Genius 13146 punti

Le foibe

In Istria durante la guerra vi furono diverse violenze, commesse sia dai fascisti e dai tedeschi, sia dal movimento di liberazione iugoslavo. Nel settembre 1943, in seguito alla caduta del governo fascista, il movimento di liberazione iugoslavo, comunista, prese il potere in Istria e tra il settembre e l’ottobre circa 500-700 persone, secondo i calcoli più fondati, furono uccise. Successivamente i reparti tedeschi riportarono la regione sotto il loro controllo, con una serie di azioni di rastrellamento e bombardamenti, che causarono molte migliaia di morti.

Nel maggio 1945, al termine della guerra, il movimento di liberazione iugoslavo prese nuovamente il potere nella Venezia Giulia e vi furono nuove violenze e processi sommari, come nelle altre regioni dell’Italia settentrionale, da poco liberate. Furono arrestate molte migliaia di persone, alcune delle quali vennero uccise immediatamente, spesso senza processo, altre vennero incarcerate o deportate nei campi di concentramento sloveni, come il campo di Borovnica, dove le condizioni di vita non erano migliori dei lager tedeschi. In questo secondo periodo, tra maggio e giugno del 1945, le vittime furono molto più numerose, probabilmente 4-5000.

Alcune delle vittime, una minoranza furono gettate nelle grandi cavità sotterranee presenti in tutta la regione, le foibe: le foibe sono ancora oggi il simbolo dei massacri compiuti nella regione al termine della guerra.

Vittime di queste ondate di violenza ed in particolare della seconda non furono soltanto i fascisti ed i collaboratori del fascismo. I partigiani iugoslavi colpirono soprattutto coloro che avrebbero potuto opporsi all’instaurazione di uno stato comunista: furono perciò uccisi i membri del CLN di Trieste e Gorizia, perché per i comunisti sloveni l’intera Resistenza italiana non comunista costituiva un ostacolo alla realizzazione di uno Stato comunista. Le vittime furono soprattutto italiani, perché coloro che volevano mantenere la regione unita all’Italia erano considerati nemici da eliminare, ma anche numerosi croati e sloveni anti-comunisti furono eliminati in quei giorni.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove