Ominide 6604 punti
I principi della Pubblica amministrazione

Il Governo è al vertice della Pubblica amministrazione, il cui funzionamento si fonda sui seguenti principi:

• decentramento, enunciato dall'art.5 Cost., che prevede una distribuzione di poteri e competenze fra organi centrali, con sede nella capitale presso il Ministero competente, e organi periferici distribuiti sul territorio, cui vengono attribuiti poteri e funzioni specifiche;
• legalità, espressa dall'art. 97 Cost., secondo cui l'organizzazione degli uffici è regolata dalla legge, che ne fissa i poteri e detta i criteri per la selezione e la competenza dei funzionari;
• imparzialità, introdotta dagli artt. 97 e 98 Cost., secondo cui la selezione dei pubblici dipendenti deve avvenire mediante concorso "salvo i casi stabiliti dalla legge" e "i pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione";
• responsabilità, sancita dall'art. 28 Cost., a carico direttamente dei pubblici dipendenti per gli atti compiuti nell'esercizio delle proprie funzioni e indirettamente a carico dello Stato per l'operato dei dipendenti pubblici.

Articolo 97
"I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e l'imparzialità dell'amministrazione.
Nell'ordinamento degli uffici sono determinate le sfere di competenza, le attribuzioni e le responsabilità proprie dei funzionari.
Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge."

Articolo 98
"I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.
Se sono membri del Parlamento, non possono conseguire promozioni se non per anzianità.
Si possono con legge stabilire limitazioni al diritto d'iscriversi ai partiti politici per i magistrati, i militari di carriera in servizio attivo, i funzionari ed agenti di polizia, i rappresentanti diplomatici e consolari all'estero"

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email