Come si svolge un esame universitario

Ilaria_Roncone
Di Ilaria_Roncone
Come si svolge un esame universitario

Ti stai avvicinando al tuo primo esame universitario e ancora non ti è del tutto chiaro come funziona? Ci sono varie fasi per il suo svolgimento: la prenotazione, gli esoneri, la differenziazione tra frequentanti e non frequentanti. Andiamo con ordine e spieghiamo tutto quello che serve sapere per svolgere un esame a livello logistico e organizzativo, rispondendo alla domanda: come si svolge un esame universitario?

Come si prenota un esame universitario

Come funziona la prenotazione di un esame universitario? Si tratta della primissima cosa da fare per sostenere un esame.
La prenotazione deve essere fatta online e con un certo anticipo. Può capitare che il sistema funzioni male o che qualche professore della vecchia scuola domandi un’iscrizione manuale invece che in rete. Quale che sia il modo, ricordate sempre che iscriversi è fondamentale. Se non vi iscriverete all’appello non avrete la possibilità di poterlo sostenere. Informatevi bene quindi sulle regole, e ricordate sempre di iscrivervi agli esami.

Guarda anche:

Come si svolge un esame universitario: programmi per frequentanti e non frequentanti

Qual è la differenza tra queste due categorie di studenti? Spesso e volentieri i docenti fanno differenza tra chi frequenta e chi non frequenta diversificando il programma da presentare all’esame. Non è comunque detto che il programma di chi frequenta sia più facile rispetto agli altri. Rimane comunque valida la regola che, quando possibile, è sempre meglio frequentare anche per organizzare meglio il tempo che vi servirà per preparare l’esame e, più in generale, lo studio.

Come si svolge un esame universitario scritto o orale

Ma come si svolge l'esame universitario? Innanzitutto, bisogna sapere che ogni esame universitario può essere svolto in forma scritta, orale o prevedere entrambe le modalità. Le domande sono basate sul programma d'esame e sulla lista di libri consigliati, che è possibile e necessario avere con congruo anticipo.

  • Come si svolge un esame orale
  • Dopo aver fatto la prenotazione, è necessario presentarsi nella data e ora dell'appello, portando il libretto universitario, e aspettare il proprio turno. Quando si viene chiamati, si sostiene l'esame orale con il professore o con l'assistente, rispondendo alle domande sul programma e i libri consigliati. Alla fine dell'esame, se superato, il professore o l'assistente proporrà un voto, che è possibile rifiutare se considerato troppo basso, o accettare e convalidare sul momento stesso sul libretto, con l'assegnazione automatica dei CFU corrispondenti. Il rifiuto del voto non comporta nulla, è possibile infatti ripresentarsi a fare l'esame all'appello successivo o quando ci si sentirà pronti. La stessa cosa succede se si viene bocciati.

  • Come si svolge un esame scritto
  • Dopo aver fatto la prenotazione, è necessario presentarsi nella data e ora dell'appello, portando un documento di riconoscimento e il libretto universitario.
    Si verrà sistemati nelle aule avendo con sé solo gli strumenti accettati da regolamento, e si sostiene l'esame in forma scritta, rispondendo alle domande sul programma e i libri consigliati attraverso un questionario, entro un orario ben preciso stabilito dal professore.
    Alla fine dell'esame, va consegnato il compito e si dovrà attendere la comunicazione del risultato secondo le modalità specificate dal professore o gli assistenti. Una volta scoperto se bocciati o promossi, se si ha intenzione di accettare il voto si potrà procedere alla convalida dell'esame e all'assegnazione dei CFU presentandosi nella data e ora stabilite per la verbalizzazione.

  • Come si svolge un esame scritto e orale
  • Può capitare che un esame preveda una parte scritta e una parte orale. Con la prova scritta generalmente si ottiene un punteggio parziale che, se positivo, permette di accedere all'esame orale. Il voto finale consiste nel risultato ottenuto nelle due prove, che sarà quindi verbalizzato secondo le modalità stabilite dall'ateneo qualora si abbia intenzione di accettarlo.

Come si svolge un esonero

Alcuni docenti danno la possibilità di 'spezzettare gli esami'. Cosa vuol dire? Chi sceglierà di sfruttare questa possibilità, potrà svolgere l’esame in più fasi dovendo provare la conoscenza di parti del programma volta per volta. Si tratta di prove che possono essere sia scritte che orali, etichettate comunemente come esoneri, solitamente pensati esclusivamente per chi segue le lezioni . La frequenza infatti, nella aggior parte dei casi, è un requisito imprescindibile. Come fanno a verificare che ci siate o meno a lezione? Con le firme ovviamente: a chi frequenta viene infatti chiesto di firmare ogni volta un foglio.

Il voto dell'esame universitario

Il voto degli esami universitari è espresso in trentesimi. Perché l'esame sia superato, è necessario ottenere almeno 18 punti. Il massimo è 30, a cui il professore può aggiungere una lode. E' il docente (o l'assistente) a decidere, sulla base del colloquio o del test scritto, il livello del candidato e il voto da assegnare.
Se il voto è accettato dallo studente, verrà verbalizzato nel libretto universitario e dalla segreteria, e saranno contati i CFU corrispondenti. Il voto farà media sul voto di partenza della laurea.

Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Vuoi conoscere il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai.

20 gennaio 2020 ore 15:30

Segui la diretta