Ominide 2892 punti

Lo stilnovo

E' un movimento letterario italiano sviluppatosi nel duecento. Gli stilnovisti sono principalmente bolognesi. Bologna era una città all'avanguardia. Bologna era metà di molti intellettuali. Lo stilnovo si svilupperà anche a Firenze. Firenze nel '300 è una delle città più fiorenti. Il nome “dolce stil novo” viene coniato da Dante nel XXIV canto del Purgatorio, viene coniato da Bongiunta Orbiciani. La donna è una sorta di intermediario tra uomo e dio. Non tutti possono provare quest'esperienza, solo i gentili. Nell'esprimere come l'amore si manifesta, i poeti fanno uso della filosofia. La poesia dello stil novo ha un taglio filosofico, è più complessa. Conoscenza, scienza, dottrina, l'ars. La sottigliezza è l'eccessivo intellettualismo.
Dolce: riguarda lo stile. Vengono ridotte al minimo le figure retoriche. Il testo deve risultare assolutamente armonioso. Il risultato è una poesia rarefatta.

Novo: riguarda la novità dello stile.
Il manifesto dello stilnovo è "Al cor gentil rempaira sempre amore" di Guinizzelli.
Lo stilnovo influenzerà la letteratura italiana fino a Petrarca. Con lo stilnovo ha come suo soggetto principale l'amore, in particolare quello impossibile, che solo gli uomini di "cor nobile" possono provare (amore cortese). Un altro soggetto fondamentale dello stilnovo è la donna, intesa come donna-angelo.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email