Che materia stai cercando?

Linguistica - innatismo dei principi del linguaggio

Appunti di Linguistica per l’esame della professoressa De Filippi. Gli argomenti trattati sono i seguenti: l'innatismo dei principi del linguaggio, il modello dei principi e dei parametri, le parti del linguaggio, la natura dell’interfaccia LF, le condizioni innate.

Esame di Linguistica docente Prof. R. De Filippi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Modulo 10

L’INNATISMO DEI PRINCIPI DEL LINGUAGGIO

La filosofia l’innatismo concerne qualsiasi teoria che sostenga che una persona abbia delle conoscenze già quando si

nasce, cioè che vi siano nozioni e concetti che non sono imparati per mezzo dell’esperienza.

Oggi l’idea che sembra certa è che i principi del linguaggio siano stabili, innati, che la modificazione avvenga solamente

per una parte minuscola.

Questo modello dei principi e dei paramtri permette di cercare la risoluzione alla tensione incominciata con l’instaurarsi

della grammatica generativa.

Possiamo asserire infatti che le lingue sono identiche e formate dallo stato inziale.

Infatti il metodo dei principi e dei parametri distinguono due nozioni che il concetto di lingua-I teneva colleggate: vi è una

suddivisione infatti da una parte fra il concetto di stato della facoltà del linguaggio e dall’altra parte la concretizzazione

dello stato inziale con parametri stabiliti.

Lo stato della facoltà del linguaggio di un individuo forma la soluzione ai rapporti reciproci in diversi modi che solamente

qualcuno è essenziale per l’indagine sulla natura del linguaggio.

Esaminando la teoria dal punto di vista interno possiamo dire che il linguaggio-I è una concretizzazione dello stato

iniziale, proseguendo secondo le concretizzazione degli stati reali della facoltà del linguaggio.

Infatti per quanto concerne il settore delle caratteristiche mentali del mondo la teoria sulla concretizzazione degli stati

reali della facoltà del linguaggio risulta essere illegittima.

Il miglioramento avuto da queste linee ha portato a porci dei quesiti, ad esempio in quale quantità si può asserire che il

linguaggio sia perfetto? Una delle tesi odierne stabilisce che se non si considerano i tratti fonetici a cui accedono con i

sistemi articolatorio-percettivi, le peculairità di un’espressione che forma l’input dei sistemi di utilizzo del linguaggio

derivano del tutto dal lessico; tutto ciò riguarda una chiarificazione delle ipotesi precedenti che se adatta, richiede una

modificazione dell’idea dell’interfaccia fra facoltà di linguaggio e altre facoltà della mente dell’uomo.

Richard Kayne propone un’altra indagine recente che stabilisce che non c’è una modificazione nell’ordine temporale.

Quindi l’ordine forma un riflesso di qualità strutturali costituita durante la computazione: tutte le lingue hanno una forma

base soggetto-verbo-oggetto, se si usano queste idee.

Pensiamo che sulle fondamenta di queste ipotesi le lingue possano essere imparate, però una parte non possono

essere utilizzate perchè a cause delle circostanze di economia globale possono rappresentare un complessità di

computazione totale.

Perciò la conclusione che le lingua hanno una parte che non si può utiizzare è sorprendente.

Vi è un’ulteriore quesito che prova a dimostrare che le parti del linguaggio possano essere usate sono identificate dalle

tesi della computazione, dell’esecuzione, che non è affatto un lavoro semplice.

I problemi di questa portata ci portano allo studio del linguaggio, della mente.

Inoltre altri problemi concernono la maniera in cui i sistemi di esecuzione usano le espressioni create dal linguaggio-I.

Perciò l’espressione linguistica è formata da due diverse forme: 1) la forma fonetica cioè qualche tratto dell’espressioni

formate dal linguaggio-I danno dei comandi ai sistemi percettivo e articolatorio; 2) la forma logica cioè allcune

caratteristiche di un’espresssione linguistica danno dei comandi ai sistemi concettuali, intenzionali; inoltre questa forma

per quanto concerne il significato tecnico la definiamo LF. Se queste idee sono giuste, le scoperte saranno essenziali.

Infatti questi esami di rappresentazioni e computazionali mentali sono uguali alle indagini su in che modo l’immagine di

un cubo che si muove sia formata dagli stimoli sulla retina ecc.

Mentre dal punto di vista dell’interfaccia i problemi sono ancora più complicati.

Infatti sembre che l’ipotesi più adatta concerne la natura dell’interfaccia LF è che le peculiarità semantiche

dell’espressione linguistica si applichino su punti di vista scelti dal mondo in modo tale che gli aspetti scelti dal mondo

siano esaminati da ulteriori sistemi di conoscenza e che diano dei punti di vista complessi inziando da queste bisogna

esaminare in maniera dettagliata questi aspetti; inoltre in quest’osservazione bisogna prendere in considerazione le

1


PAGINE

3

PESO

43.00 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Linguistica
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze dell'Educazione e della Formazione
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher erica.depasquale di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguistica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Niccolò Cusano - Unicusano o del prof De Filippi Raffaella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Linguistica

Linguistica - nuovi orizzonti nello studio del linguaggio
Appunto
Linguistica - modelli di spiegazione dell'uso del linguaggio
Appunto
Linguistica - importanza dei fattori sociali nell uso del linguaggio
Appunto
Linguistica - linguaggio e interpretazione riflessioni filosofiche e ricerca empirica
Appunto