Come studiare Anatomia umana per Medicina

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri
Come studiare Anatomia umana per esame universitario


Anatomia umana è uno degli esami più difficili in assoluto del corso di laurea in Medicina, e proprio per la vastità e la complessità degli argomenti trattati, in questa facoltà generalmente viene suddiviso in più parti:
    Anatomia umana I: comprende la storia e le nozioni generali del corpo umano tra cui quelle relative all’apparato locomotore (arti, articolazioni, muscoli, pareti, ecc) e a quello circolatorio (cuore, vasi capillari, vene, arterie, ecc).

    Anatomia umana II: comprende lo studio degli organi linfoidi ed emopoietici, l’apparato respiratorio, digerente, urinario e genitale (maschile e femminile).
    Anatomia umana III: comprende lo studio del sistema nervoso centrale e periferico e dell’apparato della sensibilità specifica (vista, udito e tegumentario) ed endocrino.

Frequentare le lezioni

Anche se la frequenza alle lezioni non sempre è obbligatoria in questo insegnamento, è comunque importante frequentare le lezioni che, oltre a rappresentare un prezioso aiuto nello studio, chiariscono anche gli argomenti specifici del programma. Inoltre, l’ascolto delle spiegazioni del docente aiuta anche a familiarizzare con il linguaggio tecnico della medicina.

Guarda anche:

Studiare bene il manuale

Gli appunti e le dispense non bastano certo per prepararsi in modo completo. Per questo, lo studio integrale del manuale, sebbene faticoso, è assolutamente essenziale per poter superare l’esame di Anatomia umana.
Un buon modo per approcciarsi allo studio è sicuramente quello di affrontare gli argomenti sul manuale procedendo di pari passo con le lezioni, in modo da avere già una prima approssimativa conoscenza del materiale. Per capire e memorizzare bene gli elementi e le funzioni che caratterizzano il corpo umano e i suoi apparati, bisogna studiare bene e senza fretta.
Inoltre, nemmeno la prima lettura può essere superficiale in quanto è opportuno iniziare sin da subito a sottolineare termini e concetti principali, anche con colori diversi, così da focalizzarli e saperli contestualizzare anche all’interno del discorso generale.

Studiare con le immagini

Lo studio teorico di anatomia umana non può assolutamente prescindere da quello delle relative immagini che aiutano a far comprendere e memorizzare anche termini tecnici che altrimenti suonerebbero semplicemente come parole vuote.
Preferibili alle immagini sui manuali sono i veri e propri atlanti di anatomia che offrono dettagliate rappresentazioni in piccola e grande scala del corpo umano, arricchendole di ogni minimo particolare. È fondamentale inoltre procurarsi anche un modellino di anatomia umana per capire e memorizzare la posizione di ogni osso, organo e articolazione.


Suddividere gli argomenti di studio

Per riuscire a studiare e a comprendere anatomia umana è importante suddividere lo studio in base agli argomenti che dovranno essere disposti in ordine crescente: dagli apparati basici come quello scheletrico, muscolare e circolatorio a quelli particolari, così come dagli elementi fondamentali e generici a quelli particolari come appunto i diversi organi e le loro funzioni all’interno dei diversi apparati.

Schematizzare le nozioni

Per ricordare meglio tutti gli elementi che costituiscono il corpo umano e le connessioni che ne determinano il funzionamento, è utile fare schemi e appuntare la terminologia su un foglio, dividendo magari il materiale per argomenti. Schematizzando i concetti e la relativa terminologia infatti sarà più semplice memorizzarli.

Partecipare ad una dissezione in laboratorio

Osservare con i propri occhi ciò che si studia sui manuali è assolutamente fondamentale sia per vedere da vicino gli organi sia per comprendere in generale la composizione interna del nostro organismo e quindi la sua anatomia.
Per superare questo esame basilare e propedeutico al mestiere stesso di medico, è davvero molto importante l’esperienza sul campo e le spiegazioni del chirurgo durante le dissezioni esplicative sul cadavere.
Osservare da vicino gli organi permette inoltre di confrontare ciò che si è appreso dai libri con ciò di cui realmente l’uomo è composto; se sorgono dubbi e domande inoltre, l’esperienza in laboratorio è l’occasione perfetta per chiedere chiarimenti al medico da cui si è accompagnati e istruiti.

Memorizza le parti invariabili greche o latine

La terminologia medica utilizza gran parte del lessico delle lingue classiche per eccellenza, il greco e il latino. Per aiutare la memorizzazione dei numerosi termini è utile quindi focalizzare l’attenzione sui diversi suffissi e prefissi classici che, unendosi insieme, danno vita a molta parte del vocabolario medico (ad esempio i prefissi “cardìa” che significa “cuore” e “algìa” che significa “dolore”).

Ripetere osservando le immagini

Dopo aver studiato bene tutto il materiale in programma, per verificare la conoscenza delle nozioni apprese, è opportuno ripetere avendo sempre di fronte le immagini degli organi e degli apparati in modo da conciliare la teoria allo studio effettivo e in qualche modo concreto dell’anatomia umana.
Skuola | TV
A Skuola con... Il Menestrelloh

In conduzione, Gianluca Daluiso e Valeria Angione. La webstar sfiderà Il Menestrelloh in una challenge molto particolare...

19 febbraio 2020 ore 16:00

Segui la diretta