Ominide 43 punti

Il totalitarismo


Termine “totalitarismo” inizialmente non considerato con accezione negativa. Pio XI nel 1930 afferma che la Chiesa è totalitaria perché tutti i fedeli sono legati interamente a Dio. Solo dopo la Guerra si scopre la vera realtà. Nel 1923 sulle pagine del quotidiano Il Mondo, Giovanni Amendola definì il sistema totalitario come «promessa del dominio assoluto e dello spadroneggiamento completo ed incontrollato nel campo della vita politica ed amministrativa». Per alcuni (Scuola di Francoforte) capitalismo è totalitarismo. Per John Keegan totalitarismo nasce con il reggimento: cittadini diventano dei soldati, con la libertà limitata di cui godono i soldati. Il loro compito è quello di servire la nazione potenzialmente in lotta contro i nemici interni ed esterni.
Le principali forme di totalitarismo sono quattro: totalitarismo comunista, teocratico, tribale, di destra.
Il totalitarismo comunista, molto diminuito dopo il 1989. Cina, il Vietnam, il Laos, la Corea del Nord e Cuba. Sotto molti aspetti, i governi di Cina, Vietnam e Laos sono comunisti soltanto in parte, in quanto aderiscono a riforme economiche ispirate all'economia del libero mercato.
Il totalitarismo teocratico si trova in paesi in cui il potere politico è monopolizzato da un partito, un gruppo o un individuo che governano secondo principi religiosi. La forma più comune di totalitarismo teocratico è quella che si basa sulla religione islamica (un esempio sono paesi come Iran e Arabia Saudita).
Il totalitarismo tribale, nei paesi africani come lo Zimbabwe, la Tanzania, l'Uganda e il Kenya. Questa forma di totalitarismo si verifica quando un partito politico che rappresenta gli interessi di una particolare tribù monopolizza il potere.
Infine, abbiamo il totalitarismo di destra, che generalmente permette alcune libertà economiche individuali, ma limita la libertà politica sulla base del fatto che potrebbe portare alla nascita del comunismo. Esempi di questo tipo di totalitarismo sono il regime fascista che ha governato l'Italia, la Germania nazista e molte dittature dell'America Latina esistenti fino agli anni ottanta.
Processi sommari, carcere, deportazione, tortura, nemico comune da distruggere (ebrei, kulaki…). In un regime totalitario lo stato controlla quasi ogni aspetto della vita di un individuo, attraverso il massiccio uso della propaganda, che cerca di plagiare le menti di tutti i cittadini con una ideologia di stato. Un ruolo fondamentale in tal senso è svolto dalla scuola e dai mass media. Il partito unico totalitario controlla tutti i gangli della vita politica e sociale, infatti i governi totalitari non accettano le attività di individui o gruppi che non siano indirizzate al bene dello Stato, mentre negli autoritarismi è presente un limitato pluralismo socio-culturale.
1. Ideologia proiettata verso lo stadio finale perfetto dell’umanità.
2. Partito unico guidato da un dittatore.
3. Sistema di terrore.
4. Monopolio mezzi di comunicazione di massa.
5. Monopolio dei mezzi di lotta armata.
6. Controllo centralizzato e la guida dell’intera economia attraverso il coordinamento burocratico.
“Liberalismo” vs “totalitarismo”: Ogni uomo è titolare di diritti naturali che precedono la costituzione dello Stato; Stato come esito di un patto. (Locke). Divisione dei 3 poteri – esecutivo, legislativo, giudiziario – garantita dalla Costituzione (Montesquieu). Libertà negativa – sfera d’azione in cui non intervengono le leggi – e libertà positiva – possibilità di obbedire solo alle leggi che noi stessi ci siamo dati, come capacità di partecipare alle decisioni pubbliche – (Rousseau). Libertà politica – «assoggettamento completo dell’individuo all’autorità dell’insieme» – nel mondo antico e libertà individuale a tutela dei diritti civili nel mondo moderno (Constant). Stato minimo, come garante, per evitare dispotismo (Spencer). Democrazia ed eguaglianza, che può minacciare la tutela delle libertà individuali – fino a che punto siamo uguali? Uguaglianza economica, giuridica, politica? Tirannide della maggioranza (de Tocqueville).
Potere legittimato dal consenso dei governati. Consenso una volta o continuamente? Plebisciti, brogli elettorali, esautorazione del Parlamento, acclamazione popolare vince sul parere dei rappresentanti – cfr Gran Bretagna e Brexit. Totalitarismo e dominio monopolistico della società e degli individui. Completa identificazione con gli obbiettivi fissati dal regime, adesione ideologica e mobilitazione permanente; i fini del singolo sono i fini dello Stato. Libertà positiva – di agire – unita all’ideologia di trasformazione della società porta al totalitarismo (Berlin). Visione utopistica che vuole costruire una società perfetta tramite i soli sforzi umani (Todorov).

