sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

La Guerra dei Cent’Anni

Per più di un secolo, dal 1337 al 1453, sul suolo Francese si combatté una guerra tra le truppe del Re di Francia e quelle del Re di Inghilterra: la Guerra dei Cent'anni.
Questa guerra non durò ininterrottamente per 100 anni, difatti a cicli di battaglie si alternavano momenti di tregua.
La guerra comunque fu molto dura: vi furono lunghi assedi, scontri in campo aperto, razzie, devastazioni e aggressioni.
Il motivo per cui scoppiò la guerra fu duplice: di carattere genealogico e territoriale.

In precedenza, infatti, nel 1328, morì senza discendenza Carlo IV di Valois, re di Francia. Venne deciso che la corona dovesse passare a Filippo VI, cugino di Carlo IV; facendo così venne scavalcata sua sorella, Isabella, moglie di Eduardo II e madre di Edoardo III, che dal 1327 era Re d’Inghilterra: per questo motivo egli e i suoi successori che terranno di poter vantare un diritto sul trono di Francia.

A causa di questa decisione di portare Filippo VI al trono, aggiunta al fatto che egli stesso nel 1337 decise di reclamare il possesso dell’Aquitania, che fino ad allora era un possesso federale dei Re d’Inghilterra, che erano quindi vassalli del re di Francia, iniziò lo scontro.
Quindi Edoardo III attaccò non solamente le truppe francesi ma volle rivendicare a se il trono francese.

In una prima fase della guerra gli Inglesi sconfissero ripetutamente l'esercito Francese a Crécy nel 1346, e a Poitiers nel 1356, riuscendo ad imporre nel 1360 la Pace di Brétigny, che riconosce a Edoardo III la sovranità su una vasta area sud-occidentale della Francia.

Dopo nove anni di tregua, nelle 1369, la guerra riprende.
Il Re d'Inghilterra Enrico V, nel 1415, ad Azincourt riesce a sconfiggere i Francesi, impadronendosi della Normandia e, in seguito, anche di tutta la parte settentrionale del Regno di Francia; questa guerra segna la fine della Cavalleria Francese.

Quando le sorti della guerra sembravano essere dalla parte degli Inglesi, nel 1429 alla corte del pretendente al trono di Francia, Carlo di Valois, si presentò una contadina sedicenne: Giovanna d'Arco, che gli disse di aver ricevuto il compito di liberare la Francia dagli Inglesi e di farlo incoronare re di Francia.
Carlo ritiene attendibile questa giovane e le affida la guida di una spedizione che ha il compito di rompere l'assedio in Francia dei Inglesi; Giovanna riesce nell'impresa.
Poi fece incoronare Re di Francia, col nome di Carlo VII, Carlo di Valois.
Le sue successive mosse militari non ottennero gli stessi risultati, difatti egli stessa fu catturata e condannata al rogo, poiché ritenuta eretica dal Tribunale dell’Inquisizione; il 30 maggio 1421 venne bruciata viva a Rouen.

Questa tragica vicenda diede una svolta alla guerra, rianimando le truppe Francesi: infatti grazie a Carlo VII essi riuscirono a sconfiggere in continuazione l'esercito Inglese, fino a quando, nel 1453, la Francia vinse definitivamente lo scontro.

Questa guerra portò immediate conseguenze:

• Il Regno di Francia uscì notevolmente consolidato dallo scontro: il potere concentrato nelle mani del re Carlo VII è cresciuto notevolmente e quest'ultimo è riuscito anche ad organizzare un esercito molto efficiente, da affiancare corpi mercenari;

• Il Regno d’Inghilterra a causa della sconfitta affondò in una gravissima crisi interna, il cui culmine fu la Guerra delle due Rose, che durò dal 1455 fino al 1485; questo fu uno scontro che contrappose due famiglie nobili, gli York e i Lancaster; quest’ultima fu la famiglia vincitrice, che pose al trono Enrico VII.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email