Analisi del testo prima prova maturità 2018: tracce, autori e guida

Ilaria_Roncone
Di Ilaria_Roncone

analisi del testo prima prova maturità 2018

Ecco a voi una guida allo svolgimento della prima prova maturità 2018. Le tracce, i possibili autori e una serie di consigli che ti saranno utili quando dovrai capire se scegliere o meno l’analisi del testo come prima prova.

Il secondo quadrimestre è ormai già cominciato da un po’ e gli studenti del quinto anno delle superiori vedono la prova di maturità 2018 farsi sempre più vicina. Quest’anno si comincia il 20 giugno con la prima prova, che in genere è quella che spaventa meno gli studenti. È anche vero però che tutto ha inizio quel giorno, quindi l’ansia da dover gestire sarà tanta. Per arrivare preparati conviene quindi, sin da ora, cominciare a pensare a una rosa di autori tra i quali il MIUR potrebbe scegliere per l’analisi del testo prima prova maturità 2018. Quali sono quindi le possibili tracce della prima prova maturità 2018?

A prescindere dalle tracce ci sono una serie di consigli e di dritte per lo svolgimento della prima prova che andranno bene qualunque siano tipologia di testo e autore. La tipologia A della prima prova di maturità va saputa prendere nella maniera giusta. Basta capire lo schema di analisi e conoscere l’autore quel tanto che basta per rispondere alle domande su dove collocarlo a livello di periodo storico e rispetto agli altri autori. L’analisi del testo resta la tipologia di prima prova perfetta per tutti quelli che vogliono superare la prima prova nel migliore dei modi pur non essendo molto bravi con temi, saggi e articoli di giornale.

La prima domanda relativa alla scelta del MIUR di quest’anno riguarda la tipologia di testo: sarà prosa o poesia? Solitamente il Ministero si è sempre basato sulla regola dell’alternanza secondo cui se un anno esce la prosa, quello successivo uscirà la poesia e viceversa. Ma, come tutte le regole, ci sono delle eccezioni: sia nel 2015 che nel 2016 agli studenti è stato proposto dal Ministero un testo in prosa, per esempio. E nel 2017 è stata proposta una poesia di Giorgio Caproni. Quest’anno quindi, probabilmente, ti troverai di fronte a un testo in prosa.

Analisi del testo: cos’è e la traccia


In cosa consiste l’analisi del testo? Ogni anno i maturandi si trovano di fronte o un brano o una poesia di un autore italiano. Lo scopo della tipologia A della prima prova è essenzialmente:
  • esaminare le conoscenze della lingua italiana e la capacità di scrittura dello studente. L’elaborato deve essere grammaticalmente e formalmente corretto, scorrevole e trasmettere le opinioni dello studente in maniera coerente e logica
  • valutare la preparazione dello studente in letteratura
  • giudicare la comprensione del testo proposto in tutte le sue sfaccettature

Analisi del testo prima prova maturità 2018: la traccia


Ma che tipo di prova ti troverai davanti se sceglierai l'analisi del testo nel primo giorno di maturità 2018? Il regolamento MIUR sulla prima prova dell’Esame di Stato specifica che la tipologia A dei temi prevede: “analisi e commento, anche arricchito da note personali, di un testo letterario o non letterario, in prosa o in poesia, corredato da indicazioni che orientino nella comprensione, nella interpretazione di insieme del passo e nella sua contestualizzazione”.

In parole povere? Nella traccia viene proposto un brano di uno degli scrittori studiati nel programma del quinto anno di superiori. Oltre al testo, la taccia fornisce qualche informazione su vita e contesto dell’autore o sul componimento stesso. Per svolgere la prova dovrai fronteggiare tre richieste:

  1. comprensione orale del testo: leggere e riassumere brevemente il contenuto del testo
  2. analisi del testo: dovrai rispondere ad alcune domande solitamente inerenti l’uso di figure retoriche, il significato di alcune espressioni e i motivi. Ed è qui che bisogna dar prova di conoscere l’autore
  3. interpretazione complessiva e approfondimenti: solitamente come ultima cosa viene chiesto di scrivere un testo che esponga le tue riflessioni sul significato dell’opera analizzata e la commenti. Vanno fatti riferimenti anche ad altre produzioni letterarie dell’autore e a quelle degli autori italiani che hanno lo stesso argomento o che fanno parte della stessa corrente letteraria

Gli autori dell’analisi del testo prima prova maturità 2018


Ogni anno puntualmente inizia la caccia all’autore della prima prova di maturità e il relativo brano che verranno scelti dal MIUR.

L’autore viene solitamente scelto tra quelli più conosciuti affrontati nel programma di quinta superiore: Pascoli, Verga, Manzoni, Leopardi, Carducci, D’Annunzio, Montale, Svevo sono solo alcuni dei classici che ci si aspetta di solito alla maturità. Però, anche stavolta, non è legge ma soltanto una regola. E alla regola ci sono le eccezioni. Nel 2013 e nel 2016 sono stati scelti autori contemporanei, rispettivamente Magris e Eco.

