Ominide 6534 punti

Legittimità delle fonti consuetudinarie


Il ruolo ricoperto dalle fonti consuetudinarie all’interno dell’ordinamento giuridico italiano è definito principalmente da due enti: da un lato da una opinio iuris qualificata (cioè il giudizio elargito da giuristi competenti); dall’altro, invece, dalla Corte costituzionale, la quale ha definito il ruolo delle fonti consuetudinarie attraverso due sentenze: la 129 del 1981 e la sentenza 7 del 1996 (quindici casi). Quest’ultima, in particolare, assume una posizione rilevante e significativa. Essa riguarda il caso Mancuso, un ministro della giustizia. Si tratta di un magistrato di cassazione che adottò posizioni politiche in netto contrasto con il partito cui apparteneva. Tale comportamento, tendenzialmente, di solito sfocia nelle spontanee dimissioni di chi lo mette in atto; ben lungi da fare ciò, Mancuso assunse atteggiamenti sempre più incoerenti. Spinto più volte alle dimissioni, il ministro ribatté dicendo che, se avessero voluto estrometterlo, avrebbero dovuto sfiduciarlo. In Costituzione, però, si parla esclusivamente della mozione di sfiducia nei confronti dell’intero governo. Per aggirare il problema, tramite l’emanazione di un decreto, il capo dello Stato revocò la carica di Mancuso e nominò ministero della giustizia ad interim il presidente del consiglio dei ministri. A quel punto, Mancuso sollevò questione di costituzionalità di fronte alla Corte e nei confronti del governo che lo aveva sfiduciato, del capo dello Stato e del presidente del consiglio dei ministri. La Corte respinse il ricorso di Mancuso, ritenendo che il governo, il presidente del consiglio e il capo dello Stato avessero agito senza ledere alcun principio costituzionale. La corte motivò tale posizione sostenendo che, guardando alla storia giurisprudenziale italiana, è possibile notare che si sono verificati diversi casi di sfiducia individuale. Questi precedenti, secondo la Corte, si erano consolidati come una vera e propria fonte consuetudinaria. La risposta della Corte, dunque, fortifica e consolida il ruolo delle fonti fatto. Nel caso in cui un singolo ministro si ponga in una posizione insanabile con il governo e si rifiuti di dimettersi, l’unico modo per «sbarazzarsene» senza far decadere l’intero governo richiede l’attuazione di una fonte consuetudinaria.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email