Maturità 2020, tutte le news in diretta: maxi orale, sicurezza, notizie dalle scuole

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri
Maxi-orale Maturità 2020: tutte le informazioni

La Maturità 2020 è ufficialmente iniziata: da oggi i maturandi dovranno affrontare l’Esame di Stato, quest’anno ridotto al solo colloquio orale a causa dell’emergenza sanitaria che dal 5 marzo ha costretto tutte le scuole a chiudere.
Nonostante le numerose criticità che il Covid-19 ha determinato anche nella continuazione della didattica a distanza, il Ministero dell’Istruzione ha mantenuto la data scelta per l’inizio della Maturità 2020 prima della diffusione del virus: la data di partenza è quindi oggi 17 giugno 2020.


Maturità 2020: le esperienze dei primi maturandi al maxi orale

Stamattina il creator e youyuber Nikolais è andato a curiosare per Skuola.net di fronte al liceo Russell di Roma - linguistico, scientifico e classico - alla ricerca dei primissimi maturandi che oggi hanno svolto il maxi orale, cioè l'esame di maturità ai tempi della pandemia.
Come sarà andata? Chi avranno portato con sé come accompagnatore? Avranno rispettato le regole? Questo e molto altro nel video che vedete qui sotto:



Maturità 2020, le reazioni dei maturandi dalle scuole

La prima mattinata si è ormai conclusa e sui social i maturandi si scatenano parlando della propria esperienza.
Vediamo allora come sono andate le prime ore di questa maturità 2020.

"Ho fatto l'esame e menomale che i prof sono stati molto calmi e comprensivi verso la mia ansia" scrive ECLIPSE(@double__b_)


"Ho finito l'esame e appena uscita un giornalista mi ha intervistato. Non so se ho sparato più cavolate durante l'esame o durante l'intervista" twitta ellie_(@ellie_echo), e aggiunge: "Sono riuscita a collegare l'alcol con chimica, biologia i tumori, inglese the great gatsby e la crisi del '29. Non mi hanno chiesto nulla di filo o cittadinanza"


Guarda anche:
  • Maturità 2020, analisi del testo: gli autori più importanti da sapere
  • Maxi orale, analisi del testo maturità 2020: guida completa
  • Maturità 2020, percorso interdisciplinare: come strutturarlo
  • Cittadinanza e Costituzione materia maturità 2020: domande e argomenti
  • Relazione alternanza scuola lavoro per la maturità 2020: come impostarla

  • Maturità 2020 al via, ministro Azzolina a Bergamo: anno scolastico inizierà il 14 settembre

    La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha seguito il via agli esami in presenza presso l'istituto Quarenghi di Bergamo, per essere vicina agli studenti: "La presenza dello Stato era doverosa - ha affermato - non è stata una passeggiata, questi esami di Stato non concludono un anno scolastico ma aprono il prossimo. Le scuole saranno aperte dal primo settembre per consentire la preprazione delle aule e l'anno scolastico inizierà dal 14".
    Riguardo gli esami in presenza, Azzolina ha detto: "Non è stata una passeggiata, alcuni paesi europei li hanno cancellati. Questi esami non concludono l'anno scolastico ma fanno da collegamento con settembre. Sono molto felice di vedere oggi le scuole riaperte e di essere qui a Bergamo".

    In bocca al lupo ai maturandi: i messaggi di Conte e Azzolina

    Il Presidente del Consiglio e il ministro dell'Istruzione hanno dato il loro in bocca al lupo per la maturità 2020 attraverso i loro social. "Un grande in bocca al lupo a tutte le ragazze e i ragazzi che affronteranno la prova orale dell'esame di maturità": così Giuseppe Conte, in un post su Facebook. "Tirate fuori il meglio che è in voi, perché dovrete essere i protagonisti di un'Italia migliore".

    Un grande in bocca al lupo a tutte le ragazze e i ragazzi che a partire da domani affronteranno la prova orale...

    Pubblicato da Giuseppe Conte su Martedì 16 giugno 2020

    Non è da meno Lucia Azzolina, che esprime il suo sostegno attraverso un video sui social: "È stata anche per me una vigilia degli esami particolare, confesso di essere molto emozionata perché tra poche ore si riaprono le scuole. Ragazzi e ragazze un enorme in bocca al lupo!!"

    È stata anche per me una vigilia degli esami particolare, confesso di essere molto emozionata perché tra poche ore si riaprono le scuole. Ragazzi e ragazze un enorme in bocca al lupo!!

