App per aiutarti a superare gli esami universitari

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri
app esami universitari

La tecnologia è diventata ormai un supporto insostituibile per lo studio. Le app per studenti disponibili negli store, sia a pagamento che gratuite, sono davvero molte, ognuna dotata di funzioni diverse di aiuto, soprattutto per gli universitari. Eccone alcune che possono diventare davvero indispensabili per il periodo degli esami.

App ‘anti-distrazione’ per ottimizzare il tempo a disposizione


Si sa che in prossimità dell’esame bisogna più che mai organizzare e ottimizzare il proprio tempo in modo da non sprecarlo, concentrandosi invece sul lavoro da svolgere entro i termini previsti.
In questo senso può tornare utile “Forest: stay focused”: è un’app disponibile sia per Android che per iOS, che ha lo scopo di facilitare il mantenimento della concentrazione, di un focus appunto, per un certo tempo prestabilito.
Anche se non sembra, in realtà il tempo che sprechiamo dietro a fonti di distrazione quotidiane, prime fra tutte le chat e i social network, è davvero consistente tanto da arrivare spesso a coprire diverse ore al giorno.
Così, per evitare questo ‘sperpero’, l’app Forest corre in aiuto degli studenti: si può impostare un timer entro cui non si deve distogliere l’attenzione. Come? È semplice, per evitare possibili interferenze e distrazioni di notifiche varie, prima di iniziare lo studio, viene chiesto di piantare un seme da cui nascerà un albero virtuale che morirà se si uscirà dall’app prima della fine del timer precedentemente fissato!

App per memorizzare e per ripetere


Le informazioni da ricordare per ciascun esame universitario sono davvero molte, per questo a volte alcune tecniche di memorizzazione possono tornare utili. “Anki” è un software che nasce come supporto per lo studio centrato sulla tecnica mnemonica del metodo delle Flashcard, ovvero sulla ripetizione dilazionata dei concetti fissati su una serie di carte.
Attraverso questi mazzi virtuali, lo studente ha la possibilità di memorizzare e nello stesso tempo di ripetere gli argomenti che precedentemente aveva impostato sulle cards.

App per la produttività cognitiva


Se l’esame sta arrivando e ancora non si sono focalizzati bene alcuni concetti, allora ci si può aiutare con delle mappe concettuali su cui individuarli meglio.
Per risparmiare tempo, per chi non ha voglia di realizzarne una su carta, si può ricorrere all’aiuto di un’app che in modo semplice e veloce ti permetterà di crearla:
“Simplemind Pro+”, che permette di costruire una mappa mentale su cui fissare nodi concettuali del pensiero in modo da ordinare il materiale in modo chiaro e memorizzare così solo gli elementi fondamentali, tralasciando il resto superfluo.

App per materie specifiche


Le app possono essere un valido aiuto non solo per ciò che riguarda la metodologia organizzativa e mnemonica, ma anche per l’aspetto che si riferisce alle materie oggetto di esame, e quindi alla sostanza vera e propria delle verifiche.
Di applicazioni orientate in questo senso negli store ne troviamo davvero molte, tutte diverse per tipologia e materia.
Ovviamente il grado di conoscenza che presuppongono non è a livello specialistico per cui anche se possono certamente aiutare nello studio, tuttavia non sono assolutamente sufficienti per una preparazione approfondita e dettagliata:

  • App di consultazione: si configurano come piccoli ma efficaci bignami riassuntivi che aiutano gli studenti a memorizzare i tratti salienti della materia studiata. Tra le più complete c’è l’App di Skuola.net: oltre 100.000 appunti tra versioni, temi, tesine, dispense, esercitazioni e guide di qualità per scuola e università.

  • App con domande: sono concepite come dei test, con domande a crocette mirate alla verifica delle conoscenze. Se disponibili per la disciplina che vi serve, le potete trovare aggiungendo ‘Quiz’ al nome della materia.




Skuola | TV
Buone vacanze ragazzi!

La Skuola Tv torna a ottobre. Buone vacanze a tutti gli studenti!

1 ottobre 2019 ore 16:00

Segui la diretta