L'irraggiamento

Nei processi di conduzione e di convenzione è necessaria la presenza della materia. Ma l'energia si propaga anche nel vuoto. Ciò è confermato dal fatto che il calore del Sole arriva sulla Terra dopo avere viaggiato per circa 150 milioni di kilometri attraverso lo spazio vuoto. La trasmissione del calore nel vuoto o attraverso i corpi trasparenti si chiama irraggiamento. <<Irraggiare>> significa <<emettere radiazioni>>. Tutti i corpi emettono (e assorbono) radiazioni elettromagnetiche (luce visibile, raggi infrarossi, onde radio...). Sono onde simili a quelle che si formano sull'acqua, ma costituite da campi elettrici e magnetici oscillanti che si propagano nello spazio alla velocità della luce (300000 Km/s nel vuoto). La radiazione elettromagnetica che giunge su un corpo può essere assorbita, può attraversare il corpo oppure può essere riflessa. Le radiazioni elettromagnetiche trasportano energia anche attraverso lo spazio vuoto. Quando un corpo le assorbe, aumenta la propria temperatura. Se scaldiamo un pezzo di metallo, possiamo osservare che:

- verso i 1300 K si colora di rosso;
- diviene giallo attorno ai 1600 K;
- arriva a essere bianco oltre i 1800 K.
Il filamento di una lampada a incandescenza raggiunge i 30 K. Da ciò possiamo capire che i corpi caldi emettono luce visibile e che il tipo di luce emesso dipende dalla temperatura a cui si trovano.

Hai bisogno di aiuto in Termodinamica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email