Sufficienza esami universitari: a quanto corrisponde?

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri
A che voto corrisponde la sufficienza agli esami universitari


Da 18 a 30, dal minimo al massimo: sono questi i due punti di riferimento che guidano ogni studente attraverso i numerosi esami che deve sostenere.
Accanto a chi rincorre il massimo con lode c’è anche chi punta a meno ma non per forza accontentandosi del minimo dato che il voto finale di laurea sarà condizionato dalla media ponderata di tutti gli esami.
In questo articolo vi spiegheremo a quanto corrisponde la sufficienza negli esami universitari.

Guarda anche:


Sufficienza esami universitari: scala dei voti ECTS

Per far valere i voti di esami conseguiti all’estero in Erasmus, è stata creata la cosiddetta scala ECTS (European Credit Transfer System) che, oltre ad essere uno strumento che promuove il riconoscimento accademico degli studi effettuati all’estero, rappresenta in linea generale anche uno specchietto di confronto tra i voti ottenuti in trentesimi e la corrispondente fascia di giudizio. Si tratta infatti di una tabella di conversione dei voti e dei crediti molto efficace, sintetica e chiara che traduce il giudizio dei singoli voti.

Corrispondenza fra voti in trentesimi e giudizio

I voti in trentesimi all’interno della comunità europea e in particolar modo in Italia, corrispondono alle seguenti fasce di giudizio, ordinate in successione crescente:
    1-17: insufficiente(fail);
    18-23: sufficiente (pass);
    24-26: discreto (satisfactory);
    27-28: buono (good);
    29-30: ottimo (very good);
    30 e lode: eccellente (excellent).

Sufficienza esami universitari in trentesimi: non solo 18!

Secondo la tabella di conversione ECTS che in generale rimane una valida e fedele riproduzione dell’assetto attuale della distribuzione delle votazioni al di là dell’Erasmus, la sufficienza, a differenza di quello che si tende comunemente a ritenere, non è associata ad un singolo voto, banalmente identificato col 18. È invece rappresentata da una fascia di voti compresi fra il 18 e il 23, ognuno con una gradazione diversa di sufficienza che distingue quella minima da quella piena.
Skuola | TV
#Piudiprima: i giovani chiedono, la ministra Bonetti risponde – Skuola.net ft. Angelica Massera

La Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, ‘interrogata’ da Skuola.net e da Angelica Massera, spiega cosa sta facendo la politica per rispondere ai bisogni dei giovani in ambito di Pari Opportunità

10 luglio 2020 ore 10:00

Segui la diretta