enrik8 di enrik8
Ominide 359 punti

La caduta dell’Impero Romano – 476 d.C. Cause:


o Invasioni barbariche
o Sistema amministrativo pesante e costoso
o Scomparsa del ceto medio
o Crisi dell’economia schiavistica – scomparsa della schiavitù
o Si estendono i latifondi e diminuiscono le piccole proprietà
o Impoverimento dell’agricoltura – non vengono attuati i lavori necessari per un buon
funzionamento, come ad esempio i sistemi di irrigazione o Declino demografico causato da epidemie, guerre etc.
comporta dunque
o Mancanza di soldati / legionari, non vi sono uomini per combattere e contrastare le
nuove potenze barbariche in espansione.
L’esercito cambia identità saccheggia e ruba, vengono arruolati anche soldati barbari, schivi, criminali; l’esercito non è più un identità romana e “patriottica” ma solo un sistema per i soldati per guadagnare soldi.

Gli ultimi imperatori romani


o Diocleziano ( 284 d.C – 305 d.C.)
Chiamato anche imperatore soldato, precedentemente generale molto conosciuto per le persecuzioni cristiane; dovute all’idea che i cristiani fossero la causa del cambiamento dell’Impero.
Divide l’Impero in due parti, creando un sistema di Duumvirato che consisteva nel avere a capo di ogni parte un imperatore chiamato Augusto. Successivamente, a causa delle dimensioni dell’Impero, viene ripartito in quattro parti, dando così forma alla Tetrarchia diocleziana, che prevedeva la presenza di due augusti e due cesari. Questo per facilitare l’amministrazione del vasto territorio imperiale. Questa frammentazione mette a repentaglio l’unità e la figura di un impero unito e solido.
o Costantino (312 d.C. – 337 d.C.)
Primo imperatore cristiano della storia di Roma. Figlio di un cesare, che però una volto morto il padre non eredita la carica, bensì la rivendica, facendosi così attribuire la nomea di usurpatore.
Massenzio a sua volta usurpatore, regna illegalmente, ed è odiato dal popolo.
Nel 312 d.C. Costantino combatte contro Massenzio a Ponte Milvio (la leggenda narra che Dio in sogno gli abbia detto che avrebbe vinto.
La battaglia è stata vinta da Costantino; Massenzio muore in battaglia.
Nel 313 d.C. Costantino va a Milano dove incontra Licinio (imper. d’oriente). Firma dunque l’editto di Milano, che pone fine alla persecuzione cristiana.

Nel 324 d.C. Costantino cerca di eliminare i cesari, in modo da ritornare al sistema del Duumvirato. Costantino dunque diviene augusto d’oriente, e Licinio a sua volta augusto d’occidente. La citale passa da Roma, a Bisanzio rinominata a seguito Costantinopoli (e in età moderna Istanbul).
Nel 325 d.C. prende luogo il Concilio ecumenico di Nicea. Un incontro tra due religioni: il Cristianesimo (divinità di Cristo) e l’Arianesimo (Cristo non è divino, ma viene riconosciuto comunque figlio di Dio). Da questo concilio emerge la professione di fede e l’identità della Santa Trinità.
La donazione di Costantino (presunta ma non certa): Costantino dona al Papa, il primato della Chiesa di Roma, è quindi più potente delle altre Chiese, inoltre dona tutte le terre dell’Impero d’occidente e il Palazzo del Laterano.
Costantino muore, e i suoi successori sono i figli, che a seguire si faranno la guerra reciprocamente. Costanzo II vince su tutti. Ariano, inizia a perseguitare nuovamente i cristiani.
o Teodosio (379d.C. – 395d.C.)
Creatore di un Imperio Cristiano Romano, finisce definitivamente l’unità politica dell’Impero.
I figli che lo succedono: Arcadio e Onorio, si impossessano rispettivamente dell’impero d’oriente e d’occidente.
Dopo Teodosio non vi sarà mai una sola persona per tutto l’Impero. Si sviluppano due impronte culturali differenti: Ellenico ad oriente, e Latino ad occidente.
Nel 402 d.C. Ravenna diventa capitale dell’Impero, città riconosciuta come sicura perché circondata dalle acque. Gli imperatori, sono pacifici, inerti e senza pretese espansionistiche.
Le popolazioni barbare si insediano nelle zone di confine e alle frontiere dell’Impero.
Il generale visigoto Alarico, allenatosi con l’esercito dell’impero romano, si reca da Onorio per “rivendicare” del denaro e un esercito a lui promesso, senza però ottenere risultati. Nel 410 d.C. Roma viene saccheggiata da Alarico;
e nel 455 d.C. Roma viene nuovamente saccheggiata, questa volta dai Vandali.
Nel 476 d.C. Odoacre (barbaro) prende il potere dell’ultimo imperatore romano: ROMOLO AUGUSTOLO.
476 d.C. Inizio del Medioevo
Odoacre si fa riconoscere da Zenone (imperatore d’oriente), che poi manda Teodorico, un ostrogoto, in missione per uccidere Odoacre, e poi diventa re d’Italia.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email