La tecnica migliore per studiare? Parte la prima ricerca scientifica per scoprirlo

Lucilla Tomassi
Di Lucilla Tomassi
metodo di studio migliore

Come essere sicuri che il metodo di studio scelto sia effettivamente il migliore per apprendere in modo veloce ed efficace? A breve non ci saranno più dubbi, infatti sta partendo proprio in questi giorni School R-Evolution, la prima ricerca scientifica sulle tecniche di apprendimento per la qualità dello studio. Il progetto, condotto dai ricercatori dell’Università degli Studi e Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, coinvolgerà 247 alunni, 44 professori e 25 educatori del Convitto Nazionale “Mario Pagano” di Campobasso.
Ma scopriamone qualcosa in più.

Guarda anche:




Il metodo di studio più efficace sta per essere scoperto


Il metodo di apprendimento è la base su cui appoggiare il futuro degli studenti per aiutarli a
ottimizzare tempi, acquisendo una nuova consapevolezza delle proprie potenzialità per affrontare al meglio qualsiasi percorso universitario
”, spiega Matteo Salvo, International Master of Memory e formatore insieme al suo Team di Learning Trainer per l’intera durata del progetto. Ma come si svolgerà questo studio molto interessante?

L’allenamento e la ricerca sul metodo di studio perfetto


Prima di avviare la ricerca vera e propria i ragazzi saranno sottoposti a un periodo propedeutico di avviamento durante il quale avverrà una formazione di due settimane sulle tecniche di apprendimento, quali mappe mentali, lettura strategica, loci ciceroniani, tecniche di memoria e altre ancora, e sulle Soft Skills. Al termine di questo periodo inizieranno i test cognitivi interesseranno gruppi di studenti di pari età e con uguali percentuali di partecipanti di genere maschile e femminile, che assisteranno alle stesse lezioni. Alla fine del progetto verrà messo a confronto il rendimento scolastico del gruppo sperimentale, composto da allievi che hanno ricevuto il training sulle tecniche di memoria, e del gruppo di controllo, che non è a conoscenza delle metodologie di studio.

Come decretare il metodo di studio più efficace?


Alla fine del corso ci sarà un esame finale tramite il quale si eleggerà il metodo di studio più efficace degli altri. Come? Nel test finale, i professori non formati con le tecniche si rivolgeranno a studenti formati e viceversa, in un percorso condiviso di formazione e sperimentazione. Cambierà anche il ruolo dell’insegnante, che da “erogatore di voto” diventerà responsabile dell’apprendimento e della crescita didattica dell’allievo. In aggiunta al test finale, il rendimento scolastico degli alunni verrà misurato anche in base ad alcuni parametri chiave, quali il mantenimento dei livelli di attenzione, la capacità di ricordo dei contenuti appresi sia sul breve che sul lungo termine e l’ottimizzazione dei tempi di apprendimento, spiega Iannoccari, Direttore Scientifico della ricerca. Dunque non ci resta che attendere per scoprire quale sarà decretato miglior metodo di studio di sempre.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

2 marzo 2021 ore 15:30

Segui la diretta