    Pubblicato da Lucia Azzolina su Martedì 16 giugno 2020


    Maturità 2020: le regole di sicurezza da rispettare a scuola

    Ogni istituto è fornito di distributori di gel igienizzanti a disposizione dei maturandi e delle commissioni (non è obbligatorio indossare i guanti), e gli ambienti saranno sanificati dai collaboratori scolastici ogni giorno.
    Le aule presso cui si svolgeranno i colloqui saranno abbastanza ampie da consentire il distanziamento obbligatorio anche fra gli stessi componenti della commissione di almeno 2 metri. Anche il candidato sarà seduto alla medesima distanza da tutti i docenti. Le aule scelte per espletare le prove saranno inoltre dotate di finestre per garantire il ricambio continuo di aria.
    Dovranno essere indossate le mascherine ma il candidato durante lo svolgimento del colloquio, distanziato di almeno 2 metri dalla commissione, potrà abbassarla per rendere più agevole la prova.
    La scuola infine dovrà provvedere a creare percorsi di entrata e di uscita identificati dalla relativa segnaletica proprio per evitare la creazione di assembramenti o di flussi di studenti a distanza troppo ravvicinata.

    Maturità 2020: necessaria l’autocertificazione

    Non è previsto alcun rilevamento di temperatura all’ingresso dell’edificio scolastico ma candidati ed eventuali accompagnatori saranno tenuti a compilare un’autocertificazione che attesterà l’assenza di sintomatologie respiratorie, dichiarando una temperatura corporea inferiore ai 37,5°C il giorno dell’esame e i tre giorni precedenti. Inoltre nella stessa autocertificazione si dovrà dichiarare di non essere stati in quarantena negli ultimi 14 giorni e di non essere venuti a contatto con soggetti affetti da Covid-19, sempre negli ultimi 14 giorni.
    In caso contrario, ovvero se una di queste voci non corrispondesse alla verità o se il giorno stesso dell’esame il candidato risultasse malato, non dovrà presentarsi a scuola ma dovrà inviare alla scuola un certificato medico che attesti l’impossibilità allo svolgimento dell’esame. A questo punto la commissione provvederà a stabilire una sessione di recupero.

    Clicca qui per leggere il documento ministeriale relativo alle misure di contenimento del Covis-19 durante lo svolgimento dell’Esame di Maturità 2020

    Maxi orale Maturità 2020: le fasi del colloquio

    Durante la prova orale i candidati dovranno dimostrare non solo di possedere una preparazione completa ed esaustiva nelle singole materie oggetto di esame ma sarà anche richiesta la capacità di collegamento interdisciplinare fra queste.
    La struttura del maxi-orale si può semplificare schematizzandola in cinque momenti che procederanno secondo il seguente ordine:
    • Esposizione di un elaborato scritto sulle materie di indirizzo: si tratta di un lavoro, concordato con i rispettivi docenti entro il 1° Giugno, che i candidati hanno dovuto consegnare in forma scritta alla commissione entro il 13 giugno e che poi dovranno esporre oralmente in sede di esame. Questa prima “fase” del colloquio è finalizzata a colmare la mancanza della seconda prova scritta.
    • Analisi del testo: ai candidati sarà richiesta l’analisi del testo orale di un brano fra quelli inseriti nel programma di italiano del medesimo anno scolastico. Dovranno quindi analizzare il testo dal punto di vista retorico, stilistico, storico e contenutistico. Questa seconda “fase” del colloquio è finalizzata a colmare la mancanza della prima prova scritta.
    • Percorso interdisciplinare: il terzo momento è costituito dalla somministrazione da parte della commissione di materiale di varia natura (un testo, un quadro, una tabella, un problema) da cui il candidato dovrà cogliere il filo conduttore che lo connette alle altre materie per intessere un discorso interdisciplinare ben strutturato e coerente con il tema di fondo.
    • Illustrazione del percorso di PCTO (ex alternanza scuola-lavoro): il candidato esporrà la propria esperienza di PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento) con l’ausilio di una presentazione multimediale o di una relazione scritta, nella quale evidenzierà l’aspetto formativo dell’esperienza.
    • Domande di Cittadinanza e Costituzione: il candidato dovrà rispondere alle domande di Cittadinanza e Costituzione formulate dalla commissione. Sarà inoltre possibile trattare alcuni argomenti della materia anche in relazione all’emergenza sanitaria e ai cambiamenti drastici che essa ha comportato nella società.
    La durata media dell’esame sarà di circa un’ora per ciascun candidato.

    Clicca qui per leggere l’ordinanza ministeriale relativa agli esami di Stato 2020

    Clicca qui per leggere la nota ufficiale del MI contenente chiarimenti e indicazioni operative degli esami di Stato 2020

    Maturità 2020: come è composta la commissione

    Anche nella Maturità 2020 le commissioni saranno formate da sei docenti che però, a differenza degli anni scorsi, saranno tutti interni al Consiglio di classe. Ogni commissione sarà inoltre guidata da un presidente esterno che avrà il compito di controllare sul corretto svolgimento dell’esame.

