Ominide 1445 punti

Lega di Smalcanda

L’affermarsi della religione di Lutero portò durante la dieta di Spira, nel 1529, a una coalizione di sei principi e quattordici città tedesche che si oppose alla decisione di Carlo V di estendere a tutti gli Stati dell’Impero l’Editto di Worms del 1521 che condannava il luteranesimo e che chiedeva la restituzione agli ecclesiastici delle terre conquistate. Di fronte a questo consolidamento della frattura tra le due parti Carlo tentò con la dieta di Augusta nel 1530 di superare, invano, lo scisma. Malgrado il tentativo di Filippo Melantone di portare in questa dieta una confessione luterana più ammorbidita, che non comprendesse tutti quegli aspetti che contrastavano il cristianesimo, l’intesa non riuscì e nel 1531 i principi luterani fondarono la Lega di Smalcanda e si predisposero a combattere contro i tentativi di forzare la loro scelta, la guerra si concluse nel 1555 con la pace di Augusta.
La riforma però si era estesa oltre i territori tedeschi. In Francia la riforma fino al 1534 non aveva incontrato grossi ostacoli, ma in quell’anno manifesti violentemente anticattolici furono appesi ovunque, perfino sulla porta della camera da letto del re, così Francesco I non esitò a reagire scatenano una repressione che sarebbe proseguita col successore, Enrico II, che istituì anche la Chambre Ardente, una sezione del Parlamento destinata ai processi contro gli eretici. La corrente luterana si impose invece nell’Europa settentrionale e tra il 1523 e il 1539 si diffuse in territori come Norvegia, Svezia, Danimarca, Finlandia e Islanda.
In Svizzera invece la riforma non si diffuse direttamente, ma attraverso la predicazione di Ulrich Zwingli, un umanista che tra il 1524-1525 riformò la Chiesa di Zurigo, ma a differenza del luteranesimo abrogò il sacramento dell’eucarestia, che riteneva solo un rito commemorativo. Inoltre questi attaccò la pratica del servizio militare mercenario a cui i contadini svizzeri si dedicavano in gran numero, ottenendone l’abolizione. Gli altri cantoni cattolici, però, dominati da una forte aristocrazia guerriera che faceva leva su questa attività, si opposero a questa contestazione e nel 1531 nella battaglia di Kappel lo stesso Zwingli venne ucciso.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email