Scienze sociali e sociologia: sbocchi lavorativi della laurea

Redazione
Di Redazione
soft skills

Archiviato l’esame di Maturità, è tempo per chi ha terminato le superiori di decidere quale percorso di studi intraprendere. La scelta è di quelle che possono cambiare la vita o comunque influenzarla, bisogna quindi pensarci bene e non tralasciare nulla. E’ importante quindi, soprattutto se si è davvero indecisi, valutare tutte le facoltà e non solo quelle più note. Tra queste, spesso, non figura la facoltà di Scienze sociali e sociologia che permette ai laureati di aversi tanti e interessanti sbocchi professionali!

Guarda anche:


Scienze sociali: il corso di laurea


La laurea in Scienze sociali può essere inserita in diverse facoltà, in alcuni atenei la si può trovare all’interno della facoltà di Sociologia, in altri in quella di Scienze sociali, politiche e del territorio, e in altri ancora all’interno di Scienze economiche e sociali oppure Scienze politiche. A sottolineare la vastità di ambiti che tocca questo tipo di laurea, anche i diversi corsi di laurea, più o meno specializzati, in cui si dipana: da Sociologia e scienze criminologiche per la sicurezza a Scienze sociali per la globalizzazioni fino ad arrivare a Scienze sociali per lo sviluppo e la cooperazione. Per la laurea in Scienze sociali non è previsto per legge il numero programmato, ma alcuni corsi laurea specialistici potrebbero a discrezione degli atenei inserirlo.

Scienze sociale: gli sbocchi professionali


Considerando i numerosi corsi di laurea legati a Scienze sociali, non sorprende che siano altrettanti le figure professionali che i laureati in questa facoltà possono ricoprire. E’ possibile infatti lavorare in diversi ambiti, come quello delle risorse umane, in aziende pubbliche o private, oppure lavorare in agenzie investigative come tecnico della sicurezza. Non solo, con la laurea in Scienze sociali è possibile anche studiare e lavorare nella ricerca in qualità di sociologo.

Sociologia: il corso di laurea


La prima cosa da sottolineare quando si parla della laurea in Sociologia è la sua equipollenza alle lauree in Scienze Politiche e in Economia e Commercio. Questo permette ai laureati in Sociologia di partecipare a concorsi in cui vengono richieste le altre due lauree appena citate; tuttavia non hanno diritto all’iscrizione all’Albo dei dottori commercialisti. Il corso di laurea in Sociologia ha sia una triennale, uguale per tutti, che diverse specialistiche attraverso le quali è possibile specializzarsi, appunto, in diversi settori. Tra quelli più gettonati ci sono:
- l’indirizzo politico-istituzionale che permette di trovare lavoro ad esempio come funzionario di un ufficio stampa di un ente pubblico o privato, oppure come ricercatore in studi politici o parlamentari
- l’indirizzo organizzativo, economico e del lavoro che dà la possibilità di trovare un’occupazione non solo nella Pubblica amministrazione ma anche all’interno di imprese, enti privati e cooperative
- l’indirizzo organizzativo, economico e del lavoro attraverso il quale è possibile ricoprire posizioni disparate come ad esempio sociologo e ricercatore nella pianificazione del territorio o di cooperative di servizi o ancora sociologo sul rischio ambientale
- l’indirizzo comunicazione e mass-media che permette di lavorare all’interno del vasto e variegato mondo della comunicazione.
Non bisogna poi dimenticare che con una laurea in Sociologia è possibile anche insegnare non solo la sociologia, ma anche filosofia, pedagogia e scienze dell’educazione. Per farlo, però, è necessario sostenere degli esami specifici durante il percorso di laurea.

Skuola | TV
Buone vacanze ragazzi!

La Skuola Tv torna a ottobre. Buone vacanze a tutti gli studenti!

1 ottobre 2019 ore 16:00

Segui la diretta