Ominide 6603 punti

Avvento dello Stato di diritto


Sul continente europeo, la crescita economica della borghesia (cui non era riconosciuto un potere politico adeguato alla sua crescente importanza), la decadenza progressiva della nobiltà (che pero' manteneva i propri privilegi) e il diffuso malcontento per la fortissima imposizione fiscale necesaria a finanziare l'apparato statale portarono lo Stato di polizia alla crisi.
Inoltre, a partire dalla Riforma protestante, in Inghilterra e in Olanda, nel XVI e nel XVII secolo si svilupparono idee politiche che affermavano il valore primario dell'individuo e dei suoi diritti e che ispirarono prima la Rivoluzione inglese del 1689, poi quella americana del 1776 e, infine, quella francese del 1789.

Nel XVII secolo si affermo' la necessità di limitare l'esercizio del monopolio della forza da parte dello Stato, con la separazione dei poteri, la rappresentanza politica attraverso il voto e la sottomissione dei governanti a limiti costituzionali.

Venne quindi affermato il principio dello Stato di diritto, che trovo' espressione dapprima nello Stato liberale e in seguito, in gran parte dell'Europa occidentale a partire dalla metà del XX secolo, nello Stato democratico.
Caratteristiche fondanti dello Stato di diritto sono il riconoscimento dei diritti fondamentali dell'individuo, la presenza di una Costituzione, l'appartenenza della sovranità alla nazione ,la divisione dei poteri e la sottomissione dello Stato alla legge (principio di legalità).

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email