gaiabox di gaiabox
Ominide 3551 punti

Promosse da confraternite e ordini religiosi e sostenute da vescovi di singole diocesi - e con lo sviluppo del movimento culturale dell'Umanesimo cristiano: tutte esperienze ricondotte dagli storici alla 'Riforma cattolica'. Su questo sfondo si affermò la Riforma luterana tesa a un rinnovamento del cristianesimo non solo spirituale e morale, ma anche dottrinale. Infatti, la pluralità dei movimenti religiosi protestanti, sviluppatisi nel solco aperto da Martin Lutero, sollevò importanti questioni dogmatiche, capaci di condurre alla rottura dell'unità religiosa dell'Occidente europeo. Dinanzi a tale frattura maturò la ridefinizione della fede cattolica attuata dal Concilio di Trento, un Concilio considerato espressione sia della volontà di rinnovamento sia della reazione controriformistica della Chiesa.

L'Umanesimo cristiano, diffusosi in Europa nei primi decen-ni del XVI secolo, univa l'intenzione di promuovere una renovatio religiosa con l'interesse umanistico per l'antichità greca e latina. A tale movimento culturale si possono ricondurre le figure di John Colet e Tommaso Moro in Inghilterra, di Guillaume Budé e Jacques Lefèbvre d'Etaples in Francia, del cardinale Jiménes de Cisneros e di Juan Luis Vivés in Spagna di Johannes Reuchlin in Germania e di Erasmo da Rotterdam, intellettuale di respiro europeo.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email