5 buoni propositi per il nuovo anno scolastico

Susanna Galli
Di Susanna Galli
buoni propositi ritorno a scuola

Come tutti gli anni molti di noi iniziano l'anno con entusiasmo, e ovviamente gli immancabili buoni propositi!
Quante volte ci siamo ripromessi che "quest'anno studierò tutti i pomeriggi e non mi lascerò mai nulla indietro"... E poi finisce sempre che a novembre siete indietro con tutte le materie e non sapete già più cosa fare. Mantenere le proprie promesse però non è così impossibile come si pensa, infatti seguendo piccoli trucchi quotidiani riuscirete a vincere l'infinita battaglia con voi stessi. Da parte vostra però dovrà esserci una costante, e da questa non si scappa: lo studio! Vediamo insieme quali sono i 5 propositi più gettonati del nuovo anno scolastico.

Guarda anche:


1. L'organizzazione è la chiave

Se volete far si che i frutti del vostro duro lavoro sui libri comincino a vedersi, la chiave è l'organizzazione. Per trasformarvi in organizzatori dell'Ikea vi bastano poche mosse. Per prima cosa scaricate e stampate dalla rete dei planner mensili e metteteli in posto in cui vi siano facilmente visibili. Poi riempiteli con i vostri impegni, le interrogazioni e i compiti in classe in modo da avere sempre a mente quali sono i vostri prossimi obiettivi. Basteranno veramente poche settimane per notare il cambiamento, vi sentirete più sicuri e preparati al meglio per affrontare le vostre giornate.

2. Basta procrastinare

E' ora di lasciare andare per sempre "la dieta dal lunedì" e concentrarsi invece su quello che possiamo fare oggi. Posticipare le cose da fare non le renderà meno pesanti, anzi si accumuleranno e diventeranno come i vestiti da mettere apposto sulla sedia. Se invece comincerete a fare le cose nei giorni in cui ve le eravate ripromesse vi sentirete soddisfatti ma soprattutto vi verrà voglia di continuare sempre così. A questo proposito è utile scrivere una lista di attività da svolgere e ogni volta che se ne termina una cancellarla dall'elenco. I risultati non li vedrete solo a scuola ma anche nella vostra vita quotidiana!

3. Prendere appunti di ogni cosa

Quante volte a inizio anno avete detto "quest'anno non perderò neanche una lezione per prendere appunti" e poi vi siete ritrovati a giugno con quei bellissimi monocromo bianchi e vuoti dopo la terza pagina sottolineata con 10 evidenziatori diversi? Questo è uno dei propositi più sentiti. Perché ci si stanca di prendere appunti dopo la prima settimana? Beh, ci sono vari motivi ma il più probabile è che si tende a scrivere troppo! Prendere appunti non vuol dire trascrivere ogni parola del professore, ma solo i punti più importanti del discorso in modo da fissare le idee in testa. Gli evidenziatori poi sono un discorso a parte. Se volete davvero dargli un uso concreto e non astratto, per ogni colore associale un utilizzo (per le date, le definizioni, ecc).

4. Ritardi manco abitaste a Helsinki

Questo è uno dei punti più critici da superare, lo sappiamo tutti. Molto spesso la mattina tendiamo ad essere più lenti rispetto al resto della giornata. Questo perché in nostro cervello non ha ancora
iniziato a processare come dovrebbe e questo avviene spesso dopo la colazione e più o meno in corrispondenza con la prima ora di lezione. E poi c'è il sonno! Magari abbiamo fatto le tre a guardare i gattini su Instagram, o magari non siamo riusciti a prendere sonno. Come si può cercare di evitare questo? Facile, stancandosi. Sembra strano ma stancarsi e sforzarsi durante la giornata, aiuta a conciliare il sonno la notte. Quindi riempire i vostri pomeriggi con qualche attività sportiva e mentale la sera dormirete come sassi e di conseguenza la mattina vi sentirete sicuramente più riposati!

5. Le famose tre assenze all'anno

Il perché a inizio anno ci sentiamo invincibili e immuni alle influenze che verranno rimane un mistero. La leggenda narra che il mese di settembre crediamo che durante l'anno sia possibile non fare assenze o comunque farne pochissime per chissà quale motivo, poi a giugno ci ritroviamo con il libretto pieno. E' normale assentarsi ogni tanto che sia per un'influenza, un mal di testa o perché proprio quel giorno non ci va. L'importante è tenere conto di quest'ultime e far si che non diventino troppe. Basta appuntarsele e evitare (giorni di malattia esclusi) di farne più di 1/2 al mese.

Detto questo, fate sì che questo sia l'anno che i vostri buoni propositi si avverino e in bocca al lupo a tutti!
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere chi sarà l'ospite? Non ti resta che seguirci!

13 novembre 2019 ore 17:00

Segui la diretta