    Maturità 2020: come funziona la valutazione

    La valutazione finale della prova di Maturità 2020 seguirà criteri diversi rispetto agli anni scorsi. Il minimo del punteggio si conferma 60/100 e il massimo 100/100 a cui sarà ancora possibile aggiungere la lode.
    Il voto finale sarà il risultato della somma di due parametri fondamentali:
    • Credito scolastico
    • Esito del colloquio
    In particolare, quest’anno il punteggio fra questi due parametri è stato ridistribuito dando maggiore peso al percorso scolastico degli studenti e quindi al numero di crediti ottenuti nel triennio che sale ad un massimo di 60 punti totalizzabili. A questi si dovranno aggiungere poi i 40 rimanenti che saranno assegnati dalla commissione in base alla qualità della prova.

    Clicca qui per leggere l’ordinanza ministeriale relativa alla valutazione finale

    Clicca qui per visualizzare la griglia ufficiale del Miur con i criteri di valutazione della priva orale

    Maturità 2020: le tabelle di conversione dei crediti

    Il Ministero dell’Istruzione ha dunque provveduto a pubblicare le tabelle di conversione dei crediti del triennio. Il massimo di crediti ottenibili per ciascun anno darà quindi come risultato 60 punti totali a cui è possibile ambire avendo raggiunto la fascia più alta dei voti nel triennio:
    • Terzo anno: 18 crediti
    • Quarto anno: 20 crediti
    • Quinto anno: 22 crediti
    Di seguito è possibile consultare le tabelle complete aggiornate secondo i nuovi criteri di assegnazione, suddivise per ciascun anno del triennio:

    Classe terza
      • Credito conseguito: 3 - Nuovo credito attribuito: 11
      • Credito conseguito: 4 - Nuovo credito attribuito: 12
      • Credito conseguito: 5 - Nuovo credito attribuito: 14
      • Credito conseguito: 6 - Nuovo credito attribuito: 15
      • Credito conseguito: 7 - Nuovo credito attribuito: 17
      • Credito conseguito: 8 - Nuovo credito attribuito: 18

    Classe quarta
      • Credito conseguito: 8 - Nuovo credito attribuito: 12
      • Credito conseguito: 9 - Nuovo credito attribuito: 14
      • Credito conseguito: 10 - Nuovo credito attribuito: 15
      • Credito conseguito: 11 - Nuovo credito attribuito: 17
      • Credito conseguito: 12 - Nuovo credito attribuito: 18
      • Credito conseguito: 13 - Nuovo credito attribuito: 20

    Classe quinta

      • Media dei voti < 5 - Nuovo credito attribuito: 9-10
      • 5 ≤ Media dei voti < 6 - Nuovo credito attribuito: 11-12
      • Media dei voti = 6 - Nuovo credito attribuito: 13-14
      • 6 < Media dei voti ≤ 7 - Nuovo credito attribuito: 15-16
      • 7 < Media dei voti ≤ 8 - Nuovo credito attribuito: 17-18
      • 8 < Media dei voti ≤ 9 - Nuovo credito attribuito: 19-20
      • 9 < Media dei voti ≤ 10 - Nuovo credito attribuito: 21-22

    Clicca qui per visualizzare il documento ministeriale con le tabelle di conversione del credito

    Maturità 2020: il calendario delle prove

    Il Ministero dell’Istruzione per permettere lo svolgimento degli esami negli istituti scolastici ha provveduto a fornire regole per evitare assembramenti e mantenere il distanziamento sociale, ancora indispensabile per evitare la creazione di nuovi contagi e focolai.
    Dopo la riunione plenaria, gli istituti comunicheranno il calendario delle convocazioni in cui saranno specificate le turnazioni dei maturandi suddivise per giorni e orari diversi. Le scuole dopo aver pubblicato il calendario sul proprio sito e aver inviato una mail all’indirizzo di posta elettronica di ogni candidato, dovranno assicurarsi di contattare telefonicamente ognuno per la conferma dell’avvenuta ricezione.
    I maturandi il giorno della convocazione dovranno essere puntuali rispetto all’orario comunicato; per rendere più agevole e veloce il percorso a scuola, viste le attuali misure di sicurezza che regolano l’accesso ai mezzi pubblici, potranno inoltre esibire un documento (precedentemente richiesto alla scuola) attestante la loro convocazione.
    L’appuntamento a scuola per tutti i candidati in realtà è fissato 15 minuti prima dell’inizio dell’esame. Gli studenti potranno essere accompagnati da una sola persona e prima dell’inizio dell’Esame dovranno esibire un documento (carta di identità o patente di guida) necessario per il riconoscimento.
    Skuola | TV
    Buone vacanze!

    La Skuola Tv torna a settembre, nel frattempo continua a seguirci!

    1 settembre 2020 ore 11:00

    Segui la diretta