Ominide 117 punti

le relazioni internazionali


Il diritto internazionale: è il diritto che disciplina i rapporti tra gli stati. Il funzionamento della comunità internazionale è regolato da un ordinamento giuridico internazionale. I singoli stati sono indipendenti e sovrani e su un piano di parità.
La costituzione italiana e l’ordinamento internazionale: la Costituzione italiana dedica due articoli ai rapporti internazionali. L’articolo 10 dispone che l’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. L’articolo 11 stabilisce che l’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà dei popoli e consente a un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le nazioni. L’Italia si impegna a promuovere e favorire la formazione di organizzazioni internazionali per contribuire alla pace e alla cooperazione tra le nazioni. Condizione necessaria perché le nazioni aderiscano a tali organizzazioni è che esse partecipino su un piano di parità, cioè tutte indipendenti e sovrane.
Le fonti del diritto internazionale: le fonti primarie sono la consuetudine e i trattati. Al di sopra delle fonti primarie vi sono i principi fondamentali, nati non attraverso un procedimento giuridico, ma sorti in ogni comunità per il semplice fatto di esistere. Sono principi fondamentali ad esempio il principio dell’indipendenza, dell’uguaglianza e dell’autonomia degli stati. La consuetudine internazionale è un uso che gli stati seguono nei loro reciproci rapporti, come la regola di condotta obbligatoria. Gli elementi della consuetudine sono due: a) l’elemento materiale, che è il comportamento costante tenuto dai soggetti del diritto internazionale; b) l’elemento psicologico, che consiste nel convincimento dei soggetti stessi, che tale comportamento costituisca l’adempimento di un obbligo. Sono consuetudini le norme sull’immunità delle sedi diplomatiche e quelle relative al mare territoriale. I trattati internazionali sono accordi tra due o più stati diretti alla creazione di norme giuridiche internazionali. La formazione dei trattati avviene attraverso una prima fase di negoziazione, seguita dalla firma dei vari rappresentanti dei diversi governi e dalla successiva ratifica, che è l’accettazione definitiva degli obblighi contenuti nel trattato. Il contenuto dei trattati può riguardare grandi problemi politici o militari, la definizione di confini, il commercio internazionale e l’economia degli stati aderenti.
I soggetti del diritto internazionale: sono tutte le organizzazioni riconosciute titolari di diritti e doveri, che possono quindi firmare trattati internazionali. Sono tali gli stati, la santa sede, i governi in esilio e diverse organizzazioni come l’ONU e la CE.
Le organizzazioni internazionali: possono essere di due tipi: a vocazione mondiale, nel caso vi aderiscano paesi di tutto il mondo e a vocazione regionale, nel caso in cui vi aderiscano paesi di una sola regione o area geografica circoscritta.
Le organizzazioni a vocazione mondiale: assumono competenza riguardo a problemi politico-sociali legati allo sviluppo o relativi al commercio internazionale. Le più importanti sono:
L’ONU, fondata alla fine della II Guerra Mondiale dagli stati vincitori del conflitto, con l’obiettivo del mantenimento della pace e della sicurezza tra gli stati aderenti. Per raggiungere tale scopo deve assolvere due compiti: a) perseguire pacificamente la composizione o la soluzione delle controversie tra gli stati; b) prendere misure per prevenire e rimuovere le minacce alla pace e per reprimere le aggressioni. L’ONU, che ha sede a New York, agisce attraverso diversi organi: Il Consiglio di Sicurezza, l’Assemblea Generale, il Segretario Generale e la Corte di Giustizia Internazionale.
Il Consiglio di Sicurezza è l’organo più importante, in quanto è l’unico che può prendere decisioni vincolanti per tutti gli stati membri. E’ composto da rappresentanti di 15 paesi, di cui 5 sono membri di diritto, (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia e Cina) mentre gli altri 10 sono scelti tra tutti, dall’Assemblea Generale, ogni due anni. Ognuno dei 5 membri permanenti ha potere di veto su ogni decisione del Consiglio, per cui per adottare un qualsiasi provvedimento non basta il voto favorevole della maggioranza di tutti i membri, ma è necessaria l’unanimità dei membri permanenti. Questa disposizione assicura una netta supremazia ai membri di diritto rispetto agli altri stati. L’ONU è l’organo competente ad autorizzare l’invio di forze armate, o caschi blu, costituiti dai contingenti militari degli stati disposti a fornirli.