Ecco una lista delle tracce e degli autori proposti dal 2010 a oggi:

Maturità 2010: Primo Levi – brano di prosaLa ricerca delle radici
Maturità 2011: Giuseppe Ungaretti – poesia Lucca
Maturità 2012: Eugenio Montale – brano di prosa Ammazzare il tempo

Maturità 2013: Claudio Magris – brano di prosa L’infinito viaggiare
Maturità 2014: Salvatore Quasimodo – poesia Ride la gazza nera sugli aranci, ed è subito sera
Maturità 2015: Italo Calvino – brano di prosa Il sentiero dei nidi di ragno
Maturità 2016: Umberto Eco – brano di prosa Su alcune funzioni della letteratura
Maturità 2017: Giorgio Caproni - poesia ode alla natura in Versicoli quasi ecologici
 
Noi di Skuola.net abbiamo provato a selezionare una serie di anniversari e tematiche papabili per la prima prova maturità 2018. Avremo ragione? Aspettiamo la maturità 2018 per conferme!

Analisi del testo prima prova maturità 2018: guida per lo svolgimento

Ma veniamo al sodo. Come si fa l’analisi del testo della prima prova maturità 2018? La cosa fondamentale sarà, innanzitutto, capire se questo testo fa per te. Leggilo per intero e leggi le relative domande. Se pensi di conoscere a fondo l’autore del brano, di saper fare i collegamenti necessari con altre opere e altri autori e di saperlo collocare, allora l’analisi del testo è la tipologia di prima prova adatta a te.

Ma scendiamo nello specifico. Ecco quali domande devi porti per capire se davvero l’analisi del testo è la tipologia giusta per te:

  • Conosco davvero l’autore? Fare l’analisi del testo senza avere una buona conoscenza dell’autore è a tuo rischio e pericolo. Non conoscere bene le opere dell’autore e il periodo in cui è vissuto e ha scritto sarà qualcosa che si noterà subito durante la correzione delle domande. Tenta l’analisi del testo solo se dovesse capitare un autore moderno (come Magris o Caproni). In questo caso basterà rendersi conto di capire molto bene il brano e di saper rispondere alle domande.
  • Sono in grado di fare il riassunto o la parafrasi? A volte può essere utile fare questa cosa come ultima. Rispondere alle domande può mettere in evidenza tematiche che non possono essere escluse dal riassunto o fondamentali per parafrasare certi versi. Se capisci di non riuscire a rendere con riassunto o parafrasi il senso del brano allora prova con altre tracce; l’analisi del testo di un brano che non capisci rischia di farti fare un buco nell’acqua.
  • Capisco il brano che devo analizzare? Il brano che ti capita potrebbe anche non essere mai stato affrontato nel corso dell’anno scolastico. Leggilo con calma e cerca di capire se sai rispondere alle relative domande. Se ti rendi conto che ci sono passaggi interi che non capisci e la comprensione globale del testo è compromessa, lascia perdere e passa a un’altra traccia.
  • Conosco il periodo storico? Conoscere bene il periodo storico del brano ti sarà necessario verso le ultime domande. Leggi per intero i quesiti e capirai subito se ti verrà in mente qualcosa da scrivere per le domande che richiedono di collocare gli autori in un periodo storico e rispetto ad altri autori.

Una volta deciso che vuoi affrontare l’analisi del testo come prima prova comincia pianificando il tempo che hai a disposizione. Suddividilo in maniera equilibrata per capire quanto tempo impiegare per ognuna delle tre parti della consegna. A questo punto devi rileggere il testo con estrema attenzione e sarai pronto per partire.

Per quanto riguarda la comprensione di un testo poetico, dovrai parafrasarlo. Riscrivi quindi il testo con parole più semplici e attuali rispetto a quelle utilizzate dall’autore. Questo servirà per far capire alla commissione che siete in grado di ricostruire il significato dei versi di una poesia. Nel caso della prosa dovrai invece fare un riassunto. Dovrai dimostrare di aver afferrato appieno i concetti chiave, le informazioni principali, la totalità dell’argomento, chi sono i personaggi principali e le loro azioni.

Una volta riassunto il testo toccherà alle domande. La precisione delle risposte è fondamentale. Rispondi in maniera diretta alle domande fatte e non divagare inserendo informazioni non richieste. Ogni volta che fornisci una tua interpretazione non scordarti di argomentarla.

La parte finale è quella dell’interpretazione complessiva e degli approfondimenti. Per prima cosa leggi bene la consegna. Di cosa devi parlare? Cosa va approfondito? Ti vengono chiesti riferimenti ad altri autori? Devi fare collegamenti? Una volta capito bene cosa ti è stato richiesto sottolinea nel testo i passaggi chiave di cui devi parlare. Pensaci su e poi comincia a scrivere. Non dimenticare di utilizzare un linguaggio tecnico e formale e di contestualizzare il brano tra le altre produzioni dell’autore. Non devono mancare nemmeno cenni al periodo storico e alla sua poetica. Se hai una tua opinione e ti viene richiesta, esponila rafforzandola con riferimenti alle caratteristiche stilistiche e formali che sei riuscito a trovare.

Finita la prova per intero prenditi cinque minuti di riposo e poi passa alla correzione. Rileggi attentamente per vedere se hai commesso qualche errore e se hai dimenticato di sviluppare qualche parte della consegna. Fatto ciò puoi cominciare a ricopiare tutto in bella. Rileggi un’ultima volta per correggere eventuali errori di ortografia. Fatto ciò sei pronto per consegnare!


Ilaria Roncone
Consigliato per te
Simulazioni terza prova: esercitati ora per passare
Skuola | TV
La Fidanzata Psicopatica ospite della Skuola Tv

Il suo vero nome è Selene Maggistro ed è seguitissima per aver fatto dello stalking social una vera e propria bandiera. Ma come è nato il suo successo? Non perdere la nostra videochat per saperlo!

23 maggio 2018 ore 16:30

Segui la diretta