Che materia stai cercando?

Storia della filosofia - il romanticismo tedesco

Appunti di Storia della filosofia per l'esame della professoressa Cardullo. Gli argomenti trattati sono i seguenti: il romanticismo tedesco, la negazione della ragione illuminista, l'esotismo, il soggettivismo, l'individualismo, il concetto di popolo, il concetto di nazione.

Esame di Storia della filosofia docente Prof. L. Cardullo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ROMANTICISMO(18°SECOLO)

La filosofia in età romantica si riflette nel pensiero dei massimi esponenti dell'idealismo, in particolare di quello

Critica del Giudizio

tedesco, rappresentato da Fichte, Schelling ed Hegel; esso fu però anticipato da Kant, che nella

aveva aperto la strada alla concezione della natura come inesauribile e spontanea forza vitale dove si esprime la

divinità. La filosofia romantica proponeva un superamento della filosofia illuminista, il cui massimo esponente,

1

Immanuel Kant, pur tracciando le fondamenta del sapere umano con l'attribuzione all'intelletto della possibilità di

costruire una scienza, aveva relegato la ragione unicamente al compito di rendere conto dei limiti della conoscenza

umana e di conseguenza dell'impossibilità di fondare la metafisica.

Il Romanticismo predicava una sostanziale incapacità della ragione nel cogliere la più intima essenza della realtà,

contrapponendo ad essa il sentimento, l'ironia e l'istinto.

Temi caratteristici di tutti i campi toccati dal movimento romantico sono:

 Negazione della ragione illuminista: gli autori romantici rifiutano l’idea illuministica della ragione, poiché

questa non è in grado di spiegare la totalità del mondo e la realtà nella loro complessità; si verifica pertanto

un notevole progresso nell'esplorazione dell'irrazionale: i sentimenti, la follia e il sogno, assumono un ruolo di

primaria importanza.

 Esotismo: è una fuga dalla realtà, temporale e spaziale ("Locus amoenus") e rivolge il proprio interesse verso

2

mete lontane dai luoghi di appartenenza, oppure ad un’epoca diversa da quella attuale .

 Soggettivismo e individualismo: con l'abbandono della ragione illuministica, la natura, non ha più una sola

chiave di lettura, ma si giunge alla concezione per cui ogni uomo riflette i propri turbamenti e il proprio io

(nella natura) che ne diventa la manifestazione oggettiva.

 Concetto di popolo e nazione: all'universalismo dell'illuminismo si sostituisce una rivalutazione delle

specificità dell'individuo, che a livello di stato e comunità, assume l'aspetto del nazionalismo, contribuendo

così alla formazione della coscienza nazionale e risvegliando un grande interessamento alle espressioni

popolari: da qui la profonda passione per il Medioevo, considerato l'epoca mitica che vide la nascita dei

.

moderni popoli europei Fonte di ispirazione dei poeti romantici sono le opere medievali e quelle classiche di

Omero.

 Ritorno alla religiosità ed alla spiritualità: l’uomo romantico cerca stabili supporti nella fede e nella tensione

verso l’infinito. Si determina così un ritorno all'utilizzo di pratiche magiche e occulte.

 Studio della Storia: mentre nel 1700 illuminista l’uomo veniva considerato quale essere razionale sempre

dotato di dignità a prescindere dal suo particolare contesto storico, in età romantica si recupera una visione

dell’uomo in costante cambiamento. Si sviluppano così nuove discipline come la numismatica, l’epigrafia e

l’archeologia.

Si sviluppa una forte critica all'uso spregiudicato del lume della ragione: i romantici, predicando un ritorno alla

religiosità e invitando al tuffo nella fede), riabilitano i tempi "bui" del Medioevo.

Nel Romanticismo sono spesso ricorrenti alcuni parole chiave come:

 Assoluto e titanismo: è la teorizzazione dell'assoluto, l'infinito immanente alla realtà (spesso coincidente con

la natura) che provoca nell'uomo una perenne tensione verso l'immenso, l'illimitato. Questa sensibilità nei

3

confronti dell'assoluto si identifica nel titanismo

 Sublime: l'infinito genera nell'uomo un senso di terrore e impotenza, definito sublime, che non viene

percepito in modo violento tanto da deprimere il soggetto, ma al contrario l'incapacità e la paralisi nei

confronti dell'assoluto si traduce nell'uomo in un piacere indistinto, dove ciò che è orrido diventa bello.

 Sehnsucht: dal tedesco “desiderio del desiderio” o “male del desiderio”. È la conseguenza di quanto

sperimenta l'uomo nei confronti dell'assoluto, un senso di continua inquietudine e struggente tensione, un

sentimento che affligge il soggetto e lo spinge ad oltrepassare i limiti della realtà terrena, per rifugiarsi

nell'interiorità o in una dimensione che supera la dimensione spazio-temporale.

1 Facoltà del finito.

Medioevo o l’età classica antica.

2

3 Titanismo, perché paragonato allo sforzo dei titani che cercano di liberarsi dalle prigioni che gli ha imposto loro Zeus,

pur essendo consapevoli che non serva a nulla.


PAGINE

2

PESO

177.91 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienza dell'educazione e della formazione
SSD:
Università: Catania - Unict
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher chiaretta2093 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della filosofia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Catania - Unict o del prof Cardullo Loredana.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della filosofia

Storia della filosofia - S. Agostino
Appunto
Storia della filosofia - Hobbes
Appunto
Storia della filosofia - Pascal
Appunto
Storia della filosofia - Spinoza
Appunto