Ominide 413 punti

Montale


Montale nasce a Genova nel 1896 da una famiglia borghese agiata. Da bambino trascorre le estati a Monterosso, a contatto con un paesaggio ligure che ritroveremo in Ossi di Seppia. A Monterosso conosce Anna degli Uberti, una delle principali ispiratrici della sua poesia. A causa della sua cagionevole salute si diploma come ragioniere. Incomincia a studiare canto. Esordisce poeticamente e pubblica la prima importante raccolta Ossa di Seppia. Montale firma il Manuale degli intellettuali antifascisti.
Montale si trasferisce a Firenze. Lavora in una casa editrice e poi come direttore del Gabinetto Vieusseux, dalla quale viene licenziato perché non iscritto al partito fascista. Montale si interessa a Dante, grazie alla quale conosce Irma Brandeis, con la quale inizia una relazione amorosa. Nello stesso anno il poeta va a convivere con Drusilla Tanzi (nelle poesie, Mosca).
Nel 1948 vien assunto dal Corriere della Sera. In questo periodo scrive anche testi in prosa e reportage giornalistici. Comincia un silenzio poetico di dieci anni, perché deluso di fronte alla meccanizzazione e massificazione della vita, che mettono a repentaglio la sopravvivenza della poesia.
Si innamora di Maria Luisa Spaziani (detta Volpe) ma sposa Drusilla Tanzi, che però morirà l’anno successivo. Nel 1976 riceve la laurea honoris causa a Cambridge e viene nominato senatore a vita in Italia. Nel 1975 ottiene il Nobel per la letteratura. Il poeta muore a Milano nel 1981, con funerali di stato.
La centralità d Montale nella poesia del Novecento
La produzione di Montale copre per lo più tutto il Novecento, e ne sperimenta tutte le mode letterarie. Sperimenta prendendo spunto di crepuscolari e tende al classicismo della rivista “Ronda”.
Montale percepisce la verità dell’essere e l’essenza della vita come un frammento isolato che riesce a percepire ma non a raggiungere. Si interrogherà tutta la vita su questo principio, e spesso desidererà la fede per rispondere alla domanda “Perché esistiamo?”.
Importante nella produzione di Montale è il correlativo oggettivo, ovvero un oggetto o un idea correlato a un sentimento o un’idea filosofica. E’ avvicinato a questo concetto grazie allo studio di Dante e delle sue allegorie.

Ossi di Seppia

Ossi di Seppia uscì per la prima volta nel 1925. Il termine Ossi di seppia era già presente in Alcyone di D’Annunzio. Essi possono galleggiare indisturbati nel mare oppure essere sbattuti sulla spiaggia come inutili relitti (come i cespugli di Mirice di Pascoli, sono apparentemente oggetti semplici). Come l’osso di seppia gettato sulla terra, il poeta è esiliato dal mare, escluso dalla natura e dalla felicità (come Leopardi invidia colore che sono felici perché non si accorgono dell’infelicità della vita).
Ossi di Seppia comprendere quattro sezioni
• Movimenti: è presente la speranza di un accordo con il mondo naturale
• Ossi di Seppia: domina l’immagine negativa dell’osso di seppia abbandonato
• Mediterraneo
• Meriggi e ombre
Montale vuole opporsi ai poeti laureati (ovvero acclamati dalla critica), rappresentati per lo più da D’Annunzio. Grazie all’influenza della Liguria, il suo stile risulta aspro, arido e concreto. Reintroduce l’endecasillabo.
Le occasioni
Le occasioni è una raccolta di poesie pubblicata nel 1939. La poetica di Montale in questa raccolta è cambiata, a causa dello spostamento del poeta a Firenze e il mutamento della situazione storica.
Lo studio di Dante è evidente nelle sue opere. Montale infatti trasporta su un piano metafisico e astrale le sue vicende autobiografiche e storiche. Le occasioni è diviso in quattro sezioni, la prima è dedicata all’arte e alla donna. La protagonista di tutte le sue opere, è l’amante Irma Brandeis, studiosa americana di Dante. Nell’opera prende lo pseudonimo di Cinzia, una donna-angelo come Beatrice ma del tutto laica.

La bufera e altro

La racconta comprende le poesie composte tra il 1940-54, un periodo denso di avvenimenti drammatici, come:
• La fine della seconda guerra mondiale
• La Liberazione e le speranze per il biennio 1945-46
• La delusione davanti alla società di massa e lo scontro tra Democrazia cristiana e Partito comunista
• La morte della madre, la malattia di Mosca, il trasferimento a Milano.
La poesia infatti nasce da una totale disarmonia con la realtà.

Satura

Pubblicata da Montale nel 1964. Il nome Satura allude agli aspetti di satira politica e culturale, ma rinvia anche alla varietà e alla mescolanza dei temi e degli argomenti. Il contenuto di questa opera si distacca completamente, e addirittura si prende gioco dei temi delle precedenti.
L’opera comprende 4 sezioni: Xenia I, Xenia II, Satura I e Satura II. Le prime due sezioni contengono poesie dedicate alla moglie Drusilla Tanzi, il termine greco Xenia indica il nome dei doni inviati agli amici che sono stati ospiti.
Hai bisogno di aiuto in Eugenio Montale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email