Ominide 643 punti

Eugenio Montale

Nacque a Genova (1896-1981). Anche lui, come già Ungaretti propose sia pure in modo diverso, una nuova e più autentica poesia, in grado di liberarsi da ogni compiaciuto estetismo e dalla retorica di tante correnti poetiche, per andare direttamente all'essenzialità della vita umana, fatta di sofferenze e di solitudine: il male di vivere, per usare la stessa espressione montaliana.
E sul tema del male di vivere sono incentrate le poesie della prima e più importante raccolta. "Ossi di seppia” pubblicata nel 1925. Infatti Montale, oltre ad essere uno dei più importanti e innovativi poeti italiani del Novecento, svolse anche un'intensa opera di orientamento culturale, collaborando alle riviste "Solaria" e "Letteratura" e dirigendo il Gabinetto "Vieusseux",che però fu costretto dopo alcuni anni a lasciare perche non iscritto al Partito fascista.

Nel 1939 Montale pubblicò la raccolta "Leocca sioni" (1939). Tra le raccolte poetiche ricordiamo "La bufera e altro'' e "Satura". Nel 1975 fu insignito del premio Nobel per la letteratura. Mori a Milano nel 1981

Negli anni dell'Ermetismo, l'arte di Montale non è ascrivibile ad una precisa corrente poetica poeta ligure fu senz'altro, con Ungaretti, Quasimodo e Saba, tra i lirici nuovi che apparvero sullo scenario letterario italiano dopo la prima guerra mondiale. Tra le poesie della raccolta, le più note sono "Meriggiare pallido e assorto","Spesso il male di vivere ho incontrato”, "Il canneto rispunta i suoi cimelli", "Cigola la carrucola del pozzo”, “Non chiederci la parola”, "I limoni” e “Il Maestrale”.

Hai bisogno di aiuto in Eugenio Montale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove