Identificazione:
Oggetto: quadro
Autore: Pierre-Auguste Renoir
Titolo: La grenouillère
Data: 1869
Luogo di conservazione: stoccolma, nationalmuseum
Tecniche e materiali: olio su tela
Dimensioni: 66,5x81 cm
Motivi della realizzazione: Renoir dipinse questo quadro per puro piacere personale
Osservazione e descrizione:
Pierre-Auguste Renoir nel suo dipinto sembra rappresentare un paesaggio ma, in realtà, La Grenouillère era un luogo urbano tra i ritrovi più celebri della borghesia parigina in gita domenicale, situato sulle rive della Senna.
Gli elementi principali dell'opera sono i numerosi alberi e cespugli ma i veri protagonisti dell'intero quadro sono l'acqua e i mille riflessi della luce.
Al centro vi sono parecchie figure appena definite.
Si può capire che fanno parte della classe borghese grazie alle loro vesti, anche se appena accennate da macchie di colore, molto eleganti.

Esse affollano l'isolotto, ve ne sono alcune in acqua e altre camminano sul ponte.
Piccole imbarcazioni sono ormeggiate lì vicino.
Il quadro ricorda una foto scattata senza pensare troppo all'inquadratura dato che diversi elementi come gli alberi, le barche, i bagnanti e il chiosco sono "tagliati" dai margini della tela.
Per il resto il luogo non ha una presenza monumentale che ne segni lo spazio.
Il quadro presenta un contenuto lieve e per questo trasmette all'osservatore una sensazione di spensieratezza e tranquillità.
C'è un forte effetto atmosferico, di movimento d'aria e di vibrazione sulla superficie della tela. Ciò è dato dall'utilizzo di colori puri, di contorni poco netti e di pennellate veloci per ottenere un risultato il più possibile spontaneo, fresco e immediato.
Renoir cerca di cogliere la sensazione di essere in un luogo attraverso la percezione di luci e colori.
Le forme, grazie a questa sensazione di sfumato e sfocato che la pittura trasmette, apportano al quadro una sensazione di leggerezza.
La tela è colma di colori stesi a pennellate divise, più nette nella parte inferiore del quadro, più sfumate nella parte alta.
Da notare il verde cupo delle foglie dell’albero che stacca in maniera perfetta il primo piano dallo sfondo, trattato con diversa tonalità di verde; in questo secondo piano pochi tocchi di bianco-celeste riescono a dare l’illusione perfetta di un ulteriore piano di profondità.

Contesto storico-culturale:
Nel 1870 in Francia venne proclamata la Terza Repubblica.
Proprio in questo periodo Parigi si vede arricchire di stazioni ferroviarie, teatri, musei, ristoranti, casinò e caffè.

Vi era l'illuminazione pubblica e la rete metropolitana era una delle più estese.
A Parigi vi erano tutti i presupposti per la più grande novità artistica del secolo: l'impressionismo.
La figura dell'artista:
Pierre-Auguste Renoir è uno tra i massimi esponenti della corrente artistica dell'impressionismo.
Le sue tele sono ritenute divertenti, allegre e sensuali.
Il piacere è una delle caratteristiche più evidenti delle sue opere.
Per Renoir la ricerca del "bello" non è una limitazione dei soggetti, per lui tutto ciò che esiste, tutto ciò che vive, è bello e tutto ciò che è bello merita di essere dipinto. Per lui la pittura deve esprime la gioia di vivere, esaltare la felicità del partecipare alla vita di tutto ciò che di bello ci circonda.
Confronti:
Nell’estate del 1869 Pierre-Auguste Renoir e Claude Monet si recavano insieme in un villaggio posto sulla riva della Senna, a poca distanza da Parigi, dove entrambi crearono i loro rispettivi quadri de la La Grenouillère.
Pur rappresentando lo stesso soggetto i quadri sono molto diversi in innumerevoli aspetti.
Il dipinto di Monet privilegia l’immagine d’insieme, le figure non sono tratteggiate a differenza delle piante e della natura circostante.
Utilizza pochi colori, le pennellate sono orizzontali e ciò porta a mettere in evidenza zone di luce e di ombra creando alcuni bruschi cambiamenti cromatici.
Renoir, invece, definisce meglio le figure.
Le pennellate sono minute, leggere e trasparenti creando un effetto frammentato della luce.
Il colore, steso con questa tecnica, conferisce alla tela un’aria festosa e gioiosa.
Sullo sfondo le linee sono molte e sottili.
Entrambi gli artisti però ricercano il senso della mobilità di tutte le cose e studiano i cambiamenti della luce.
Interpretazione:
La Grenouillère di Renoir suscita in colui che ammira il quadro una sensazione di pace e tranquillità.
I colori puri e le pennellate veloci regalano alla tela un apparente sensazione di movimento dato anche dal contrapporsi di colori chiari e colori scuri.
Essi infatti creano una luminosità nel quadro che trasmette allegria e gioia.
Il dipinto non è ricco di elementi e proprio per questo fa percepire all’osservatore la sensazione di una tipica giornata estiva.
Con questo quadro, per me, Renoir voleva far capire tutto il piacere che provava nel dipingere e che questa attività era fine a se stessa.
Non cercava né fama né gloria, ma semplicemente dipingeva per il gusto di farlo.
Dipingeva ciò che lui riteneva bello e ciò che per lui valesse la pena essere dipinto.
Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email