Ominide 2471 punti

Cause della guerra


Si diffondono in modo molto forte ideologie razziste. Questo razzismo non si tratta di una semplice intolleranza verso il diverso o lo straniero. Stiamo parlando di un salto di qualità dato da un’interpretazione scorretta delle teorie darwiniane, per cui si pensa che esistano razze superiori per motivi biologici oltre che culturali. Queste razze superiori sono chiamate a dominare il mondo. Si comincia a diffondere il mito della razza ariana, molto forte in Germania. Questa razza deriverebbe dall’India, in particolar modo in Tibet; si è diffusa in Europa e la sua purezza biologica è stata contaminata da rapporti incestuosi con altre razze. La crisi dell’occidente è quindi dovuta da un problema biologico: inquinamento della razza ariana. In questo momento l’Europa sta colonizzando Africa e Asia. L’atteggiamento è far valere la propria supremazia sulle razze inferiori. Altra cosa terribile sono gli zoo umani: venivano ricostruiti villaggi africani nei parchi di Londra ad esempio, con gli uomini che le abitavano. Altra questione legata al razzismo biologico è l’antisemitismo. Non si tratta più dell’antigiudaismo, in cui si perseguitavano gli ebrei per motivi religiosi (erano accusati di aver ucciso Dio); si comincia a dire che gli ebrei sono biologicamente diversi e inferiori agli altri. L’antisemitismo c’entra molto poco con la religione in questo senso. Gli ebrei erano un popolo senza nazione e questo era intollerabile per i nazionalisti dell’epoca. L’antisemitismo si diffonde moltissimo in tutta Europa, ad eccezione dell’Italia, in cui questa mentalità non attacca moltissimo nel popolo.
Da una parte in questo periodo c’è la belle epoque, le economie interconnesse, gli investimenti tra paesi ecc. che facevano pensare che non ci sarebbero state guerre in Europa e dall’altra ci sono molte tensioni (razzismo, nazionalismo, antisemitismo ecc.).
A livello internazionale in realtà le tensioni erano molto forti e il grande “osservato” d’Europa era l’impero Austro-Ungarico, nato nel 1782 per l’unione delle corone di Austria e Ungheria sotto un unico imperatore. All’interno dell’impero vivevano in particolare 3 gruppi etnici molto in fermento: gli italiani (molti con l’idea di unirsi all’Italia), i cechi (volevano l’indipendenza di Boemia e Moravia) e i popoli balcanici (arrabbiati per l’inglobamento di Bosnia e Croazia). In Bosnia i musulmani erano favorevoli all’impero, tanto che molti di loro partecipano alle guerre contro i popoli contro l’impero. I conflitti etnici, in particolare in Bosnia, sono noti per i numerosi omicidi nei confronti dei musulmani. A causa di questo squilibrio al parlamento di Vienna si decide di dare la corona tripartita a Francesco Ferdinando, che viene ucciso nell’attentato di Sarajevo perché i serbi volevano lo stato degli slavi del Sud guidato dai serbi.
Scoppiano 2 guerre balcaniche (1912-13) per spartirsi la Macedonia, un territorio appartenente all’impero ottomano, che non riesce più a gestirlo. Ne esce vincitrice la Serbia che si rinforza sia a livello di potere che di territorio.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email