blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Raffaello - Scuola di Atene (2) scaricato 12 volte

Scuola di Atene

L’opera celebra la verità razionale, cioè la facoltà dell’anima di conoscere il vero attraverso la scienza e la filosofia. Al di sotto delle volte a botte di una maestosa navata sono raffigurati i più celebri filosofi dell’antichità mentre discutono le rispettive teorie, posti su due livelli e separati da una scalinata. L’architettura maestosa e scenografica occupa metà della scena e conferisce alle composizione equilibrio e compostezza. Al centro vi sono Platone, che ha il volto di Leonardo da Vinci, alludendo al mondo delle idee, che egli riteneva l’unica realtà esistente, e Aristotele, che rivolge il palmo della mano verso terra, a indicare che l’unica realtà è quella percepibile dai sensi. Attorno a loro discorrono altri filosofi e matematici e i gruppi dei loro seguaci. All’estrema sinistra è Epicuro, in veste di Bacco, e vicino Pitagora, che scrive su un libro. Dalla parte opposta è Euclide, con tratti di Bramante, che disegna con il compasso su una lavagnetta nera. La figura di Eraclito, ritratto pensoso in primo piano presso un blocco di marmo mentre scrive ha le fattezze di Michelangelo (di cui indossa i tipici stivali). Sui gradini della scalinata è disteso Diogene, mentre in cima a sinistra c’è Socrate, in verde, che incita al dialogo un piccolo gruppo di persone. Il fatto che all’estrema destra, in vesti contemporanee, siano ritratti Raffaello stesso con l’amico e collega Sodoma è indice di una nuova consapevolezza del ruolo sociale dell’artista.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove