Ominide 6534 punti

Legittimità del diritto interno rispetto alle fonti dell’Ue


Nell’ambito della legittimit giuridica tra diritto interno e fonti dell’Ue acquista un solo fondamentale la sentenza 170 del 1984, tramite cui la Corte costituzionale sostiene che non le spetta più il compito di dichiarare illegittimo un regolamento dell’UE rispetto alla legge ordinaria nel caso in cui esso entri in contrasto con i principi fondamentali; è il giudice che, caso per caso, potrà disapplicare la legge interna che contrasta con il diritto comunitario. La soluzione di quest’eventuale antinomia tra diritto interno e diritto comunitario prevede tutt’oggi che non venga chiamata in causa la corte costituzionale, bensì esclusivamente il giudice comune a cui è affidato lo specifico caso. La legge interna, pertanto, non viene né abrogata né annullata, ma esclusivamente disapplicata, dunque sospesa nella sua efficacia.
Quindi, fino agli anni 60 si ragionava sulla base del criterio cronologico (per abrogazione); negli anni 70 è stato utilizzato il criterio gerarchico, sulla base del quale la legge interna poteva essere dichiarata invalida e, infine, negli anni 80 si favorì la disapplicazione.
tramite la sentenza 170 del 1984 la Corte costituzionale propose una summa del percorso giurisprudenziale che si è susseguito in merito all’impatto giuridico delle fonti dell’UE sul nostro ordinamento interno. Come già visto, fino agli anni 60 si ragionava sulla base del criterio cronologico; negli anni 70, poi, il rapporto giuridico tra fonti UE e fonti interne è stato esaminato alla luce dell’articolo 11 della costituzione italiana, il quale pone dei limiti alla sovranità nazionale. Qualora una legge ordinaria contrasti un regolamento UE, essa viene caducata (perde la propria efficacia) in quanto considerata illegittima nei confronti dell’articolo 11. Nel 1983, infine, la corte affida ai singoli giudici la valutazione della compatibilità tra leggi ordinarie e fonti UE, autorizzandoli a disapplicare, caso per caso, la legge ordinaria qualora essa contrasti la fonte UE, ovviamente tenendo sempre conto dei controlimiti costituzionali rappresentati dai principi inviolabili e inalienabili.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email