o

La tela del pittore Pablo Picasso rappresenta il bombardamento della città di Guernica, in Spagna, da parte dell’aviazione tedesca per ordine del Generalissimo Franco.
E’ una tela orizzontale, lunga 7. 28 metri e larga 3. 54 metri.

Descrizione stilistica dell'opera


Tutto il quadro è basato su una tecnica usatissima negli anni “30,il simbolismo, il quale raffigura figure dai visi trasformati, contorti, imprecisi come anche i corpi deformati,ma proprio per questo, è una tecnica che esprime il vero significato del dipinto.
La figura simbolica a sinistra,viene ispirata alla Pietà e rappresenta una donna inginocchiata,con la testa piegata all’indietro e la bocca spalancata, che probabilmente starà urlando per il dolore che prova per il figlio, che è accasciato tra le sue braccia ormai privo di vita.
Sotto vi è una mano allungata,con le dita aperte e un po’ gonfie, sul palmo vi sono dei graffi che scendono fino all’avambraccio. Accanto vi è una testa, priva del corpo, rimasta sepolta sotto le macerie e ormai deformata e scomposta.
Sopra la testa vi è un toro con gli occhi spostati dal loro posto. Per dipingerlo Picasso si è ispirato alla corrida, tipico “sport” Spagnolo.
Al centro,la figura dominante è un cavallo che rappresenta l’urlo cosmico. Ha la bocca spalancata,i denti aguzzi,le narici allargate. Viene chiamato urlo cosmico perché è un urlo che coinvolge tutta l’umanità trafitta dalla guerra.
In basso vi sono dei fogli di giornale che formano il corpo del cavallo e rappresentano la diffusione della notizia dei bombardamenti tedeschi.
In alto vi è una lampadina domestica, segno di speranza e di luce per un futuro migliore. Al di sotto vi è un lume tenuto da una donna,anche questo simbolo di luce divina.
Al centro vi è un groviglio di immagini che rappresentano le case distrutte dai bombardamenti nemici e delle donne ferite che hanno i visi stravolti dal dolore, che tentano la fuga, l’uscita e la liberazione.
A destra,sul bordo,vi è una donna con il viso trafitto dalla sofferenza e con le braccia aperte verso l’alto, che indicano un piccolo finestrino, dal quale entra uno spiraglio di luce.
Un segno di speranza però è dato da un braccio in basso,che stringe una lancia spezzata dalla quale germoglia un fiore.
Picasso ha usato solo 3 colori: bianco, nero e grigio, i quali secondo l’artista raffiguravano perfettamente il dolore e la disperazione di quei tragici momenti.
Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email