Ominide 6604 punti

I lavori dell'Assembla costituente


L'Assemblea costituente (composta da 556 membri appartenenti all'area cattolica, socialista-comunista e laica-liberale) inizio' i lavori il 25 giugno 1946.
Poiché era difficile per un'assemblea cosi' numerosa elaborare un testo, venne istituita, a partire dal 15 luglio 1946, una commissione composta da 75 membri con il compito di predisporre il progetto i Costituzione. La Commissione dei 75 si articolo' in tre sottocommissioni aventi per oggetto di discussione: diritti e doveri dei cittadini, organizzazione costituzionale, diritti e doveri in campo economico e sociale.
Il dibattito in aula, alla presenza di tutti i membri della Costituente, inizio' il 4 marzo 1947 e duro' fino al dicembre 1947. Il Governo non partecipò mai alle sedute nel rispetto di una rigorosa separazione tra azione di governo e azione costituente. L'assemblea approvò il testo definitivo della Costituzione il 22 dicembre 1947. Cinque giorni dopo il testo fu promulgato ed entro' in vigore il 1° gennaio 1948. Per la prima volta in Italia, la Costituzione era votata da un'assemblea democraticamente eletta dal popolo.
Tutto cio' fu possibile grazie alla capacità delle diverse forze politiche di superare le divisioni ideologiche in nome dell'interesse collettivo, un atteggiamento favorito dal fatto che l'assemblea lavorava indipendentemente dalle vicende politiche quotidiane, senza porsi il problema di chi nel futuro sarebbe stato danneggiato o favorito da questa o quella regola costituzionale.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email