Tutor 42224 punti

evoluzione e storia della medicina


La medicina


La medicina è quella scienza che si occupa di studiare il corpo umano con l’obiettivo di garantire un buono status di salute per le persone, preservandole dalle malattie e nel caso in cui una persona si ammali le garantisce nella maggior parte dei casi delle cure opportune. La medicina è anche presente negli ambienti legali come la medicina legale e la medicina forense. Inoltre essa è anche “esercitata” da un medico, essendo intesa come l’esercizio professionale da parte di un medico. Il termine “medicina” ha un campo di interpretazione talmente vasto che il suo significato potrebbe anche essere il sinonimo di “farmaco” che serve per curare le persone.

Qualche nozione storica sulla medicina


La medicina è una disciplina molto antica che veniva praticata già presso popoli antichi, come ad esempio dai popoli mesopotamici. Il primo medico della storia fu infatti Esagil-kin-apli di Borsippa che scrisse un diario diagnostico. La medicina veniva praticata successivamente anche altre civiltà antiche molto importanti come ad esempio quella egizia che, utilizzando il papiro, aveva addirittura stabilito una vera e propria legislazione sanitaria ed esercitava l’arte medica in maniera molto sapiente, adottando dei veri e propri strumenti medici avanzati per l’epoca. Il primo medico greco invece fu Alcmeone di Crotone che realizzò un primo elaborato di anatomia; tra i medici greci ricordiamo anche l’importante Ippocrate che creò il primo studio medico a Cos. Sotto l’impero romano la medicina continuò a svilupparsi e vennero fatti degli importanti passi avanti nell’ambito dell’oftalmologia e dell’urologia. In epoca medievale si ricorda la nascita delle prime università di medicina e della prima scuola di anatomia avvenuta a Bologna nel 1300.

In età rinascimentale inoltre, con l’invenzione della stampa a caratteri mobili, i saperi scientifici e medici furono facilmente riportati in veri e propri testi scritti. Molto importante fu anche in questo periodo la stretta connessione tra medicina e scienze naturali.
Nell’età contemporanea invece la medicina iniziò a fare dei progressi giganteschi avendo degli stretti legami con il progresso scientifico. Si passò quindi verso quel tipo di medicina volta anche a migliorare l’alimentazione e l’igiene delle persone, a far calare il tasso di mortalità e ad aumentare l’aspettativa di vita. Grandi innovazioni in ambito medico sono state fatte nel corso del Novecento, come ad esempio quella fatta da Alexander Fleming nel 1928, nel momento in cui era venuto conoscenza del fatto che scomparvero alcune colonie di stafilococco da una provetta ad opera dello svilupparsi di una muffa di piccole dimensioni, giungendo quindi alla scoperta del concetto medico di antagonismo batterico e a quello di attività antibiotica che avrebbero portato al debellamento delle malattie infettive.

Nei tempi moderni sono anche state scoperte delle altre malattie o sindromi come ad esempio l’AIDS e la SARS, una forma non comune di polmonite, ecc… Nel 1901 fu anche istituito il celebre Nobel per la Medicina volto a premiare i medici meritevoli che con le loro scoperte hanno contribuito a migliorare e fare evolvere il mondo della medicina. Tutt’oggi grandi menti continuano a fare delle grandi scoperte che permettono alla medicina di evolversi in maniera sempre più completa.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email