Habilis 5255 punti

Il dispotismo illuminato: Caterina II di Russia


Caterina II sale al trono di Russia dopo che il marito lo zar Pietro III era stato costretto ad abdicare dagli officiali della guardia. Molto intelligente, e colta, aveva un’esperienza politi cadi primo ordina. Voleva la grandezza della Russia e nel contempo aveva una passione per il potere personale. Seppe circondarsi di collaboratori validi, ma non abbandonò mai l’autorità nelle loro mani. Si preoccupò molto della sua reputazione, strinse rapporti stretti con i filosofi illuministi i quali non esitarono sa celebrare i suoi meriti. Pere rendersi di quali riforma il suo popolo avrebbe avuto bisogno, intraprese dei viaggi attraverso la Russia e nel 1766 un’apposita commissione sa cui essa presento delle istruzioni finalizzate alla redazione di un nuovo codice ispirate alle idee illuministe.
Nel XVIII secolo, la Russia restava, prima di tutto, un grande paese agricolo dai metodi tradizionali. I nobili possedevano enormi proprietà che sfruttavano direttamente o che davano in concessione ereditaria a dei contadini. I contadini pagavano le tasse in denaro o in prestazioni lavorative gratuite e la maggior parte di essi non poteva lasciare la terra senza il permesso del proprietario. Il commercio e l’industria pur non essendo trascurabili, non avevano la stessa importanza dell’agricoltura. Nell’insieme le condizioni di vita dei lavoratori erano i miserevoli, aggravate dall’aumento dei prezzi. Spesso nelle campagne si avevano delle sommosse.
Caterina II, volle dare all’Impero russo una migliore organizzazione. Fondò anche delle città nuove nelle parti più lontane dell’Impero. Il suo ministro Potemkine valorizzò, per esempio, la Russia del Sud e la Crimea, annessa nel 1784. Egli fondò Sabastopoli e creò una flotta navale stanziata sul mar Nero. L’imperatrice protesse l’istruzione creando un’apposita Accademia a San Pietroburgo, e un istituto educativo per le ragazze nobili. Incoraggiò anche la ricerca scientifica e favorì lo sviluppo della letteratura russa. Con le sue conquiste, Caterina II ingrandì notevolmente il territorio dell’ Impero. Tuttavia alla sua morte, avvenuta nel 1796, la Russia comprendeva una minoranza di privilegiati che vivevano in un paese mal sfruttato e in cui i contadini lavoravano in condizioni molto difficili.
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze