Tappe della Tolleranza religiosa dal 1500 in Europa

• 1492: scoperta dell’America
Cambia l’assetto sociale ed economico degli stati europei: nasce l’economia capitalistica, i borghesi si arricchiscono diventando commercianti e l’arrivo di una grande quantità di oro e metalli preziosi arricchisce le monarchie europee (soprattutto quella spagnola).
• 1517: Martin Lutero promulga le 95 Tesi
Si diffonde il luteranesimo (o protestantesimo), che ha come scopo quello di eliminare i “mali della Chiesa” basandosi sul principio del Sacerdozio universale. Esso ha grande diffusione soprattutto in Germania (patria di Lutero) ed in Inghilterra, fino al 1534.
• 1534: Atto di Supremazia
In Inghilterra fu firmato l’Atto di Supremazia, che dichiarava lo stato di religione Anglicana.
• 1540: si diffonde il Calvinismo per opera di John Calvin
Il credo si basa sull’idea di predestinazione e sulla grazia divina. Esso si diffonderà tra gli stati più progrediti e ricchi dell’epoca, ovvero la Francia, l’Ungheria e i Paesi Bassi.
• 1555: pace di Augusta
Carlo V d’Asburgo (cristiano), dopo una lunga serie di battaglie senza né vincitori né vinti con i principi protestanti dell’Impero, promulga la Pace di Augusta, che sancisce il principio del “cuius regio eius religio” ovvero “la religione appartiene a chi possiede il potere”, di conseguenza i potenti principi protestanti poterono decidere la fede da professare, ma non i loro sudditi.
• 1559: il re di Francia Enrico II muore
Enrico II muore a causa di una giostra, al suo posto subentra Caterina Dei Medici, la quale cercò di perseguire una politica di equilibrio e tolleranza.
• 1572: notte di San Bartolomeo, assalto agli ugonotti di Francia
Dalla salita al trono di Caterina Dei Medici, ci fu una grande divisione religiosa che tese ad inasprirsi sempre di più con il passare del tempo. La Francia del tempo era divisa principalmente tra due fazioni: quella dei Guisa, cattolici e quella dei Coligny, protestanti.
Nella notte di San Bartolomeo (24 agosto) moltissimi protestanti e ugonotti furono trucidati, tra cui lo stesso ammiraglio di Coligny.
• 1588: Parigi val bene una messa
Enrico III di Francia diventa re, allo stesso tempo i protestanti si riorganizzano sotto la guida di Enrico di Borbone e i cattolici sotto Enrico di Guisa. Enrico III, che fece assassinare Enrico di Guisa, si allea con Enrico di Borbone e lo designa come erede al trono a patto che diventi cattolico. Enrico di Borbone si converte al cattolicesimo, dando vita alla famosa frase “Parigi val bene una messa” e diventa re come Enrico IV.
• 1598: Editto di Nantes
Con l’editto di Nantes la Francia raggiunge la pacificazione interna. Secondo tale editto la Francia sarebbe stata di fede cristiana cattolica ma gli ugonotti avrebbero avuto libertà di culto in tutta la Francia tranne che nella singola città di Parigi. Come ulteriore garanzia gli ugonotti ricevono 100 piazzeforti distribuite in tutta la Francia.
• 1618: defenestrazione di Praga – inizio della guerra dei 30 anni
Dopo la grande opera di restaurazione del cattolicesimo da parte di Ferdinando di Stiria, imperatore del Sacro Romano Impero, il 23 maggio del 1618 la folla defenestra due funzionari imperiali dal palazzo di Praga.
• 1648: pace di Westfalia – fine della guerra dei 30 anni
La guerra dei 30 anni finisce con la vittoria della Francia sugli Asburgo. La pace di Westfalia è data da un insieme di trattati che:
- Riconoscono le tre religioni fondamentali (cattolicesimo, luteranesimo e calvinismo);
- Aboliscono il principio “cuius regio eius religio” in tutti i territori della Germania tranne quelli sotto il diretto controllo degli Asburgo;
- Concedono agli Asburgo i territori di Austria, Boemia e Ungheria;
- Concedono alla Francia Verdun e l’Alsazia;
- Concedono il dominio baltico alla Svezia;
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email