L’Assemblea Generale è composta dai rappresentanti di tutti gli stati aderenti e viene convocata una volta all’anno. Tale Assemblea ha una competenza generale e quindi può adottare deliberazioni con voto a maggioranza, in tutte le materie che non siano di competenza del Consiglio di Sicurezza o di un altro organo dell’organizzazione.
Il Segretario Generale è l’organo di vertice dell’apparato burocratico dell’ONU. E’ nominato dall’Assemblea Generale su proposta del Consiglio di Sicurezza ed è responsabile dell’attuazione delle decisioni dell’ONU. Il suo mandato dura cinque anni.
La Corte di Giustizia Internazionale è un tribunale che giudica sulle controversie tra stati, sulla base delle norme internazionali. Svolge inoltre una funzione consultiva, in quanto può dare pareri su qualsiasi questione giuridica all’Assemblea Generale o al Consiglio di Sicurezza.
Un altro aspetto importante dell’attività dell’ONU, riguarda la difesa dei diritti umani, sancita dopo la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo avvenuta nel 1948.
Le organizzazioni collegate all’ONU sono organizzazioni specializzate a carattere universale, che hanno lo scopo di favorire la cooperazione internazionale. Le principali sono:
La FAO, che è l’organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura, con sede a Roma, il cui scopo è lottare contro la fame nel mondo fornendo aiuti in campo agro-alimentare.
L’OMS, che è l’organizzazione mondiale per la salute, con sede a Ginevra, che ha come obiettivo quello di innalzare il livello della qualità della vita.
La BIRS, che è la banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo, detta anche Banca Mondiale, con sede a Washington, che ha lo scopo di concedere prestiti a lunga scadenza ai paesi in via di sviluppo.
L’OIL, che è l’organizzazione internazionale del lavoro, con sede a Ginevra, che ha lo scopo di promuovere la giustizia sociale per i lavoratori e formulare politiche che contribuiscano a migliorare le condizioni di vita dei lavoratori.
L’UNESCO, che è l’organizzazione delle Nazioni Unite per la scienza, l’educazione e la cultura, con sede a Parigi, che ha lo scopo di promuovere mediante tali attività, la collaborazione tra gli stati.
L’FMI, che è il Fondo Monetario Internazionale, con sede a Washington, che ha lo scopo di impedire o comunque ridurre squilibri nelle bilance dei pagamenti tra gli stati aderenti.
L’UNICEF, che è il fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, con sede a New York, che si propone di aiutare i bambini, soprattutto in quei paesi in cui la loro vita è in costante pericolo per la fame e le malattie.
Oltre all’ONU, vi sono altre organizzazioni a carattere mondiale, tra cui l’OMC e l’OCSE.
L’OMC è l’organizzazione mondiale per il commercio, con sede a Marrakech, che ha lo scopo di rafforzare l’economia mondiale favorendo investimenti e occupazione.
L’OCSE è l’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che ha lo scopo di favorire lo sviluppo e l’occupazione nei paesi aderenti, mantenendo sotto controllo l’inflazione e cercando di eliminare gli ostacoli agli scambi internazionali.
Le organizzazioni a carattere regionale: si tratta di organizzazioni di cooperazione economica e commerciale, la più importante delle quali è l’Unione Europea. Tra le altre le più importanti sono:
Il Consiglio d’Europa, con sede a Strasburgo, comprende 25 stati europei. Ha lo scopo di conseguire una più stretta unione fra i suoi membri e di favorire il loro progresso economico e sociale.
Lo Spazio Economico Europeo, o SEE, è nato tra i paesi dell’Unione Europea ed altri paesi europei, con lo scopo di estendere a questi ultimi la maggior parte delle disposizioni del mercato unico europeo.
L’Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico, o ASEAN, ha lo scopo di rafforzare la cooperazione economica e politica di quella regione.
L’accordo di libero scambio nordamericano, o NAFTA, è stato stipulato tra Stati Uniti, Canada e Messico per favorire il commercio tra questi paesi.
La NATO, detta anche Patto Atlantico, è il patto in base al quale diversi paesi del Nord America e dell’Europa Occidentale si sono impegnati a coordinare le loro politiche militari e darsi reciproco aiuto in caso di aggressione da parte di altri stati.
Le organizzazioni non governative: queste organizzazioni hanno assunto un’importanza sempre maggiore nel ruolo economico, sociale e politico mondiale. Tra le più importanti vi sono Amnesty International, Greenpeace, Medici Senza Frontiere. Queste organizzazioni sono attualmente attive nella maggior parte dei summit mondiali.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email