Decadenza esami universitari: quando scadono e come recuperarli

Ilaria_Roncone
Di Ilaria_Roncone


Come si fa a recuperare gli esami universitari scaduti? Questo articolo torna utile agli studenti che hanno interrotto il loro percorso. Rinuncia, esami decaduti, esami mancanti...ci sono un po’ di cose che serve sapere per capire come funziona la decadenza degli esami. Come fare per tornare a dare esami recuperando quelli scaduti? Cerchiamo di capire prima di tutto quando decadono gli esami (il regolamento cambia dal vecchio al nuovo ordinamento) e come fare per superarli.


Guarda anche:

Dopo quanti anni gli esami decadono?

Qual è il tempo di decorrenza degli esami e per quanto quelli fatti rimangono validi? Quand’è che uno studente fuori corso ha ancora modo e tempo di recuperare? Esiste una regola per cui la condizione di studente universitario decade con conseguente impossibilità di dare gli esami se non si conseguono tutti i crediti previsti dal percorso di studi entro i termini stabiliti. Quali sono questi termini? Le tempistiche variano a seconda dell’ordinamento e vengono riportate nei singoli regolamenti delle varie università. Vediamo le diverse casistiche:
  • Decadenza nuovo ordinamento: si tratta degli studenti iscritti a corsi di studio riformati. In questo caso, lo status di studente decade se non si conseguono tutti i crediti previsti dal proprio anno di studi entro il termine del quarto anno accademico di iscrizione fuori corso. Uno studente che invece risulta in debito esclusivamente della prova finale, non decade.
  • Decadenza lauree magistrali a ciclo unico: lo status di studente decade se non si conseguono tutti i crediti previsti in piano di studi entro il termine del quinto o del sesto anno accademico di iscrizione fuori corso. Che siano cinque o sei cambia a seconda del corso di laurea magistrale. Gli anni di iscrizione in qualità di ripetente e gli anni di interruzione sono fatti valere come iscrizione fuori corso. Anche in questo caso chi è in debito della sola prova finale non decade.
  • Decadenza vecchio ordinamento: in questo caso il decadimento dello status di studente si registra una volta trascorsi otto anni accademici consecutivi dall’anno in cui è stato sostenuto l’ultimo esame o in cui ci si è iscritti in corso, qualora fosse più recente. Anche in quest’ultimo caso lo studente a cui manca solo la prova finale, non decade.

Decadenza esami: cosa succede se continuo a pagare le tasse?

Gli esami decadono anche se continuo a pagare le tasse? La risposta è sì! Il solo pagamento delle tasse non può interrompere i termini della decadenza. Per evitare la decadenza dello status di studente è infatti necessario sostenere almeno un esame, anche se questo dovesse avere esito negativo.
Quali sono le regole universitarie relative la decadenza degli esami? Solo gli anni di sospensione agli studi non vengono contati per la decadenza. Essere in debito della sola prova finale non fa decadere lo status di studente in qualunque università. Chi decade e vuole ricominciare l’università deve iscriversi daccapo ma può comunque richiedere che i crediti che già aveva acquisito vengano valutati per essere riconosciuti in toto o parzialmente.

Recuperare esami universitari scaduti: come si fa?

Per prima cosa è necessario informarsi presso la Segreteria Studenti del corso di studi in questione per domandare a che punto sia la carriera universitaria e verificare se sussiste la decadenza. Parlare con la segreteria torna utile sicuramente anche per capire a che punto si è con i pagamenti, gli esami e qual è l’ultimo piano di studi presentato.
Se la segreteria conferma la decadenza non c’è altro da fare: ci si deve per forza iscrivere nuovamente al corso di studi ricordandosi di provare a chiedere il riconoscimento totale o parziale dei crediti conseguiti.

Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Vuoi conoscere il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai.

27 gennaio 2020 ore 15:30

Segui la diretta