Ominide 71 punti

Donato Bramante

Nasce nel 1444 ad Urbino, muore nel 1514 a Roma
E' considerato un artista che apre un nuovo mondo, viene considerato un artista cinquecentesco->la sua arte è talmente innovativa che rompe gli schemi quattrocenteschi
L'educazione artistica (ambito pittorico) avviene verosimilmente ad Urbino (città culturalmente sviluppata), ma non abbiamo notizie dei suoi primi decenni di vita.
Potrebbe aver avuto contatto con il maestro Piero della Francesca o con gli artisti che lo circondano->la pittura di Bramante ha dei legami con quella di Piero della Francesca soprattutto per lo studio della prospettiva.
Bramante è fondamentalmente ricordato come architetto. La formazione di architetto avviene verosimilmente ad Urbino, ma non abbiamo nessuna certezza.
A partire dalla fine degli anni 70 si trasferisca in Lombardia, a Milano, dove realizza le sue prime architetture che conosciamo.
Nel 1499 il Ducato di Milano viene abbattuto dai francesi -> gli artisti si spostano -> Bramante si trasferisce a Roma ed entra al servizio dei pontefici, in rapporto stretto con il papa Giulio II. Egli entra in rapporto con Alessandro VI, il papa Borgia.
A Roma esegue diverse architetture importanti.
Tra queste esegue due opere ideologicamente legate fra loro (figura di Pietro, storia della religione cristiana e del papato), ma molto differenti strutturalmente.
Tempietto di S.Pietro in montorio, che sorge dove, secondo la tradizione, è stato crocifisso Pietro (Gianicolo) -> nella cripta c'è il foro dove è stata infissa la croce.
Si tratta di un'architettura piccola dimensionalmente ma importantissima.
L'edificio è importante perché è il risultato della ricerca degli architetti rinascimentali.
E' un edificio a pianta centrale, definita "perfetta" per la perfetta simmetria; allude alla perfezione del creato e del creatore -> rimanda a valenze simboliche fondamentali.
Il modello raggiunto da Bramante sarà di riferimento per secoli.
In questo edificio troviamo: 1) Risultato di una ricerca durata 100 anni 2) Il modello classico è fondamentale 3) Recupero della pianta del tempio greco a tolos.
Il tempietto ripropone un ordine architettonico classico, l'ordine tuscanico, nato in Etruria ma considerato un discendente dell'ordine dorico.
Bramante suggerisce inoltre una soluzione ad un altro problema: la copertura per il tempietto a tolos (pianta circolare) -> soluzione: cupola emisferica.
Il tempietto è la summa -> punto d'arrivo massimo per il risultato di una ricerca. Ogni parte è perfettamente in rapporto proporzionale con le altre parti -> architettura armonica e modulare -> il modulo su cui insiste Bramante è il cerchio (figura geometrica perfetta) -> tutto rimanda al cerchio.
Basilica di S.Pietro
Papa Giulio II decide di ricostruire l'antica Basilica di S. Pietro, affida il progetto a Bramante (1504 ca). Sorge esattamente sul luogo dove è stato sepolto Pietro -> sorge su un sepolcreto in una delle cui tombe verosimilmente è sepolto Pietro -> esattamente su quel punto c'è l'altare.
Progettata e iniziata da Bramante -> Bramante presenta più progetti; scelgono il progetto e iniziano i lavori, abbattendo l'abside -> deve costruire una struttura architettonica che protegga la tomba di Pietro nel corso dei lavori -> con la morte il cantiere non si ferma e giungono nuovi architetti che riportano modifiche che complicano i lavori.
Il progetto nasce con Giulio II, nel 1400 più papi elaborano modifiche, qualche lavoro viene anche compiuto ma Giulio II decide di restaurarla -> progetto che porta alla spaccatura del mondo cristian. Muore nel 1513.
Nel 1546 viene nominato architetto della basilica Michelangelo, che presenta un progetto completamente diverso dal suo predecessore -> propone una basilica a pianta centrale a croce greca con cupola emisferica -> per quasi 20 anni sta sul cantiere ma non la completa, così subirà modifiche -> infatti ci sarà una basilica a pianta longitudinale con l'aggiunta di navate. La cupola viene completata intorno al 1580 -> a sesto acuto, invece che a tutto sesto.
Agli inizi del 1600 viene realizzata la facciata -> in realtà i lavori non terminano mai ("Fabbrica di S. Pietro).
Noi non possediamo nulla di fisico di Bramante, possediamo una serie di disegni e una medaglia coniata per l'inizio dei lavori -> in particolare un disegno detto "piano di pergamena" di grandi dimensioni ed è una bella copia presentata al papa -> questo presenta solo una parte della basilica -> gli storici cercano di integrare il disegno -> si pensa che il disegno sia la metà esatta della pianta (speculare) -> costituita da un quadrato dove si andava a sovrapporre una croce greca con al centro i pilastri che sorreggevano la cupola e dovevano essere presenti delle cupole minori e 4 campanili angolari.
In realtà esistono altri disegni di Bramante -> da questi e dai documenti scopriamo che la basilica era in realtà una basilica a pianta longitudinale -> non a caso chi subentra a Bramante, ovvero Raffaello, prevede una pianta longitudinale.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove