Ominide 4479 punti

Carlo Goldoni nasce a Venezia il 25 febbraio del 1707 in una famiglia borghese. L’autore fece studi di grammatica e retorica presso i gesuiti per poi frequentare gli studi di filosofia nella scuola dei domenicani. Entrando in contatto con molte persone nel ambito teatrale. Carlo Goldoni dedicò tutta la sua esistenza al teatro, animato da un passione dentro di lui che ha avuto fino dall'adolescenza. Sin dall’inizio le sue lettere furono subito di carico teatrale da testi classici come le commedie dei greci Aristofane e Menandro e dei latini Plauto e terenzio. Lo stesso Goldoni nell’opera “mémoires” ricorda l’incontro con una delle piu grandi commedie italiane la “mandragola” di Machiavelli che viene indicata dallo scrittore come un esempio fondamentale a cui avrebbero dovuto ispirarsi gli autori del genere comico. Da queste letture a dall'esperienza ricavata dal palcoscenico Goldoni trasse una sempre più forte insofferenza verso la commedia del arte. La commedia dell’arte era un tipo di spettacolo in cui gli autori seguivano canovacci sommari e improvvisavano in scena dialoghi ed azioni. Tutto era quindi affidato all'abilità del comico del saper improvvisare. Ma queste rappresentazioni che risultavano ben accette a quei tempi erano definite da Goldoni “sconce arlecchinate, laidi e amoreggiamenti e motteggi” favole mal inventate condotte male e senza ordine.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email