Genius 13137 punti

Assiri, un impero fondato sul terrore

Il sistema militare imponeva la mobilitazione permanente di gran parte della popolazione e, per questo, gli Assiri ricorsero al sistema delle deportazioni di massa: dai popoli soggiogati venivano prelevate grandi quantità di uomini che, come schiavi o come lavoratori semiliberi, dovevano provvedere alla coltivazione e ad altri servizi, come la costruzione di opere pubbliche, canali per irrigazione, fortificazioni. Gli Assiri riuscirono a tenere saldamente in pugno le regioni conquistate grazie a un’efficiente amministrazione, incentrata sui funzionari del palazzo reale, ma soprattutto con la politica della forza o, per meglio dire, del terrore. Iscrizioni e cronache assire insistono sulle atrocità commesse contro le popolazioni sconfitte (anche allo scopo di scoraggiare i futuri nemici). Così un documento del tempo descrive lo sterminio cui un re assiro si abbandonò nei confronti degli abitanti di una città ribelle: “Davanti alla porta della città innalzai un ponticello di terra, scorticai tutti i capi dei ribelli e disposi le loro pelli lì sopra; alcuni lì seppellii vivi, altri, impalai… Molti prigionieri li bruciai, molti li presi vivi: ad alcuni tagliai le mani e le dita, ad altri il naso e le orecchie, a d altri cavai gli occhi. Feci un mucchio dei vivi e un mucchio dei morti; legai le loro teste ai pali, tutto intorno alla città. Bruciai con il fuoco i loro figli e le loro figlie. Distrussi e devastai la città, la bruciai con il fuoco, la annientai completamente".

Per molto tempo la superiorità militare degli Assiri fu l’arma vincente: tuttavia queste stessa forza conteneva in sé i germi della futura decadenza. Infatti i re assiri non riuscirono mai ad amalgamare realmente i popoli, sottomessi, così da formare uno Stato unitario. Odiati e isolati dai popoli vicini, erano temuti per la loro potenza e non seppero procurarsi alleati tra le popolazioni sottomesse. Quando la superiorità militare degli Assiri venne meno e poté così formarsi una coalizione contro di loro, il crollo dell’impero fu immediato e l’odio covato dai vincitori fu tale da cancellarli completamente dalla storia.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email