Nel suo saggio “Lo spirito delle leggi” espresse la convinzione della necessità al fine di un buon governo, della separazione dei poteri.
Secondo Montesquieu esistono:
Leggi di natura(bisogni umani), che derivano dalla costituzione stessa degli essere umani e corrispondono:
Alla legge che imprime in ogni persona l'idea di un creatore divino e che conduce verso lui;
Alla legge per cui si auspica alla pace;
Alla legge che induce alla ricerca del cibo;
Alla legge che spinge uomo e donna a riprodursi;
Alla legge che stimola gli uomini a vivere in società tra di loro.
Leggi positive, stabilite dallo Stato per regolare la vita sociale e quindi volte a regolare i rapporti tra le persone (diritto civile), e di leggi che disciplinano le relazioni tra chi governa e chi è governato (diritto politico).

Forme di governo individuate da Montesquieu


Governo repubblicano


La sovranità appartiene al popolo nel suo intero se si tratta di democrazia, o a una parte scelta dal popolo se si tratta di aristocrazie;
Alla base di tale governo si trova il principio della virtù, che consiste nel far prevalere l'interesse della collettività sugli egoismi privati.

Governo monarchico


Il potere appartiene a una sola persona, che lo esercita però nel rispetto delle leggi e del principio dell'onore.

Governo dispotico (Dittatura)


Quando il potere è esercitato da uno solo, senza leggi e nel proprio ed esclusivo interesse; si fonda sulla paura

Montesquieu afferma che il valore da difendere è la libertà e per tutelarla è necessario spartire il potere in senso sia verticale che orizzontale:
La suddivisione verticale: prevede che tra chi detiene il potere supremo e i sudditi esistano livelli intermedi, rappresentati dal clero, nobiltà e dalla magistratura;
La suddivisione orizzontale: comporta la separazione dei poteri statali cioè tra il potere legislativo, esecutivo e giudiziario affidandoli ad organismi diversi:
Legislativo, si sostanzia nel fare le leggi che regolano i rapporti tra i cittadini e tra cittadini e stato e va affidato a rappresentanti scelti dal popolo (Parlamento);
Esecutivo corrisponde all'azione di GOVERNO e compete al sovrano sotto il controllo del Parlamento;
Giudiziario che consiste nell'amministrare la giustizia e applicare le pene nel caso di violazioni ed è detenuto dai magistrati.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email