Maturità 2020, ci sarà l’alternanza scuola lavoro all’orale?

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri
Prova orale Maturità 2020, la relazione sull'alternanza scuola lavoro

In questi giorni di incertezza, mentre la Maturità 2020 si avvicina, la prova orale appare come l’unica confermata. Indipendentemente dalla forma e dal peso che le saranno assegnati, cosa che si definirà dopo le decisioni sulla possibilità di rientrare a scuola entro il 18 maggio, tutti i maturandi sanno che dovranno sicuramente superare un orale di fronte ai propri docenti interni al Consiglio di classe.


L’alternanza scuola lavoro sarà chiesta all'orale?

La prova orale che i maturandi dovranno sostenere per ottenere il diploma, sia sotto forma di maxi-orale sia come prova conclusiva dopo gli scritti, non può ignorare la struttura decisa dal DL n. 62 del 2017, dato che fino ad ora nessun altra norma ne ha modificato l’organizzazione complessiva. Per questo, la discussione sull’esperienza di alternanza scuola lavoro svolta nel proprio percorso scolastico, indipendentemente dal numero delle ore totalizzato (che non è vincolante per l'ammissione), dovrebbe rimanere, salvo eventuali ulteriori norme, uno dei punti cardine su cui si articola l’esame orale, che per legge include la presentazione delle attività svolte durante l'ex alternanza, oggi PCTO.

Guarda anche:

La struttura dell’orale di Maturità 2020

Secondo quanto stabilito dal DL 62 del 2017, infatti, la struttura dell’esame orale, ancora in vigore, si articola nei seguenti momenti:
    • Formulazione di un discorso multidisciplinare a partire da uno spunto di vario genere (testi letterari, problemi, tabelle di dati, quadri, fotografie, ecc) offerto dalla commissione (non ci saranno però le famose "buste"). Lo studente dovrà cercare di collegare fra loro quante più materie possibili in un discorso omogeneo e ben costruito. (
    • Illustrazione dell’esperienza di alternanza scuola lavoro svolta durante il proprio percorso di studi;
    • Discussione su alcuni quesiti di Costituzione e Cittadinanza richiesti dalla commissione.

Maxi orale maturità 2020: possibili cambiamenti?

La prova orale è solitamente organizzata in questo modo, ma quest’anno, considerata l’emergenza sanitaria in corso, potrebbe subire alcune temporanee modifiche in base anche alla forma definitiva che il MI sceglierà di assegnare all’Esame di Maturità 2020.
Se si tratterà di un’unica prova sotto forma di maxi orale infatti, agli studenti potrebbe essere richiesto anche lo svolgimento di alcuni esercizi pratici come la risoluzioni di problemi, quesiti, traduzioni proprio per sopperire all’assenza delle prove scritte. Inoltre, sono molti gli studenti che sperano in un ritorno della tradizionale tesina multidisciplinare, ormai cancellata, con la quale solitamente i maturandi davano inizio alla prova orale per sciogliere la tensione. Tra ipotesi, proposte e speranze per ora però si possono soltanto attendere nuove e più certe disposizioni da parte del Miur, che saranno sicuramente diffuse nei prossimi giorni.

Skuola | TV
Digital Open Day con NABA: “Moda, design, comunicazione e arti visive. Passioni che danno un futuro?”

La situazione attuale ha impedito lo svolgimento dei classici open day a cui gli studenti erano abituati per orientarsi e conoscere le realtà accademiche a cui erano interessati. Skuola.net porta quindi l’orientamento universitario direttamente sui device degli studenti. In questa puntata della Skuola Tv saremo in compagnia di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti.

6 luglio 2020 ore 15:00

Segui la diretta