolazione e drammaticità, considerando gli effetti che il bombardamento nucleare aveva causato. Una grande nuvola di fumo provocata dal lancio era visibile ad Hiroshima. Molte persone sopravvissute furono avvelenate a causa della radiazione e altre furono colpite dalle necrosi che evolsero in malattie e morti. A causa delle radiazioni nucleari morirono ben 200.000 persone.

Il lancio della bomba di Hiroshima fu quindi un evento devastante che causò la morte di centinaia di migliaia di persone e fu un atto di forza per far capire al Giappone che il momento della resa definitiva sarebbe stato vicino, come poi avrebbe dimostrato il lancio della seconda bomba a Nagasaki.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email