Ominide 6603 punti

Lo Stato socialista


Nella Russia zarista, ancora in parte legata a strutture di tipo feudale, con la Rivoluzione d'ottobre del 1917 si affermo' una forma di Stato ispirata ai principi della dottrina marxista, ripensata e tradotta in azione politica da Lenin (1870-1924). Le sue caratteristiche principali furono l'abolizione della proprietà privata e il controllo da parte dello Stato dei mezzi di produzione, come industrie e terreni.
Secondo Lenin la proprietà privata rendeva impossibile in concreto l'uguaglianza, percio' egli sostenne l'abolizione della proprietà privata e della divisione sociale in classi. Il cambiamento della società avrebbe dovuto avvenire attraverso un evento rivoluzionario che avrebbe portato all'estinzione dello Stato e alla sua sostituzione con l'autogenstione sociale. Il programma rivoluzionario pero' falli e il partito comunista, assumendo il controllo delle istituzioni, fondo' uno Stato totalitario che, sotto la guida di Stalin (1878-1953), raggiunse la completa realizzazione.

Lo Stato socialista realizzato in Russia mostra i classici elementi dello Stato totalitario: il partito unico e l'unità del potere, in contrapposizione al principio della separazione dei poteri posta a fondamento dello Stato liberale.
Lo Stato controlla completamente l'economia, con l'abolizione della proprietà privata e la pianificazione.
Nell'esperienza degli Stati socialisti sovietici non manca un altro tratto distintivo dei regimi totalitari: la feroce persecuzione ed eliminazione degli avversari politici e delle minoranze. Al sistema dei lager tedeschi corrisposte il sistema dei gulag, in cui vennero internati milioni di prigionieri.

Dalla fine della seconda guerra mondiale questo modello politico si estese a molti Paesi dell'Europa centro-orientale posti sotto l'influenza dell'Unione sovietica, e ad altre aree geografiche, quali la Cina, la Corea del Nord, alcuni Stati africani e Cuba.
Una profonda trasformazione si é verificata a partire dal crollo del muro di Berlino (1989): complice la profonda crisi economica che sconvolto l'Unione Sovetica per il fallimento della sua economia pianificata, molti Stati dell'ex blocco sovietico si sono staccati da esso trasformandosi in democrazie e ha preso l'avvio di un difficile processo di revisione degli assetti politici e istituzionali tuttora in corso, che ha avuto ripercussioni anche sull'allargamento dell'Unione europea.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email