Elaborato maturità 2020: come impaginarlo

Lucilla Tomassi
Di Lucilla Tomassi
impaginare elaborato maturità 2020

La Maturità 2020 incombe sulla testa dei poveri maturandi: la data di inizio dei colloqui orale è sempre più vicina, e ormai a dividere gli studenti mancano una manciata di giorni, infatti gli esami di Stato 2020 debutteranno a partire dal 17 giugno 2020. Tutto ormai è pronto, o quasi, per permettere ai maturandi di sostenere quest’esame rivisto e ridotto a causa del Covid-19.
Non sarà infatti il classico esame di Maturità, ma avremo diverse novità all’interno della struttura dell’esame: le prove scritte sono state abolite, ed è rimasta come unica prova l’orale di Maturità, che da sola costituirà il 40% del voto finale. Dunque sembra evidente che è necessario prepararsi al meglio per affrontare la prova: ma come presentare un buon elaborato? Scopriamolo insieme.



Elaborato di Maturità 2020: come scriverlo


Anche se nel corso degli ultimi anni l’esame era già stato oggetto di cambiamenti, partendo dall’abolizione della terza prova e giungendo poi all’introduzione delle buste, quest’anno la Maturità cambierà di nuovo. Questa volta però la colpa è da attribuire alla terribile pandemia che si è scatenata in Italia e sul mondo a partire dai primi mesi del 2020. Il Coronavirus ha creato difficoltà e rallentamenti in moltissime realtà e settori diversi, ed è riuscito a raggiungere persino l’esame di Stato. Secondo la nuova ordinanza, rilasciata dal Ministero dell’Istruzione alla fine di maggio 2020, i crediti accumulati dagli studenti nel corso degli ultimi tre anni varranno 60 punti su un totale di 100, mentre i restanti 40 saranno affidati all’esame orale, l’unica prova che i maturandi dovranno affrontare prima di poter stringere tra le mani il loro diploma di scuola superiore. L’orale di Maturità 2020 sarà quindi un elemento essenziale e centrale e dovrai prepararti al meglio per affrontarlo nel modo giusto. Il colloquio è diviso in cinque momenti già stabiliti dal Ministero dell’Istruzione. Ma la preparazione impeccabile non sarà l’unico asso che avrai a disposizione: il colloquio orale partirà dall’esposizione del tuo elaborato su un argomento relativo a una delle materie di indirizzo scelto dal tuo docente. Iniziando con il piede giusto tutto il colloquio poi sarà in discesa: ma come fare per impaginare e presentare al meglio l’elaborato di Maturità 2020?



Come impaginare l’elaborato di Maturità 2020


L’elaborato, se saprai gestirlo nel modo giusto, sarà un grandissimo punto a tuo favore, soprattutto perché sarà la prima cosa che ti verrà chiesta in sede d’esame e quindi sarà molto importante iniziare subito con il piede giusto. Ma oltre alla tua preparazione, anche la presentazione dell’elaborato e la sua impaginazione avranno il loro peso all’interno della tua esposizione, cercare di costruire un bel progetto, anche dal punto di vista visivo potrà portarti solo benefici. Iniziamo quindi a vedere qualche consiglio su come impaginarlo al meglio:

  • Divisione del testo: come prima regola cerca di far arrivare subito come primo impatto l’immagine di un testo bilanciato, studiato e pensato nel modo giusto. Gli spazi sono quindi molto importanti per invogliare il tuo lettore nel proseguire la lettura. Non presentare un testo formato da un muro di parole. Cerca di distinguere i vari momenti del tuo elaborato, iniziando a dividere tra introduzione, corpo e conclusione. Successivamente, all’interno di questi singoli elementi vai comunque a capo per sottolineare la fine di un discorso e l’inizio di un altro.

  • I margini: la larghezza dei margini è molto importante proprio per evitare questo effetto del muro di parole, cercando di imprimere nel testo ariosità e leggerezza, invogliando il letto a leggere. I margini che Word fornisce in automatico sono di 2,5 cm in alto e 2 cm a destra, sinistra e in basso. Tuttavia niente ti vieta, una volta finito di scrivere l’elaborato di scegliere se aumentare o diminuire quei valori in base alle tue esigenze e a quanto ti sembra leggibile il tutto.

  • Il font giusto: cerca un font quanto più semplice e lineare possibile. Infatti questo aiutarerà nella leggibilità e non appesantirà il tuo testo, quindi evita scritture strane o arzigogolate e opta per linee semplici come i classici Times New Roman, Arial o Calibri per garantire ai lettori una lettura più agevole. Soprattutto, una volta selezionato il tuo font ideale, non usarne altri, al limite prova a variare i colori, ma non lo stile della scrittura.

  • Dimensione del font: le dimensioni contano eccome: dovrai cercare un giusto compromesso tra una dimensione leggibile per tutti e qualcosa di non troppo grande da prendere eccessivo spazio o da dare l’impressione di voler far sembrare l’elaborato più lungo di quanto non sia.

  • Equilibrio: tornando infine sul totale del tuo elaborato la parola d’ordine dovrà essere proprio l’equilibrio: equilibrio tra gli spazi e gli agglomerati di parole, mai eccedere in uno o nell’altro, equilibrio nei margini, non troppo larghi o troppo stretti, equilibrio nella grandezza del font e nel suo stile, personale ma non troppo. Insomma, gioca, fai delle prove di impaginazione e scopri quale risultato ti soddisfa di più.

Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

3 marzo 2021 ore 15:30

Segui la diretta