Ominide 191 punti

la strada ferrata di Emilio Praga

La strada ferrata di Emilio Praga


tema = la ferrovia che viene costruita cambia il paesaggio e incita i contadini ad accoglierla per quello che è, come simbolo della modernità.
Da metà cambia la metrica e il poeta esprime il suo punto di vista: questa nuova struttura cancella la storia, la bellezza e la poesia dei paesaggi. Capisce l’utilità e il vantaggio, ma il passato è destinato ad essere cancellato.

• Addio bosco di frassini ombrose, campagne di biade ondeggianti. Addio strade del villaggio dove i bambini giocano . Addio pace dei campi che induceva a riflettere all’abitudine di stare soli e straiati. L’operaio già costruisce la strada di ferro.

Passerà questa strada ferrata sopra i resti dell’antico convento, sulle tombe dei monaci morti se questi non sono finiti all’inferno lo saprà Dio il quale sarà stupito per questa nuova tecnologia. Il cantico INUTILE (gratuito, per amore della musica) porterà via la scettica età (età del progresso scettica perché non ha fede nelle cose del passato).

Che terrore nel loro nido nascosto proveranno gli uccelli quando il treno fischierà nella vallata e sarà l’unica cosa di cui si parlerà nelle case. Dice ai vecchietti do aspettare a morire per vedere ciò. Che cosa diranno gli infelici e gli oppressi dalla povertà e i disoccupati a cui l’avvenire non concede nulla se non offrono sudore accanto all’aratro che fa solchi (perche spendere se non abbiamo soldi per mangiare?).
Il treno che passa è un uragano che passa sui campi in cui lentamente l’aratro cerca di coltivare.
L’aratro è lo strumento caro agli uomini che li ha accompagnati nella storia ma esso non regge il confronto e il contadino pensa ai ricchi con i loro soldi che riescono addirittura a crearsi le ali e il contadino pensa ch ciò non conta e per lui quella macchina re4sterà un mistero (Carducci= fischia guardano gli uccelli).

Le ragazze ce non hanno avuto figli si accompagnano alla vita dei poveri quaggiù ma i ragazzi che guardano il lampo con meraviglia quando sentono il tuono, ma le donne che sono invecchiate che grida faranno quando vedranno arrivare questa locomotiva solenne (satana= progresso che cancella il passato).

Essi seguiranno incantati il suo corso e il suo fumo pensando non al fuoco che lo produce ma al fatto che è dannoso per le vigne. Essi pensavano che il Signore non l’aveva creato, perciò bisognava diffidare.

Praga pensava che il suo compito fosse quello di non sorridere di ciò che diceva la gente ma spiegargli cos’era. La gente era insoddisfatta, bersaglio di scherzi. La gente ignorante ride dei contadini che in realtà sono superiori a loro, mentre lui non riderà di come guardano il treno come se fosse qualcosa di strano. Egli andrà tra loro in un giorno di festa per parlare con le persone più adulte della locomotiva che gira il mondo e unisce le genti e i popoli applaudono poiché capiscono l’opportunità e il fatto che non ci saranno più stragi di guerra.
Verranno fatte alleanze fra paesi e città, l’agricoltore e l’artigiano alzeranno insieme l’edificio del progresso e nuove conoscenze saranno annesse alla disposizione dei poveri e si diranno cose che i santi e i preti non hanno saputo trasmettere. Vi dirà che il sudore delle persone è un bene sacro dello stato, che non sono più mandrie indifese ma protette dall’Italia e da una legge giusta.

Stanno costruendo la ferrovia:
- i contadini pensano al fatto che contaminerà le viti e le campagne, e che e meglio l’asinello che è della natura
- il poeta pensa che sarà un vantaggio per tutti.

Cambia la metrica: il poeta esprime le sue perplessità su quello che sta succedendo

O mia poesia perdonami per questo discorso moralista ma mi addolora la vista dei poveri e così cattolico e rigido prometto che al primo fischio spargerò lungo la ferrovia la verità, e questa è la missione della poesia.

Il mio dovere è quello di dire quello che sarà un progresso ma è addolorato del fatto che la natura venga modificata, ma fatto ciò rinnegherà a lui di esprimere il suo dolore. Hanno spianato tutto, l’orizzonte è il cumulo di terra dove è stata costruita la ferrovia.

In che boschi intatti andrò a dipingere se il mondo si copre di pali con fili nel cielo, si perdono abitudini tipiche umane: presto nel treno viaggeranno persone alla moda e il villico li ammirerà, lui dipingerà carta bollata e canterà la fisica applicata.

2 poesie accostate:
1. contadini a cui dice che sarà un progresso per tutti
2. ha detto quello che doveva dire ma è addolorato di quello che sta succedendo

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email