Professore Domenico Lo Surdo (Università Urbino): Anche nella tradizione liberale ci sono esempi di strutture totalitarie; es. le “case di lavoro” o “di correzione” in cui erano rinchiusi i cosiddetti vagabondi (cfr campi di concentramento), spesso in realtà disoccupati, l’istituto della schiavitù, e lo stesso esercito, con i connessi concetti di disciplina e di potere assoluto di vita e di morte, sono alcuni degli elementi di totalitarismo disseminati lungo la storia dell’Europa liberale. Anche Locke, liberale, sostiene che gli internati non possano abbandonare la struttura senza permesso, altrimenti bisogna spedire il recidivo nelle colonie. Regime rigido nell’esercito. Ufficiali hanno poteri di vita e di morte sui soldati.
Concetto universale di uomo da cui deriva totalitarismo. Schiavitù, genocidi, lavoratori non considerati pienamente uomini. Razzismo. Hitler considerava normale lo sterminio del più debole a opera del più forte (cfr colonialismo e sfruttamento indios). Comunismo dopo Rivoluzione richiama popoli nelle colonie a ribellarsi. Comunismo cerca universalità del concetto di uomo e la vuole applicare a tutti gli individui, il nazismo combatte l’universalità e considera “uomo” solo certi gruppi di persone. Non ha senso unire nazismo e comunismo. Rivoluzione comunista nasce da lotta in vista di uno Stato senza classi. Marx parla di bonapartismo riferendosi al colpo di stato di Napoleone III. Rivoluzione del proletariato nel 1848 repressa dal potere borghese e dall’esercito. Dittatura borghese della “spada”. Con Nap III dittatura della “spada” domina su tutta la società, anche sulla borghesia. Militarizzazione porta al totalitarismo. Forme diverse.

Hanna Arendt: Non solo l’obbedienza assoluta dei cittadini privati di ogni libertà, ma vuole conquistare la loro anima, vuole convertirli a un credo totalitario come una religione, una religione laica di cui i cittadini devono diventare i “fedeli”. Gli esempi di regimi totalitari sono per la Arendt la dittatura nazista di Hitler e la dittatura comunista di Stalin. Utilizzo del terrore e dell’ideologia per dominare la massa, eliminazione associazioni intermedie – partiti, sindacati, Chiese... – per cancellare la libertà di pensiero. Volontà di potenza per plasmare l’uomo nuovo in virtù di una prassi formalmente legale ma completamente arbitraria. Chi si oppone è considerato nemico “oggettivo” della rigenerazione.
Ridurre gli uomini dalla diversità a un unico uomo attraverso la violenza – la cui massima espressione è costituita dai campi di sterminio. Uomo ridotto ad animale. “Male radicale” assoluto, impunibile che deriva dall’appello del “tutto è possibile”. Razzismo e odio verso una razza, causati dallo sviluppo illimitato e universalizzanti dello Stato-nazione che tende a unificare il popolo e a favorire l’identità nazionale. Ne consegue l’imporsi della dinamica imperialista e l’impossibilità di tutelare i diritti umani dei perseguitati. Espansione senza limiti −> crisi del principio di territorialità e il credo nell’inviolabilità dei diritti dei popoli e degli individui −> movimenti imperialisti pangermanici e panslavi ottengono il consenso tramite concezioni razziali.
Massa amorfa manipolabile. Il potere dello Stato è sottomesso a quello del partito unico. Strumento di controllo è il terrore e l’estraniazione dell’uomo attuata nei campi di concentramento. Nella società moderna rinuncia al pensiero come mezzo per raggiungere la verità e vittoria dell’uomo come animale che lavora. Passività animale e assenza di pensiero portano al male – cfr Eichmann e il male banale, la cui coscienza non è in grado di capire che sta commettendo una mostruosità. È necessario essere coerenti con se stessi, coltivare la libertà del pensiero. I malvagi evitano di pensare, scansano la compagnia di se stessi, e questa è una possibilità permanente per chiunque.
Esperimenti per cambiare la natura dell’uomo, per educarlo. Popolazione che non reagisce o agisce come carnefice è egualmente colpevole. «C’è da temere che i campi di concentramento e le camere a gas, che rappresentano indubbiamente la soluzione più sbrigativa del problema del sovrappopolamento, della superfluità economica e dello sradicamento sociale, rimangano non solo di monito, ma anche di esempio. Le soluzioni totalitarie potrebbero sopravvivere alla caduta dei loro regimi sotto forma di tentazioni destinate a ripresentarsi ogni qual volta appare impossibile alleviare la miseria politica, sociale od economica in maniera degna dell’uomo». La legge divina tende a coincidere con quella statale. Leggi di movimento che non si basano sulla tradizione o sulla natura – nazismo si basa sull’evoluzione, marxismo sulla lotta di classe, dinamico. Terrore cerca di stabilizzare gli uomini perché è espressione della legge in movimento. Il governante totalitario agisce non tramite la saggezza ma tramite il terrore. Fine è la creazione della nuova umanità. Diverso dall’illegalità del regime dispotico: alla pluralità degli uomini è sostituito l’uomo unico, e il terrore è la nuova legge totalizzante.
Giovanni Gentile: importanza dell’educazione. Personalità è centro della visione educativa. Negare l’esistenza di un conflitto tra volontà del singolo e legge dello Stato: la personalità vuole ciò che vuole la legge dello Stato. Vi è una sola volontà, quella dello Spirito. La guerra è vista come il rinnovo morale degli Italiani, il fascismo come l’unica forza politica in grado di restaurare lo Stato. Lo Stato deve essere promotore della libertà come valore da attuare. L’individuo si identifica con lo Stato, che lo assorbe. Stato come entità etica e totale. «Per il fascista tutto è nello Stato, e nulla di umano o spirituale esiste, e tanto meno ha valore, fuori dallo Stato. In tal senso il Fascismo è totalitario, e lo Stato fascista, sintesi e unità di ogni valore, interpreta, sviluppa e potenzia tutta la vita del popolo».

Fascismo: è una dittatura liberticida e violenta che ha perseguitato le opposizioni, condannandole al carcere e all’esilio; ma la sua violenza non è paragonabile a quella di Hitler e di Stalin. Il fascismo chiedeva di “credere, obbedire e combattere” e si mette l’accento su “credere”. Anche il fascismo voleva entrare nelle coscienze degli italiani. Cambiare gli italiani, costruire “l’uomo nuovo” il vero fascista, cittadino dello “Stato nuovo”.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email