pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Attrito - Effetti


La forza d’attrito è quella forza che si oppone ad un corpo in movimento. Queste forze vengono definite anche come forze passive. Possono essere di tipo radente se il corpo striscia su un piano, volvente se un corpo rotola su un piano o viscose se un corpo è immerso in un liquido o in un gas.

L’attrito può essere di due tipi: un attrito statico e un attrito dinamico.
Il primo si manifesta quando il corpo è fermo e si misura nel momento in cui il corpo inizia il suo moto. Può anche essere definito come forza di primo distacco. Questo perché corrisponde al massimo valore che può assumere e anche alla forza necessaria per far si che il coro inizi il suo moto.
Si calcola moltiplicando il coefficiente di attrito statico per la forza normale. La forza normale è una forza perpendicolare al piano del corpo. Se esso non è inclinato la FN corrisponde alla forza peso.

• La forza normale + la forza peso è uguale a 0 perché massa per a è uguale a 0
• La forza + la forza opposta è uguale a massa per accelerazione

La forza di attrito dinamico si manifesta nel momento in cui il corpo è in movimento. È sempre minore della forza di attrito statico. Si calcola con il prodotto tra il coefficiente di attrito dinamico e la forza normale.

In sintesi: La forza di attrito si esercita tra due corpi posti a contatto e, in generale, si oppone al loro moto reciproco.

Hai bisogno di aiuto in Meccanica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove