Sapiens Sapiens 10841 punti

Baldovino IV e la fine del Regno latino di Gerusalemme


Baldovino IV nacque nel 1161 dal re di Gerusalemme, Arnaury (o Amalrico I) e dalla sua prima sposa Anna di Courteney. Il regno di Gerusalemme era stato formato dai Crociati a seguito della 1.a Crociata; in mano alla nobiltà franco-siriaca, per certi aspetti era molto più raffinato delle corti europee anche perché subiva una forte influenza della civiltà greca e araba. Quando egli era ancora bambino, il suo tutore, il vescovo di Tiro, si accorse che era insensibile ai colpi di punta di spada. Inizialmente, pensò che si trattasse di un modo per disprezzare e quindi di sopportare il dolore, ma ben presto fu chiaro che la causa era ben altra. I medici confermarono, infatti, che questa forma di anestesia non era altro il primo sintomo della lebbra. In quel tempo, la lebbra era molto diffusa in Medio Oriente e furono i Crociati a diffonderla in Europa. Non esistevano cure per guarirla: i lebbrosi venivano allontanati da tutti e segregati e vivevano di stenti. Ma Baldovino era l’uno erede maschio del re di Gerusalemme e a lui incombeva il compito di garantire l’esistenza del Regno di Gerusalemme, peraltro già indebolito a causa della struttura feudale che ad esso avevano dato i Crociati. Così alla morte del padre, avvenuta nel 1174, Baldovino, che sarà chiamato d’ora in poi il “re lebbroso”, salì comunque al trono all’età di 13 anni.
Gli Arabi, sotto il comando di Saladino, sultano d’Egitto, ne approfittarono per passare all’offensiva, Benché minato dal male, Baldovino fu all’altezza del suo compito: respinse più volte l’attacco del nemico e nel 1180 stipulò una pace con il nemico. Purtroppo tre anni dopo, il Saladino riuscì a conquistare la Sira arrivando così a raggiungere il suo intento: accerchiare il Regno di Gerusalemme, ridotto ormai ad una fragile testa di ponte circondato dal mondo musulmano. Baldovino IV che presentiva la sua fine avvicinarsi, affidò il comando del regno al secondo marito della sorella, Guido di Lusignano, un uomo mediocre che non fece nulla per bloccare l’avanzata del Saladino. Baldovino decise allora di affidare la reggenza del regno al primo sposo della sorella, Guglielmo di Monferrato. A tale decisione seguì una guerra civile che non fece altro che indebolire ancor più il regno. Nel frattempo, il Saladino aveva cinto di assedio la fortezza di Kerak, posta a mezza strada fra l’Egitto e la Siria. Baldovino reagì racimolando tutte le forze militari che poteva e pare che il Aladino, per rispetto e per cavalleria, preferì ritirarsi piuttosto che combattere contro un nemico in fin di vita. Infatti, dopo poche settimane il re lebbroso morì (1185) ed il Regno di Gerusalemme gli sopravvisse solo due anni.
Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Fine del regno longobardo