pexolo di pexolo
Ominide 6526 punti

Nella seconda metà del ‘500 e agli inizi del ‘600, le differenze religiose interne all'Impero asburgico vengono gestite con certi margini di tolleranza da parte dell’imperatore, che tenta di chiudere un occhio lasciando fare i prìncipi, a essere tollerante.

La situazione comincia a cambiare quando salgono sul trono imperiale, in successione, dei sovrani che sono stati educati in maniera attinte ai princìpi della Controriforma cattolica. Il sovrano Massimiliano II manda i suoi figli alla corte di Filippo II, a Madrid, dove essi crescono nell'ambiente e nella cultura tipica della Controriforma spagnola: quando essi salgono al trono austriaco poiché eletti imperatori portano nel loro modo di governare un’impostazione più severa e intollerante dal punto di vista religioso.

Questo succede anche all'inizio dell’impero di Rodolfo II, un personaggio sui generis. Egli, che pare essere stato affetto da una malattia mentale, sposta la capitale e sede della sua corte da Vienna a Praga e fa accedere a corte dei personaggi talvolta ambigui (talvolta dei grandi astronomi, come Keplero, Tycho Brahe, che partecipano alla corte praghese di Rodolfo II; talvolta degli artisti, come Giuseppe Arcimboldo, che è famoso per i suoi ritratti raffigurati come composizione di frutta). È nell'epoca di Rodolfo II che nasce il mito di quella Praga misteriosa e magica che è ancora uno dei tratti che caratterizza la città.

Con l’avanzare degli anni aumentano stranezze di Rodolfo II: l’imperatore concede sempre più spazio alla presenza di minoranze religiose né luterane, né cattoliche all'interno dell’Impero, in particolar modo ai Calvinisti e agli Ussiti; addirittura, nel 1612 aveva firmato una lettera di maestà, concedendo la piena libertà di culto all'interno del territorio imperiale. Questa liberalità religiosa viene accolta con particolare favore in aree dell’Impero come la Boemia dove, pur rimanendo in minoranza, c’è una significativa presenza calvinista.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email